martedì 26 maggio 2020

Tortilla con fajitas light per Coco


La cosa più difficile quando sei a dieta (come sono io da ben... ehm, due giorni!) è evitare la monotonia. Spesso si finisce a preparare le solite abbinate piatte che, diciamocelo, fanno venire la tristezza. Abbiamo tutti subìto la desolazione del classico petto di pollo con zucchine a vapore o bresaola con limone e insalata. In genere infatti 

sabato 23 maggio 2020

Il Grande Gatsby: Tortine al limone di Daisy

Tortine al limone  di Daisy - Il grande Gatsby Cooking Movies
Tortine al limone di Daisy

Oggi parliamo di un film del 2013 che è già diventato un classico: Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann. 

Jay Gatsby è una figura quasi mitologica, un uomo misterioso che ogni sabato dà feste bellissime nella sua enorme dimora di West Egg, a Long Island, dove si riversa tutta la New York che vuole divertirsi. Siamo nel 1922, nel cuore dei roaring twenties, gli anni ruggenti del Charleston e delle flapper girls. Nessuno, o quasi, conosce personalmente questo Gatsby (Leonardo DiCaprio) o ci ha parlato, ma su di lui girano storie incredibili. L’origine della sua immensa ricchezza è sconosciuta. Pare che abbia studiato a Oxford, ma anche che abbia ucciso un uomo. Lui si limita a osservare i suoi invitati, a lasciarli parlare, bere, ballare e divertirsi.
Aspetta con pazienza che a una di queste feste, per caso o forse no, arrivi Daisy (Carey Mulligan), la ragazza di cui è innamorato da anni e che ha perso tempo fa perché troppo povero per sposarla.

sabato 16 maggio 2020

Gelato facile senza gelatiera. Sognando Vacanze Romane

gelato elisa pavan cooking movies

Voglia di gelato? Potete farlo in casa in 10 minuti e senza gelatiera.
Provare per credere!
Questa ricetta l'ho provata diverse volte e non mi ha mai deluso: gira da anni in rete, l'ho vista fare a molte foodblogger straniere e nostrane, ma l'inventrice o per lo meno quella che per prima ha pubblicato questa meraviglia è la cara vecchia Martha Stewart. Qui trovate ancora la sua versione, di seguito invece la trovate già pronta in italiano!


Gelato facile senza gelatiera alla vaniglia 

gelato elisa pavan cooking movies

Ingredienti

1 lattina da 397 g di latte condensato
500 ml di panna fresca
2 cucchiaini di estratto di vaniglia
2 cucchiani di bourbon o altro liquore a scelta (serve a non far ghiacciare il gelato)

gelato elisa pavan cooking movies

Procedimento
  1. Monta la panna finchè non sarà ben ferma.
  2. Unisci vaniglia e bourbon.
  3. Aggiungi il latte condensato nella stessa ciotola, e mescola delicatamente con una spatola finchè panna e latte non saranno ben amalgamati, senza smontare.
  4. Versa il composto in uno stampo da plum cake, copri con stagnola e infila in freezer per almeno 6 ore: meglio se lo prepari la sera per consumarlo il giorno dopo.
  5. Puoi servirlo da solo o guarnito come preferisci: nocciole, mandorle, fragole fresche, nutella, cioccolato a pezzetti o fuso.. insomma, sbizzarisciti!

Risposte ai più comuni dubbi/perplessità sul gelato facile

  • No, la panna da cucina UHT non va bene, così come le panne da montare tipo Oplà e simili che contengono zucchero. Dovete prendere quella fresca che si trova nel banco frigo vicino al latte
  • L'estratto di vaniglia serve solo per il gusto, mentre il bourbon essendo alcolico ha anche la funzione di non far ghiacciare il gelato. Se non avete il bourbon potete usare un altro liquore: rum, cointreau o limoncello sono perfetti!
  • Al posto della vaniglia potete scegliere di aromatizzare diversamente il vostro gelato, se usate un liquore aromatizzato agli agrumi non ne avrete bisogno.
  • Potete fare questo gelato in altri gusti: basterà aggiungere ad esempio pezzetti di cioccolato, caffè o purea di fragole per creare delle versioni ugualmente ottime e con un twist diverso!
Nel mondo del cinema il gelato appare, ovviamente, in moltissimi film.
Una delle scene più iconiche è quella di Vacanze Romane, in cui Gregory Peck accompagna la fuggitiva principessa interpretata da Audrey Hepburn in giro per Roma e lei rimane colpita dalla bontà di un cono gelato preso nei pressi di Piazza di Spagna. Che bellezza e che voglia avrei ora di fare un giro per la nostra splendida capitale. Purtroppo per il momento ci tocca aspettare....
Per ora godiamoci questo gelato facile, magari riguardandoci un classico come Vacanze Romane! 




sabato 2 maggio 2020

Tiramisù con uova pastorizzate: la ricetta

Tiramisù Cooking Movies

Il tiramisù è uno dei dolci più amati al mondo: quando lo rifai, come nel mio caso dopo addirittura anni, capisci perché: è semplicemente perfetto! L'equilibrio tra la dolce crema al mascarpone e i savoiardi imbevuti nel caffè nero è impagabile.
E allora siete pronti a prepararlo in casa? Lo so che lo saprete fare tutti... vi do solo un suggerimento importante per mangiarlo molto più tranquilli: pastorizzare le uova.
Come si fa? Ve lo spiego subito.


Tiramisù

Tiramisù 2 Cooking Movies


Ingredienti 
300 g di biscotti savoiardi
3 uova fresche
500 g di mascarpone
2 cucchiai di Cointreau o Amaretto di Saronno
120 g di zucchero (80 per i tuorli, 40 per gli albumi) + acqua per la pastorizzazione
cacao per la superficie (io non ce l'avevo e ho grattuggiato del cioccolato fondente)
caffè della moka circa 4 tazze (a seconda di quanto intenso vi piace potete allungarlo un po' con acqua o usare caffè puro)

Procedimento

Pastorizza i tuorli 
1. Separa i tuorli dagli albumi e tieni da parte questi ultimi.
2. Inizia a montare i tuorli in una planetaria (o in una ciotola, con le fruste) con 20 g di zucchero
3. Metti sul fuoco un pentolino con gli altri 60 g di zucchero e 25 ml di acqua. Fai cuocere fino al bollore: lo zucchero deve essere sciolto e lo sciroppo trasparente: se hai un termometro aspetta che arrivi a 120°C
4. Senza smettere di montare i tuorli, versa a filo lo sciroppo. Lascia montare finchè il composto non sarà chiaro e spumoso e non più caldo. In questo modo avrai pastorizzato i tuorli!

Mascarpone time
1. Aziona di nuovo le fruste e aggiungi il mascarpone un po' alla volta al composto di uova e zucchero, fino a ottenere una crema corposa ma senza grumi
2. Aggiungi un paio di cucchiai di liquore: io ho messo il Cointreau, va bene anche l'Amaretto di Saronno o del bourbon.
3. Tieni da parte in una ciotola capiente.

Pastorizza gli albumi
1. Nella planetaria pulita, versa gli albumi, aggiungi un pizzico di sale e aziona le fruste per montare
2. Metti di nuovo sul fuoco il pentolino con 40 g di zucchero e 15/20 ml di acqua. Attendi di nuovo il raggiungimento dei 120° e la formazione dello sciroppo.
3. Come fatto per i tuorli, versa a filo lo sciroppo sugli albumi senza smettere di montare, finchè non saranno diventato a temperatura ambiente e ben fermi.

Finisci la crema
1. Unisci qualche cucchiaio di albumi montati alla crema e inizia a incorporare, un po' alla volta, con movimenti circolari dal basso verso l'alto.
2. Aggiungi man mano i restanti albumi: se ti sembrano tanti, o se ti piace la crema un po' più corposa, avanzane un pochino.
3. La crema è pronta.

Assembla!
1. Prendi il caffè che avrai preparato prima (non deve essere caldo), i savoiardi e la teglia
2. Passa i biscotti nel caffè su entrambi i lati, per pochi secondi
3. Adagiali sul fondo della teglia, fino a coprirla tutta.
4. Versa la crema.
5. Passa al secondo strato e via fino a finire con uno strato di crema.
6. Cospargi di cacao (o cioccolato grattuggiato finissimo), copri con la stagnola e infila in frigo per almeno 2 ore.
7. Il tuo tiramisù è pronto: gustatelo con piacere!

Tiramisu!!

Sapevate che esiste un film con Fabio De Luigi che si intitola proprio Tiramisù? Io no, e stavo anche per guardarlo per fare il paio con questa ricetta, ma poi ho letto le sconfortanti recensioni e ho lasciato perdere! In ogni caso, nel film il buonissimo tiramisù preparato dalla moglie di Antonio, rappresentante farmaceutico di scarso successo, diventa la chiave che gli apre porte e occasioni.
Forse nel nostro caso non sarà così, ma sicuramente una fetta di questo ci migliorerà l'umore... buon tiramisù!

Ravioli cinesi per Kung Fu Panda

Jiaozi!! Ieri mi sono svegliata ispirata e in vena di cibo orientale : ho voluto preparare i ravioli cinesi, i famosi Jiaozi.  Li conoscete...