Ragione e sentimento; e le due facce del cavolo (sana.. e golosa)


Elinor e Marianne Dashwood sono sorelle: riflessiva, modesta e razionale la prima; romantica, impulsiva e sognatrice la seconda. I loro caratteri, opposti come la ragione e il sentimento, sense and sensibility, rappresentano le due facce delle donne e dell'amore nel romanzo di Jane Austen e nel film che ne ha tratto Ang Lee nel 1995. 
Elinor e Marianne sono diverse, eppure molto legate: entrambe scopriranno l'amore e si scontreranno con un'iniziale delusione, ma non perderanno la speranza. Alla fine, in una interessante contrapposizione tra i fatti e le disposizioni di carattere delle due donne, Marianne finisce per preferire la ragione e il rispetto alla passione che inizialmente sognava, mentre Elinor riesce ad ottenere l'amore dell'uomo che non sperava di avere. 
Non entro nei dettagli della trama, che ogni amante della Austen conosce e che potete trovare qui: il film è fedele al romanzo e Emma Thompson (Elinor) e Kate Winslet (Marianne) sono due perfette signorine inglesi dell'ottocento.




E poi, Elinor e Marianne sono tutte noi: ragione e sentimento si dibattono in noi, un momento vince l'una, un attimo dopo siamo sopraffatte dall'altro. Nel romanzo di Austen i  i diversi modi di sentire e di vedere le cose non impediscono alle due sorelle di amarsi, di capirsi, di confortarsi e darsi sostegno: anzi, le due sono un esempio di amore e solidarietà femminile! Un film che vi consiglio se domani, otto marzo, farete una cena tra amiche. 
Magari potreste preparare la ricetta che vi propongo stasera, che è al tempo stesso golosa (e buuuona) e sana (perché contiene il benefico e antitumorale cavolfiore... poco importa se poi c'è una costellazione di altri ingredienti ad appesantirlo.. vero?) e quindi combina il sentimento con la ragione :)



Tortino di cavolfiore 
Per la brisè
200 gr di farina Antigrumi di Molino Chiavazza (non c'è bisogno di setacciare, è ottima)
100 gr di burro freddo
70 ml di acqua freddissima
1 pizzico di sale
Per il ripieno
1 cavolfiore medio
1 mozzarella (125 gr)
2 fette di prosciutto cotto
2 fette di mortadella
3 cucchiai di panna da cucina
olio e.v.o.



Dividete il cavolfiore a cimette e lessatelo in acqua bollente salata per dieci minuti. Intanto lavorate il burro freddo con la farina fino a creare un impasto bricioloso, infine aggiungete l'acqua e un pizzico di sale, lavorate fino a formare una palla. Mettetela nella pellicola e poi a riposare in frigo per mezz'ora. Nel frattempo avrete scolato il cavolfiore. In una pentola antiaderente scaldate qualche cucchiaio d'olio e saltate il prosciutto e la mortadella tritati per un paio di minuti. Aggiungete il cavolfiore e poi i cucchiai di panna e la mozzarella tagliata a dadini. Quando il formaggio sarà filante spegnete e versate il tutto in una tortiera di ceramica e livellate. Aspettate che la brisè sia pronta e poi stendetela con un mattarello. Adagiatela sopra la tortiera e rifinite il bordo eliminando la pasta in eccesso. Con questa io ho creato delle stelline per decorazione, voi potete sbizzarrirvi come più vi piace... o lasciarla liscia. Spennellate con un po' di latte e infornate a 200 gradi per circa 45 minuti. Lasciate riposare 10 minuti prima di servire... Buon appetito!


Curiosità: 
E' stata Emma Thompson, che interpreta Elinor, ad adattare il romanzo per il cinema, scrivendo la sceneggiatura che le ha fruttato un Oscar.
La Thompson, che nel 95 divorziò da Kenneth Branagh (reo di essersi fatto l'amante, che poi sarebbe Helena Bonham Carter, sul set di Frankestein), ha conosciuto sul set di questo film Greg Wise, nel film il fascinoso Willoughby, che ha sposato nel 2003. Galeotti furono Ragione e Sentimento.

Post più popolari