domenica 15 novembre 2020

La New York natalizia e golosa di Dash & Lily

dash and lily

Se c'è una città che a Natale dà il meglio di sé è New York: i luoghi iconici si fanno ancora più  scintillanti e magici e tutto sembra ancora più bello
Se siete curiosi di vederla in questa veste non dovete perdere Dash & Lily, delicata rom com in versione teen targata Netflix, tratta dal libro Dash & Lily's book of Dares di Rachel Cohn e David Levinthal. 
Pur costellata di situazioni irrealistiche (molte delle quali legate all'oggettiva impossibilità di trovare luoghi notoriamente affollati di New York praticamente vuoti, ma non solo... un po' come Emily in Paris), questa storia delicata e accattivante in 7 puntate da circa 20 minuti vi conquisterà

domenica 8 novembre 2020

Biscotti a scacchiera per La regina degli scacchi

Biscotti a scacchiera - Cooking Movies

Sapete giocare a scacchi? Io no, o perlomeno, ricordo di aver vagamente provato a imparare da bambina, ma la verità è che non ho mai padroneggiato la scacchiera, nè francamente ho mai avuto rimpianti al riguardo.

Almeno finché non ho visto La Regina degli Scacchi (The Queen's Gambit), nuova mini serie Netflix tratta da un romanzo di Walter Tevis.

domenica 11 ottobre 2020

Tutti pazzi per Emily in Paris (o forse no?) e la ricetta dell'omelette

Criticatissima ma al primo posto tra i contenuti visti su Netflix, Emily in Paris è la nuova serie rom com (10 episodi di circa 25 minuti) creata da Darren Star (sì, proprio lui, quello di Beverly Hills 90210 e Sex and the City) che sta facendo molto parlare di sè.

Perché? Perché Emily in Paris è un concentrato di situazioni irrealistiche, clichè e stereotipi, e negarlo sarebbe impossibile, ma è anche una favola rosa con momenti surreali e divertenti che si lascia guardare con piacere e che scorre via veloce, tanto che io per esempio l'ho finita nell'arco di 24 ore.


Bisogna quindi approcciarla con questa consapevolezza e non aspettarsi niente di più di un meraviglioso concentrato trash, un guilty pleasure da bere tutto d'un fiato, un riempitivo, un momento per staccare il cervello dopo una giornata di lavoro faticoso.

Posso capire che i francesi si sentano indignati e offesi da questa serie o la trovino "ridicule", perché la rappresentazione di Emily in Paris non è semplicemente stereotipata, è proprio assurda ed evidentemente mediata dall'idea che gli americani hanno di come dovrebbe essere la Ville Lumiere.

Un po' come a me aveva dato fastidio quel brutto film di To Rome with Love di Woody Allen, dove gli americani giravano per Roma come se fosse per un parco divertimenti e gli italiani sembravano una manica di deficienti, intenti solo a mangiare, cantare l'opera e a tradire la moglie.

Qui i francesi - in questo caso i colleghi di Emily- sono edonisti che arrivano al lavoro alle 10:30 e fanno pause pranzo di due ore sorseggiando vino, ti fumano in faccia, parlano di te come se fossi una minorata. I francesi di successo - in questo caso l'affascinante profumiere Antoine Lambert - hanno una moglie ma anche un'amante a cui la situazione va bene così (wtf?). I francesi hanno un'educazione sessuale aperta, al punto che le madri chiedono alle loro avventure di una notte se sono stati buoni amanti (wtf again?).


Emily (Lily Collins) arriva in un'agenzia di marketing di successo che ha a portfolio marchi di lusso incredibili, ma è l'unica ad avere le idee giuste sul fronte social media, le cui potenzialità sono snobbate completamente dai colleghi francesi: insomma, come spesso accade nelle produzioni USA, l'americana arriva a farti vedere how to get things done.. Posso capire il fastidio dei francesi che poi, si sa, non sono affatto permalosi. Inoltre questa Emily sembra avere proprio il tocco magico coi social perché con tipo tre post su Instagram diventa un'influencer e presto arriva a creare campagne virali (ricordatevi solo questo: lubrificante vaginale. Quando avrete visto la serie ne riparliamo....)


La "chambre de bonne"  all'ultimo piano data a Emily (così viene presentato l'appartamento che le danno nella prima puntata) è grande almeno come tre vere chambre de bonne parigine. Se non conoscete la storia di queste piccole soffitte, qui trovate un articolo di Vice molto interessante che mostra il variegato popolo degli abitanti attuali di questi sottotetti parigini, che una volta erano le stanze per le domestiche del palazzo di famiglia. 

Ma vogliamo parlare di moda? Qui troviamo un paralellismo ancora più forte con Sex & The City. Come una Carrie moderna in salsa gallica, Emily sfoggia outfit totalmente fuori dalla portata di una trentenne media e soprattutto senza alcun senso pratico. Gira per i Jardin des Tuileries (chi ci è stato sa che si cammina su sterrati pieni di polvere e sassolini) e sul pavé (addirittura corre! Fantascienza...) con tacchi a stiletto da 12 cm, indossa maglie con la Tour Eiffel (dio mio) e completini gialli e neri o verdi e rosa che la rendono individuabile a 2 km di distanza... Con il tempo migliora un pochino, si pariginizza, ma sempre in modo eclatante e stereotipato (berretti rossi, foulard, cose così). 


D'altra parte dietro ai suoi outfit c'è Patricia Field, la stessa stylist che ha reso iconici i look di Carrie Bradshaw e delle sue tre amiche newyorkesi. Che forse potevano funzionare sullo schermo ma, almeno per me, sono sempre stati inconcepibili. Si vede poi che il vizietto del tacco 12 non le è passato dai tempi delle Manolo Blahnik. Unico suo outfit che promuovo è il tributo a Audrey Hepburn (sotto). Altra storia invece sono gli abiti di Sylvie, la capa snob di Emily, che è oggettivamente sempre chic e impeccabile (sarà stronza, ma almeno è vestita bene!)


Non entro nemmeno nel merito della trama, perché è piena di coincidenze e incastri fantasiosi come solo un romanzo rosa può essere, ma chi non vorrebbe un vicino di casa come Gabriel, un giovane e promettente chef normanno con la faccia e il fisico di Lucas Bravo? O un'amica come Camille, che per il weekend ti porta nel castello di famiglia nella Champagne (certo, magari non trattarla poi come fa Emily sarebbe meglio)? O ancora, un'amica expat come Mindy Chen, cinese ricchissima con un passato da pop star che si mantiene a Parigi facendo la baby sitter per non tornare in Cina a gestire l'azienda di zip di famiglia?




Insomma è vero che Emily in Paris trasforma la capitale francese in una Disneyland al servizio della protagonista, nella serie ci sono tante cose che possono farti alzare gli occhi al cielo. Ma, se sei in grado di non infastidirti troppo per la mancanza di verosimiglianza, è un prodotto simpatico e godibile e pieno di momenti comici ed esilaranti. 
E poi non vorrai perderti il gusto di commentare tutti i momenti trash che più trash non si può (ricorda: lubrificante vaginale), oltre agli addominali di Gabriel, con le amiche? 

Ti lascio con una ricetta ispirata a Emily in Paris... l'omelette! 

Quando Emily si fa arrivare da Chicago un pesante scatolone pieno di burro d'arachidi (rotto), lo chef Gabriel la invita a provare qualcosa di meglio e le prepara una omelette.
Qui vi do la ricetta dell'omelette alle erbe aromatiche per un tocco di freschezza in più.


Omelettes alle erbe aromatiche 



Ingredienti per 4 omelettes: 

8 uova

4 rametti di cerfoglio (o basilico), tritato finemente 

4 rametti di erba cipollina, tritata finemente

4 rametti di timo, tritato finemente 

4 rametti di prezzemolo, tritato finemente

1 cucchiaino di paprika affumicata

1 pizzico di peperoncino
40 ml di panna fresca

50 grammi di burro chiarificato 

Sale 

pepe

Procedimento
  1. Lava e trita finemente il prezzemolo, l’erba cipollina, il timo e il cerfoglio (o basilico). 
  2. In una ciotola capiente sbatti le uova e aggiungi sale e pepe quanto basta.
  3. Aggiungi il mix di erbe tritate, un cucchiaino di paprika affumicata e un pizzico di peperoncino.
  4. Mescola bene. Unisci anche la panna (in alternativa puoi usare del latte intero).
  5. Prepara quattro piatti spennellando la parte centrale con un po’ di burro chiarificato, tienili da parte, possibilmente al caldo.
  6. In una padella antiaderente scalda una noce di burro (circa 10 grammi) chiarificato, versa un quarto del mix di uova e cuoci a fiamma media finché il fondo sarà rappreso e asciutto ma le uova ancora morbide sopra.
  7. Dando dei colpetti alla padella fai scivolare l’omelette verso il bordo destro e poi ripiegala su se stessa.
  8. Prendi uno dei piatti che avrai tenuto in caldo, fai scivolare l’omelette e servila con un contorno di insalata fresca o altra verdura a piacere.
  9. Ripeti la procedura per preparare le altre tre omelettes. Bon appetit!

E tu hai già guardato Emily in Paris? Cosa ne pensi? Raccontamelo nei commenti!

lunedì 21 settembre 2020

10 teen movies da vedere subito

10 teen movies da vedere subito

I teen movies sono uno dei miei guilty pleasure: mi piace addentrarmi in queste storie di ragazzi che stanno cercando di capire chi sono, cosa vogliono essere o diventare... Storie di primi amori, di cocenti delusioni, di lezioni imparate (a volte a caro prezzo). 

Alcuni film certo non sono altro che commedie da cervello spento per  passare due ore spensierate, altri riescono invece a raccontare delle parabole formative in modo originale e con tanta carica emotiva... e sono questi che ovviamente mi conquistano!

Non posso fare un excursus sui teen movies dagli anni 80 ad oggi perché ci vorrebbe non uno, dieci o forse più post, ma posso fare una selezione di 10 teen movies che vi piacerà guardare.

venerdì 21 agosto 2020

Cheese Naan indiano: The Lunch box


Pane naan Cooking Movies

La cucina indiana è ricca di spezie e profumi e per accompagnare le tante pietanze saporite è immancabile il pane naan: un pane preparato con lievito di birra e yogurt che potete fare facilmente anche a casa e che io adoro soprattutto nella versione cheese naan, ovvero ripiena di formaggio spalmabile! 
La preparazione casalinga non verrà sottile come il pane che avrete sicuramente assaggiato nei ristoranti indiani, tradizionalmente cotto al forno tandoori: saranno più delle focaccine (ma si preparano in padella!) che potete tranquillamente considerare il "piatto forte" del vostro pasto e accompagnare con verdure saltate o al curry! 
Ecco la ricetta per prepararli!




Cheese naan
per 8 panini ripieni
525 g di farina 00
mezzo panetto di lievito di birra
185 g di yogurt bianco (intero o magro)
175 g di acqua 
4 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino e mezzo di sale
125 g di Philadelphia o simili


1. In una ciotola capiente scogli il lievito con un po' di acqua
2. Aggiungi lo yogurt
3. Inizia ad aggiungere la farina un po' alla volta, e man mano unisci anche la restante acqua
4. Unisci l'olio e il sale
5. Impasta direttamente nella ciotola fino a ottenere un panetto
6. Lascia riposare per circa 2 ore e mezza o comunque fino al raddoppio
7. Sulla spianatoia o un piano infarinato, lavora un po' l'impasto e poi dividilo in 8 palline
8. Lascia lievitare nuovamente per 20 minuti
9. Riprendi i panetti e stendili bene con il matterello
10. Spalma delicatamente il centro del pane con del Philadelphia, senza arrivare ai bordi. Richiudi il pane sui bordi in modo da chiuderlo completamente e poi stendilo di nuovo con il matterello per allargarlo bene. Fai piano o il formaggio rischia di fuoriuscire.
11. Cuoci un panino alla volta in una padella ben calda o su una piastra in ghisa, 2 minuti per lato
12. Gustalo caldo insieme alle tue verdure preferite!


In abbinata a questo pane buonissimo, vi lascio un film indiano altrettanto delizioso: The Lunchbox.
Una pellicola del 2013 che ha conquistato il pubblicato di Cannes, Sundance e Toronto film festival, la storia delicata di due solitudini che si incontrano per caso e trovano nella loro amicizia l'opportunità di riscattarsi.



Ila è una casalinga di Mumbai che decide di ravvivare il suo matrimonio alla deriva preparando un pranzo speciale per il marito: lo mette nel cestino da pranzo (dabbawala) e lo consegna a uno dei 5000 fattorini che ogni giorno ritirano da case e ristoranti i pranzi destinati ai lavoratori e li consegnano ai colletti bianchi sparsi negli uffici della città.




Una rete di consegne, quella di Mumbai, davvero incredibile, un meccanismo perfetto che, come studiato anche dall'università di Harward, pur non avvalendosi di alcuna tecnologia ha un margine di errore irrisorio (1 errore su circa 6 milioni di consegne!)
Eppure, nel caso di Ila il meccanismo si inceppa e il suo pranzo arriva per errore a un vedovo solitario e un po' inacidito dalla vita, prossimo alla pensione, Saajan. L'errore, presto chiaro a entrambi, diventa l'occasione per una singolare corrispondenza attraverso i cestini da pranzo e la nuova amicizia porta tutti e due a riflettere sulla propria vita e prendere importanti decisioni.
Vi lascio con il trailer!


Avete visto questo film? E conoscete il cheese naan? Raccontatemelo nei commenti!

martedì 28 luglio 2020

Notte horror 2020: L' Armata delle tenebre

L'armata delle tenebre

Non amo molto i film horror: o mi fanno davvero troppa paura o li trovo stupidi e mi annoio. In rari casi mi piacciono davvero. Così quando il gruppo di blogger cinefili di cui faccio parte ha proposto una rassegna estiva dedicata agli horror ho storto il naso ... poi però mi sono detta che era l'occasione giusta per rivalutarli e farmi una cultura.
Ho scelto quindi un superclassico, un horror comedy splatter un po' trash... insomma un vero cult, che non avevo ancora visto.

L'Armata delle tenebre (Army of Darkness) è un film del 1992 diretto da Sam Raimi e rappresenta il terzo capitolo della trilogia iniziata con La Casa. Anche qui il protagonista è Bruce Campbell, nell'iconico ruolo di Ash Williams. Ma se La Casa e La Casa 2 hanno un'ambientazione simile e una trama collegata, questo terzo episodio, grazie a un espediente narrativo iniziale, trasporta il nostro eroe in un passato mediovale, insieme al suo iconico braccio monco armato di motosega e al suo fucile.

Ash si ritrova nel bel mezzo di una battaglia tra due principi e viene condannato a morire per mano della creatura mostruosa di un pozzo: grazie alla sua agilità (e alla motosega) riesce però a cavarsela e da lì parte il grande equivoco. Ash è creduto il prescelto, arrivato per volere di Dio a liberare quel popolo dalla minaccia di un esercito di demoni e morti che periodicamente torna a terrorizzarli.

bruce campbell Ash Williams

La parte centrale de L'Armata delle tenebre si fonda tutta sull'interpretazione di Bruce Campbell, che parte all'avventura per recuperare il libro dei morti e riportarlo al castello senza svegliare l'esercito, subendo una serie di "attacchi" da parte delle forze demoniache che cercano di osteggiarlo. Arrivato al momento clou, non si ricorderà la formula magica corretta e finirà per causare il risveglio massivo del nemico. Ma Ash si farà perdonare guidando i suoi nuovi amici un'epica battaglia.

Il film è costellato da momenti comici con Ash indiscusso protagonista: dalle scene d'amore introdotte dalla frase cult "Dammi un po' di zucchero, baby" agli sdoppiamenti e lotte con se stesso nel bosco, agli infidi tranelli magici che proteggono il libro fino alla battaglia con gli scheletri. Insomma, un horror per modo di dire, che più che altro con gli stereotipi degli horror gioca.

Un film che ha sicuramente fatto scuola e che, sebbene non sia proprio il mio genere, sono contenta di aver finalmente recuperato.
Ora lascio il testimone a Director's Cult, autrice del prossimo post di questa #nottehorror2020 del 28 luglio!

Di seguito trovate la programmazione della nostra Notte Horror lunga un'estate! 


domenica 12 luglio 2020

Viaggio a new york con 6 film su netflix

Manhattan from Brooklyn - Elisa Pavan
Manhattan vista da Brooklyn

Due settimane fa vi ho parlato di Tokyo, una città magica assolutamente da visitare. E per farlo almeno virtualmente vi ho suggerito alcuni film e serie tv presenti su Netflix e Prime video.
Visto che il post sembra esservi piaciuto, bisso stavolta con New York: una delle città più incredibili del mondo, impossibile non amarla. Ci sono stata quattro volte tra il 2013 e il 2018, anche grazie alla mia amica Stefania che vive lì, e che mi ha sempre ospitato a casa sua. La trovo sempre stimolante e ricca di cose da scoprire, ma l'emozione che si prova la prima volta nel vedere lo skyline di Manhattan dalla promenade di Brooklyn Heights è indescrivibile. Bella in tutte le stagioni, anche se per una visita la primavera rimane per me il momento migliore (Central park in fiore, che meraviglia! E poi c'è luce, ma non ancora tanto caldo... Perfetto!).
Putroppo in questo momento gli Stati Uniti sono off limits, perciò se vogliamo gustare un po' di New York style non ci resta che prendere il telecomando e sfogliare la library dei servizi on demand!
Oggi vi propongo 6 film ambientati nella City that never sleeps che trovate su Netflix. Non escludo di fare un secondo capitolo sul catalogo Prime video, dato che la produzione cinematografica che sfrutta la Grande Mela come setting è davvero copiosa! Ma bando alle ciance e partiamo coi film!


sabato 27 giugno 2020

Lonely Chicago Pie: un abbraccio di more e cioccolato da Waitress, Ricette d'amore

Lonely Chicago Pie da Waitress - Cooking Movies


La torta che vedete in foto è ispirata al film Waitress: lo conoscete? Se non l'avete visto, recuperate!
Parla di Jenna (Keri Russell), una ragazza carina e intelligente che si trova intrappolata in una vita insoddisfacente e al di sotto delle sue potenzialità. Lavora come cameriera in un diner’s dove prepara anche le pies del giorno, le tipiche crostate ripiene americane, inventandone ogni giorno di nuove in base ai suoi umori e a quello che le succede. 

mercoledì 24 giugno 2020

Viaggio a Tokyo, con i film e le serie tv

Tokyo
Panorama su Tokyo

Sono stata in Giappone una volta, due anni fa. Un viaggio di 17 giorni che, nonostante i tanti chilometri macinati a piedi e in treno e una tabella di marcia serrata sono stati appena sufficienti a gustare la bellezza, la delicatezza e il fascino di un paese magnifico. Mi piacerebbe tornarci, anche se so che questo non accadrà sicuramente a breve, e passare più tempo a Tokyo, che sicuramente merita un approfondimento per cogliere le mille anime di una città davvero pazzesca. 
In attesa di poterla tornare a visitare di persona, ecco sette appassionanti storie tra film e serie tv ambientate a Tokyo - dai classici ai kolossal, fino alle proposte più recenti di Netflix e Amazon Prime, per arrivare dall’altra parte del mondo... con l’immaginazione.

sabato 13 giugno 2020

Finta panna cotta con le fragole per Il buco (El Hoyo)


Finta panna cotta con fragole da Il Buco
Finta panna cotta con fragole per "Il buco"


Il buco (El Hoyo)
è un film spagnolo di cui avrete sicuramente sentito parlare. Si trova su Netflix e se vi piacciono gli horror un po' concettuali e i film distopici, non ve lo potete perdere. Certo, tratta di tematiche già ampiamente trattate nel cinema, ma messe in scena con un espediente metaforico di sicuro impatto. Di cosa parla?

lunedì 1 giugno 2020

Ravioli cinesi per Kung Fu Panda

jiaozi Cooking Movies
Jiaozi!!

Ieri mi sono svegliata ispirata e in vena di cibo orientale : ho voluto preparare i ravioli cinesi, i famosi Jiaozi. Li conoscete? Quando vado al cinese li ordino sempre, potrei fare un pasto solo di questi, magari variando i gusti, anche se i miei preferiti restano quelli di carne alla griglia. Li avevo fatto solo un'altra volta in passato perché è una ricetta che richiede un po' di tempo pazienza più che altro per l'assemblamento, ma ne vale la pena perché sono buonissimi!
Di seguito vi lascio subito la ricetta e qualche tips imparata sul campo per cucinarli.

martedì 26 maggio 2020

Tortilla con fajitas light per Coco


La cosa più difficile quando sei a dieta (come sono io da ben... ehm, due giorni!) è evitare la monotonia. Spesso si finisce a preparare le solite abbinate piatte che, diciamocelo, fanno venire la tristezza. Abbiamo tutti subìto la desolazione del classico petto di pollo con zucchine a vapore o bresaola con limone e insalata. In genere infatti 

sabato 23 maggio 2020

Il Grande Gatsby: Tortine al limone di Daisy

Tortine al limone  di Daisy - Il grande Gatsby Cooking Movies
Tortine al limone di Daisy

Oggi parliamo di un film del 2013 che è già diventato un classico: Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann. 

Jay Gatsby è una figura quasi mitologica, un uomo misterioso che ogni sabato dà feste bellissime nella sua enorme dimora di West Egg, a Long Island, dove si riversa tutta la New York che vuole divertirsi. Siamo nel 1922, nel cuore dei roaring twenties, gli anni ruggenti del Charleston e delle flapper girls. Nessuno, o quasi, conosce personalmente questo Gatsby (Leonardo DiCaprio) o ci ha parlato, ma su di lui girano storie incredibili. L’origine della sua immensa ricchezza è sconosciuta. Pare che abbia studiato a Oxford, ma anche che abbia ucciso un uomo. Lui si limita a osservare i suoi invitati, a lasciarli parlare, bere, ballare e divertirsi.
Aspetta con pazienza che a una di queste feste, per caso o forse no, arrivi Daisy (Carey Mulligan), la ragazza di cui è innamorato da anni e che ha perso tempo fa perché troppo povero per sposarla.

sabato 16 maggio 2020

Gelato facile senza gelatiera. Sognando Vacanze Romane

gelato elisa pavan cooking movies

Voglia di gelato? Potete farlo in casa in 10 minuti e senza gelatiera.
Provare per credere!
Questa ricetta l'ho provata diverse volte e non mi ha mai deluso: gira da anni in rete, l'ho vista fare a molte foodblogger straniere e nostrane, ma l'inventrice o per lo meno quella che per prima ha pubblicato questa meraviglia è la cara vecchia Martha Stewart. Qui trovate ancora la sua versione, di seguito invece la trovate già pronta in italiano!

sabato 2 maggio 2020

Tiramisù con uova pastorizzate: la ricetta

Tiramisù Cooking Movies

Il tiramisù è uno dei dolci più amati al mondo: quando lo rifai, come nel mio caso dopo addirittura anni, capisci perché: è semplicemente perfetto! L'equilibrio tra la dolce crema al mascarpone e i savoiardi imbevuti nel caffè nero è impagabile.
E allora siete pronti a prepararlo in casa? Lo so che lo saprete fare tutti... vi do solo un suggerimento importante per mangiarlo molto più tranquilli: pastorizzare le uova.
Come si fa? Ve lo spiego subito.

sabato 18 aprile 2020

Unorthodox: la serie del momento e la Challah ebraica


Chiunque l'abbia vista, è rimasto stregato, me compresa: Unorthodox è una miniserie di Netflix in quattro episodi che ti sconvolge e ti conquista per la grande potenza emotiva, scaraventandoti dentro la sconosciuta realtà degli ebrei della comunità chassidica, un universo chiuso dalle regole inimaginabili per noi cittadini del mondo libero nel 2020. Eppure...

domenica 5 aprile 2020

Pizza fatta in casa con impasto Bonci: ricetta passo passo

Pizza con impasto Bonci 24 h ore di lievitazione

Non ho scritto nulla durante questa quarantena: intendo sul blog, ma non solo. E' come se l'ispirazione si fosse prosciugata, faccio fatica a concentrarmi. Ho letto che in tanti stanno soffrendo di questa sensazione, è uno spaesamento che non consente di focalizzarsi. Quindi, piuttosto, preferisco fare. Dolci e pizza sono tra le cose che mi piace di più preparare in cucina, e così ho deciso di sperimentare l'impasto Bonci con la lievitazione di 24 ore.
Lo volevo provare da tanto, ma poi non avevo mai tempo o voglia di pensare alla preparazione della pizza in anticipo come richiede questa ricetta. Che però, al netto della necessità di ricordarsene il giorno prima, semplifica davvero tanto la fase dell'impasto e garantisce un risultato davvero ottimo. Credo proprio che non lo abbandonerò più! L'ho pubblicata su Instagram e mi avete chiesto la ricetta, perciò eccola qua!

domenica 2 febbraio 2020

Aspettando gli Oscar ... le previsioni!


Manca una settimana alla proclamazione dei vincitori della 92esima edizione degli Academy Awards. Io sto cercando di recuperare i film candidati che non ho ancora visto e intanto per gioco sono andata come ogni anno a compilare il "ballott" con le mie previsioni.

lunedì 6 gennaio 2020

Cinnamon Roll: un dolce profumato per cominciare l'anno!



L'Epifania tutte le feste porta via! E allora cosa c'è di meglio per consolarsi che dei profumatissimi e cannellosi Cinnamon Roll? 
Io trovo buonissimi questi dolcetti fatti di pan brioche ripieno di burro e cannella, forse perché adoro quest'ultima! Mi trasportano subito nel lato bello dell'inverno: tè caldo, divano, copertina, una serie tv e un dolcetto da divorare insieme! :-D
Di seguito trovate la ricetta passo passo dei Cinnamon Roll per concludere in bellezza le vacanze natalizie e iniziare l'anno con sprint!

La New York natalizia e golosa di Dash & Lily

Se c'è una città che a Natale dà il meglio di sé è New York : i luoghi iconici si fanno ancora più  scintillanti e magici e tutto sembra...