lunedì 1 giugno 2020

Ravioli cinesi per Kung Fu Panda

jiaozi Cooking Movies
Jiaozi!!

Ieri mi sono svegliata ispirata e in vena di cibo orientale : ho voluto preparare i ravioli cinesi, i famosi Jiaozi. Li conoscete? Quando vado al cinese li ordino sempre, potrei fare un pasto solo di questi, magari variando i gusti, anche se i miei preferiti restano quelli di carne alla griglia. Li avevo fatto solo un'altra volta in passato perché è una ricetta che richiede un po' di tempo pazienza più che altro per l'assemblamento, ma ne vale la pena perché sono buonissimi!
Di seguito vi lascio subito la ricetta e qualche tips imparata sul campo per cucinarli.

Ravioli cinesi o Jiaozi



Ingredienti per circa 25 ravioli

Per l'impasto

200 grammi di farina

100 ml di acqua

1 pizzico di sale


Per il ripieno

200 grammi di carne macinata di maiale

100 grammi di cavolo cappuccio (o verza)

1 carota (mezza se molto grande)

1/2 cipollotto

1 pezzetto di zenzero

2 cucchiai di salsa di soia

Tempo di preparazione

Circa 2 h circa
(1 ora tra preparazione e cottura, 1 ora di riposo dell’impasto)

Procedimento
1. Prepara l'impasto per i ravioli. Metti in una ciotola la farina con il sale, unisci l'acqua e impasta fino ad ottenere una consistenza compatta.

2. Crea una palla, avvolgila nella pellicola trasparente e mettila in frigorifero a riposare per circa un’ora.

3. Prepara il ripieno: nel mixer sminuzza cavolo cappuccio, carota, cipollotto e zenzero.

4. Unisci in una ciotola la carne macinata e la salsa di soia alla verdura tritata e amalgama bene.

5. Riprendi l'impasto dal frigo e stendilo sottile, aiutandoti con un mattarello. Poi ricava dei cerchietti con un tagliabiscotti o un coppapasta rotondo.

6. Prendi ogni cerchietto e spianalo ancora un po’ prima di riempirlo con una cucchiaiata di ripieno.

7. In base alla forma che vorrai dare ai tuoi ravioli, ci sono diverse tecniche per chiuderli. I Jiaozi che si mangiano nei nostri ristoranti cinesi solitamente sono a mezzaluna
Per fare la mezzaluna, devi piegare leggermente il raviolo in due e iniziare ad unire i due lembi di impasto sopra il ripieno, dopo aver piegato su se stesso uno dei due lati del raviolo: procedi con piccole pieghe progressive da un lato all’altro del raviolo fino a chiuderlo. puoi vedere come si chiudono in questo video, dal minuto 1:32. Ma anche trovare ispirazione per altri formati molto intriganti!

8. Prendi il cesto di bambù per la cottura al vapore e foderalo con delle foglie di verza (quelle più esterne che rimangono durette e sono meno buone da mangiare). Adagia i ravioli sulle foglie, facendo attenzione che non si tocchino per evitare che si attacchino in cottura. Cuoci per 15 minuti circa, finchè i ravioli non saranno leggermente trasparenti.
Non hai il cesto di bambù? Niente paura: puoi cuocerli anche nella pentola a pressione! In questo caso ci vorranno solo 2 o 3 minuti dal fischio.
Non hai la pentola a pressione? Falli semplicemente bollire in acqua per qualche minuto.

10. A questo punto puoi mangiarli così, serviti caldi con salsa di soia, o piastrarli o passarli in padella per un paio di minuti poco olio e salsa di soia. In entrambi i casi, mangiali rigorosamente con le bacchette!

Qui la versione alla piastra


Tutti sappiamo chi è il maggior consumatore al mondo di ravioli: Po, meglio conosciuto come Kung Fu Panda!

Po, meglio conosciuto come Kung Fu Panda


Nel 2016 è uscito il terzo episodio della saga di animazione, in cui il nostro Po è ormai diventato un asso del kung fu, ma ancora non sa controllare al meglio le sue abilità. Solo riuscendoci potrà diventare un vero Guerriero Dragone e sconfiggere il temibile Kai, tornato dal Regno degli Spiriti dopo aver battuto il maestro Oogway con l'idea di rubare i "Chi" di tutti gli allievi del maestro e imporre il suo dominio sul mondo. 

Un villaggio di panda golosi. 
Dopo aver rincontrato per caso il suo vero padre, il panda Li Shang, Po capisce che per essere un bravo Guerriero Dragone deve imparare a conoscere meglio se stesso: e così parte alla scoperta del villaggio segreto dei panda per recuperare le sue origini dimenticate.



Arrivato al villaggio Po capisce di non essere l'unico Panda della Cina, e soprattutto di non essere il solo panda ad amare il cibo, i ravioli in particolare, i sonnellini e i bagni caldi. C’è invece un intero villaggio di panda proprio uguali a lui: cicciotti, teneri e molto, molto golosi. Ma l'entusiasmo di Po per la scoperta di questa comunità è destinato a durare poco per l'attacco del cattivo Kai, sempre più forte dopo aver creato un esercito di guerrieri di giada composto dei "Chi" dei guerrieri battuti fino a quel momento. Ce la farà il nostro panda goloso ad affrontare il nemico e scoprire in sé la stoffa del Gran Dragone?

Un successo in tutto il mondo. Il film della Dreamworks è il terzo capitolo della saga delle avventure del grasso e maldestro panda Po lanciata nel 2008 e subito successo mondiale: Po, il panda goloso che quasi per caso scopre un'abilità inaspettata nel kung fu, nella versione italiana ha la voce di Fabio Volo, mentre nel film originale  a doppiare il panda è l’attore Joe Black. 

La frase da ricordare: "Se fai solo quello che sai fare, non sarai mai più di quello che sei ora”. Così il maestro Shifu lo sprona a impegnarsi per superare i suoi limiti e imparare a padroneggiare l'energia dei "Chi", un'energia vitale che scorre in tutti gli esseri viventi. 

<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/Gn4yPl_KZxk" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>


martedì 26 maggio 2020

Tortilla con fajitas light per Coco


La cosa più difficile quando sei a dieta (come sono io da ben... ehm, due giorni!) è evitare la monotonia. Spesso si finisce a preparare le solite abbinate piatte che, diciamocelo, fanno venire la tristezza. Abbiamo tutti subìto la desolazione del classico petto di pollo con zucchine a vapore o bresaola con limone e insalata. In genere infatti 

sabato 23 maggio 2020

Il Grande Gatsby: Tortine al limone di Daisy

Tortine al limone  di Daisy - Il grande Gatsby Cooking Movies
Tortine al limone di Daisy

Oggi parliamo di un film del 2013 che è già diventato un classico: Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann. 

Jay Gatsby è una figura quasi mitologica, un uomo misterioso che ogni sabato dà feste bellissime nella sua enorme dimora di West Egg, a Long Island, dove si riversa tutta la New York che vuole divertirsi. Siamo nel 1922, nel cuore dei roaring twenties, gli anni ruggenti del Charleston e delle flapper girls. Nessuno, o quasi, conosce personalmente questo Gatsby (Leonardo DiCaprio) o ci ha parlato, ma su di lui girano storie incredibili. L’origine della sua immensa ricchezza è sconosciuta. Pare che abbia studiato a Oxford, ma anche che abbia ucciso un uomo. Lui si limita a osservare i suoi invitati, a lasciarli parlare, bere, ballare e divertirsi.
Aspetta con pazienza che a una di queste feste, per caso o forse no, arrivi Daisy (Carey Mulligan), la ragazza di cui è innamorato da anni e che ha perso tempo fa perché troppo povero per sposarla.

sabato 16 maggio 2020

Gelato facile senza gelatiera. Sognando Vacanze Romane

gelato elisa pavan cooking movies

Voglia di gelato? Potete farlo in casa in 10 minuti e senza gelatiera.
Provare per credere!
Questa ricetta l'ho provata diverse volte e non mi ha mai deluso: gira da anni in rete, l'ho vista fare a molte foodblogger straniere e nostrane, ma l'inventrice o per lo meno quella che per prima ha pubblicato questa meraviglia è la cara vecchia Martha Stewart. Qui trovate ancora la sua versione, di seguito invece la trovate già pronta in italiano!


Gelato facile senza gelatiera alla vaniglia 

gelato elisa pavan cooking movies

Ingredienti

1 lattina da 397 g di latte condensato
500 ml di panna fresca
2 cucchiaini di estratto di vaniglia
2 cucchiani di bourbon o altro liquore a scelta (serve a non far ghiacciare il gelato)

gelato elisa pavan cooking movies

Procedimento
  1. Monta la panna finchè non sarà ben ferma.
  2. Unisci vaniglia e bourbon.
  3. Aggiungi il latte condensato nella stessa ciotola, e mescola delicatamente con una spatola finchè panna e latte non saranno ben amalgamati, senza smontare.
  4. Versa il composto in uno stampo da plum cake, copri con stagnola e infila in freezer per almeno 6 ore: meglio se lo prepari la sera per consumarlo il giorno dopo.
  5. Puoi servirlo da solo o guarnito come preferisci: nocciole, mandorle, fragole fresche, nutella, cioccolato a pezzetti o fuso.. insomma, sbizzarisciti!

Risposte ai più comuni dubbi/perplessità sul gelato facile

  • No, la panna da cucina UHT non va bene, così come le panne da montare tipo Oplà e simili che contengono zucchero. Dovete prendere quella fresca che si trova nel banco frigo vicino al latte
  • L'estratto di vaniglia serve solo per il gusto, mentre il bourbon essendo alcolico ha anche la funzione di non far ghiacciare il gelato. Se non avete il bourbon potete usare un altro liquore: rum, cointreau o limoncello sono perfetti!
  • Al posto della vaniglia potete scegliere di aromatizzare diversamente il vostro gelato, se usate un liquore aromatizzato agli agrumi non ne avrete bisogno.
  • Potete fare questo gelato in altri gusti: basterà aggiungere ad esempio pezzetti di cioccolato, caffè o purea di fragole per creare delle versioni ugualmente ottime e con un twist diverso!
Nel mondo del cinema il gelato appare, ovviamente, in moltissimi film.
Una delle scene più iconiche è quella di Vacanze Romane, in cui Gregory Peck accompagna la fuggitiva principessa interpretata da Audrey Hepburn in giro per Roma e lei rimane colpita dalla bontà di un cono gelato preso nei pressi di Piazza di Spagna. Che bellezza e che voglia avrei ora di fare un giro per la nostra splendida capitale. Purtroppo per il momento ci tocca aspettare....
Per ora godiamoci questo gelato facile, magari riguardandoci un classico come Vacanze Romane! 




sabato 2 maggio 2020

Tiramisù con uova pastorizzate: la ricetta

Tiramisù Cooking Movies

Il tiramisù è uno dei dolci più amati al mondo: quando lo rifai, come nel mio caso dopo addirittura anni, capisci perché: è semplicemente perfetto! L'equilibrio tra la dolce crema al mascarpone e i savoiardi imbevuti nel caffè nero è impagabile.
E allora siete pronti a prepararlo in casa? Lo so che lo saprete fare tutti... vi do solo un suggerimento importante per mangiarlo molto più tranquilli: pastorizzare le uova.
Come si fa? Ve lo spiego subito.


Tiramisù

Tiramisù 2 Cooking Movies


Ingredienti 
300 g di biscotti savoiardi
3 uova fresche
500 g di mascarpone
2 cucchiai di Cointreau o Amaretto di Saronno
120 g di zucchero (80 per i tuorli, 40 per gli albumi) + acqua per la pastorizzazione
cacao per la superficie (io non ce l'avevo e ho grattuggiato del cioccolato fondente)
caffè della moka circa 4 tazze (a seconda di quanto intenso vi piace potete allungarlo un po' con acqua o usare caffè puro)

Procedimento

Pastorizza i tuorli 
1. Separa i tuorli dagli albumi e tieni da parte questi ultimi.
2. Inizia a montare i tuorli in una planetaria (o in una ciotola, con le fruste) con 20 g di zucchero
3. Metti sul fuoco un pentolino con gli altri 60 g di zucchero e 25 ml di acqua. Fai cuocere fino al bollore: lo zucchero deve essere sciolto e lo sciroppo trasparente: se hai un termometro aspetta che arrivi a 120°C
4. Senza smettere di montare i tuorli, versa a filo lo sciroppo. Lascia montare finchè il composto non sarà chiaro e spumoso e non più caldo. In questo modo avrai pastorizzato i tuorli!

Mascarpone time
1. Aziona di nuovo le fruste e aggiungi il mascarpone un po' alla volta al composto di uova e zucchero, fino a ottenere una crema corposa ma senza grumi
2. Aggiungi un paio di cucchiai di liquore: io ho messo il Cointreau, va bene anche l'Amaretto di Saronno o del bourbon.
3. Tieni da parte in una ciotola capiente.

Pastorizza gli albumi
1. Nella planetaria pulita, versa gli albumi, aggiungi un pizzico di sale e aziona le fruste per montare
2. Metti di nuovo sul fuoco il pentolino con 40 g di zucchero e 15/20 ml di acqua. Attendi di nuovo il raggiungimento dei 120° e la formazione dello sciroppo.
3. Come fatto per i tuorli, versa a filo lo sciroppo sugli albumi senza smettere di montare, finchè non saranno diventato a temperatura ambiente e ben fermi.

Finisci la crema
1. Unisci qualche cucchiaio di albumi montati alla crema e inizia a incorporare, un po' alla volta, con movimenti circolari dal basso verso l'alto.
2. Aggiungi man mano i restanti albumi: se ti sembrano tanti, o se ti piace la crema un po' più corposa, avanzane un pochino.
3. La crema è pronta.

Assembla!
1. Prendi il caffè che avrai preparato prima (non deve essere caldo), i savoiardi e la teglia
2. Passa i biscotti nel caffè su entrambi i lati, per pochi secondi
3. Adagiali sul fondo della teglia, fino a coprirla tutta.
4. Versa la crema.
5. Passa al secondo strato e via fino a finire con uno strato di crema.
6. Cospargi di cacao (o cioccolato grattuggiato finissimo), copri con la stagnola e infila in frigo per almeno 2 ore.
7. Il tuo tiramisù è pronto: gustatelo con piacere!

Tiramisu!!

Sapevate che esiste un film con Fabio De Luigi che si intitola proprio Tiramisù? Io no, e stavo anche per guardarlo per fare il paio con questa ricetta, ma poi ho letto le sconfortanti recensioni e ho lasciato perdere! In ogni caso, nel film il buonissimo tiramisù preparato dalla moglie di Antonio, rappresentante farmaceutico di scarso successo, diventa la chiave che gli apre porte e occasioni.
Forse nel nostro caso non sarà così, ma sicuramente una fetta di questo ci migliorerà l'umore... buon tiramisù!

sabato 18 aprile 2020

Unorthodox: la serie del momento e la Challah ebraica


Chiunque l'abbia vista, è rimasto stregato, me compresa: Unorthodox è una miniserie di Netflix in quattro episodi che ti sconvolge e ti conquista per la grande potenza emotiva, scaraventandoti dentro la sconosciuta realtà degli ebrei della comunità chassidica, un universo chiuso dalle regole inimaginabili per noi cittadini del mondo libero nel 2020. Eppure...

domenica 5 aprile 2020

Pizza fatta in casa con impasto Bonci: ricetta passo passo

Pizza con impasto Bonci 24 h ore di lievitazione

Non ho scritto nulla durante questa quarantena: intendo sul blog, ma non solo. E' come se l'ispirazione si fosse prosciugata, faccio fatica a concentrarmi. Ho letto che in tanti stanno soffrendo di questa sensazione, è uno spaesamento che non consente di focalizzarsi. Quindi, piuttosto, preferisco fare. Dolci e pizza sono tra le cose che mi piace di più preparare in cucina, e così ho deciso di sperimentare l'impasto Bonci con la lievitazione di 24 ore.
Lo volevo provare da tanto, ma poi non avevo mai tempo o voglia di pensare alla preparazione della pizza in anticipo come richiede questa ricetta. Che però, al netto della necessità di ricordarsene il giorno prima, semplifica davvero tanto la fase dell'impasto e garantisce un risultato davvero ottimo. Credo proprio che non lo abbandonerò più! L'ho pubblicata su Instagram e mi avete chiesto la ricetta, perciò eccola qua!

domenica 2 febbraio 2020

Aspettando gli Oscar ... le previsioni!


Manca una settimana alla proclamazione dei vincitori della 92esima edizione degli Academy Awards. Io sto cercando di recuperare i film candidati che non ho ancora visto e intanto per gioco sono andata come ogni anno a compilare il "ballott" con le mie previsioni.

lunedì 6 gennaio 2020

Cinnamon Roll: un dolce profumato per cominciare l'anno!



L'Epifania tutte le feste porta via! E allora cosa c'è di meglio per consolarsi che dei profumatissimi e cannellosi Cinnamon Roll? 
Io trovo buonissimi questi dolcetti fatti di pan brioche ripieno di burro e cannella, forse perché adoro quest'ultima! Mi trasportano subito nel lato bello dell'inverno: tè caldo, divano, copertina, una serie tv e un dolcetto da divorare insieme! :-D
Di seguito trovate la ricetta passo passo dei Cinnamon Roll per concludere in bellezza le vacanze natalizie e iniziare l'anno con sprint! 

Cinnamon Roll
dosi per 12 girelle

per l'impasto
12 grammi di lievito di birra
250 grammi di farina Manitoba
40 grammi di zucchero
40 grammi di burro 
100 ml di latte parzialmente scremato
1 cucchiaino di miele
1 uovo 
essenza di vaniglia
1 cucchiaino di cannella in polvere
3 grammi di sale

per il ripieno
50 grammi di burro
75 grammi di zucchero bruno (o zucchero di canna con 1 cucchiaio di melassa)
2 cucchiai colmi di cannella

per la glassa
50 grammi di zucchero a velo
acqua bollente quanto basta (2-3 cucchiaini)

1.Scaldare leggermente il latte fino a farlo diventare tiepido. 
2. Sciogliere il lievito di birra in un un terzo del latte con il cucchiaino di miele. 3. Aggiungere tre cucchiai di farina setacciata e impastare nella planetaria a bassa velocità. 
4. Nel frattempo mettere il burro a sciogliere nel latte tiepido: non deve diventare liquido, ma cominciare a sciogliersi quanto basta per consentirvi di amalgamarlo al latte e creare una specie di crema. 
5. Unire lo zucchero alla crema di latte e burro. 
6. Unire nell'impastatrice la farina e la crema di latte burro e zucchero un po' alla volta, alternativamente
7. Aggiungere un uovo sbattuto, l'essenza di vaniglia, un cucchiaino di cannella e il sale
8. Lasciare impastare fino a incordatura, ovvero per circa 10 minuti.
9. Far lievitare l'impasto in luogo tiepido e coperto da un panno per circa due ore.



10. Poco prima della cottura, preparare la farcitura mescolando lo zucchero bruno e la cannella con il burro morbido. Se non trovate lo zucchero bruno americano, potete usare quello di canna a cui aggiungere un po' di melassa o ancora, in caso non l'abbiate, un cucchiaio colmo di miele scuro (tipo castagno o melata di bosco)
11. Stendere l'impasto su una spianatoia creando un rettangolo e spalmarlo con la crema di burro zucchero e cannella
12. Arrotolare l'impasto con cura e mettere in frigo il rotolo per circa 30 minuti: in questo modo poi sarà più facile tagliare le vostre girelle, che manterranno meglio la forma
13. Preriscaldare il forno a 190 gradi. Tagliare il rotolo in circa 12 fette, creando così i vostri cinnamon rolls
14. Disporli ben distanziati su una teglia coperta da carta forno e infornare per 20 minuti. 
15. Una volta cotti e raffreddati i vostri cinnamon rolls su una gratella, guarniteli con una glassa fatta con lo zucchero a velo e acqua calda (semplicemente fatela colare a filo sui cinnamon rolls dalla punta di un cucchiaio).

Non resta che gustarvi i cinnamon rolls con un tè caldo o una tisana profumata! ;-)

martedì 24 dicembre 2019

It's Christmas time! Lo Stollen e una selezione di film natalizi


Domani è Natale! Siete in pieno delirio culinario? Oppure in delirio da ricerca dell'ultimo regalo, a quella persona che vi eravate dimenticati (o peggio, per i vostri familiari)?
Se non vi state stressando per i preparativi della ricorrenza, potete godervi l'atmosfera dell'attesa per la festa più bella dell'anno in compagnia di un film cult di ogni Natale...
Io intanto ho chiuso i preparativi sabato, preparando un meraviglioso dolce tedesco, lo Stollen, di cui ora vi lascerò la ricetta... Subito dopo vediamo i film!

lunedì 21 ottobre 2019

Torta di mele perfetta


Avete un dolce del cuore?
Per me è in assoluto la torta di mele. 
I dolci alle mele in generale sono i miei preferiti: che si tratti di apple pie, di strudel, di crostata ripiena o di torta classica, non resisto... Non c'è paragone con tiramisù, creme brulé e torte a strati con la panna! Probabilmente nel corso degli anni e dei post ve l'ho già detto e ho proposto già diversi dolci con le mele (qui, qui, qui), ma non avevo mai condiviso la mia "ricetta perfetta"...
Morbida, umida, profumata, quella che ormai faccio senza consultare le dosi, quella che so che piace davvero a tutti e che non mi delude mai.  Un po' come quei film che vedreste e rivedreste all'infinito, senza mai stancarvi: ce ne sono vero? Beh, iniziamo dalla torta, e poi ne parliamo....

Ravioli cinesi per Kung Fu Panda

Jiaozi!! Ieri mi sono svegliata ispirata e in vena di cibo orientale : ho voluto preparare i ravioli cinesi, i famosi Jiaozi.  Li conoscete...