domenica 12 giugno 2011

Torta rustica con fragole e pesche: il potere della Persuasione



"Fai una torta?"
"No, sono a dieta"
"Dai una crostata con la crema pasticcera e le fragole! Ne abbiamo comprate un sacco... Dai, un dolce per domani..."
"Non posso mangiare dolci!"
"Non importa, la mangio io"
"....mmm.... va bene, non una crostata, però! Qualcosa di più leggero"
Così, più o meno, ho ceduto alle richieste del mio fidanzato e deciso di fare un dolce nonostante il mio (tentativo) di regime alimentare dietetico. Sono stata abbastanza brava in queste ultime due settimane, ma ogni tanto saltano cene fuori o inviti da qualche parte che, inevitabilmente, ti fanno deviare dal percorso. Inoltre, se il tuo fidanzato ti tenta, incoraggiandoti a fare incursioni culinarie a base di creme e burri, beh, difficile non cedere al potere della persuasione.
La persuasione che può portarci a ragionare meglio, a fare scelte più ponderate e quindi migliori. Oppure a cedere al peso della volontà, delle valutazioni o delle paure delle persone che ci circondano e che in qualche modo hanno un'influenza su di noi. 



C'è un romanzo di Jane Austen che si intitola così, Persuasione, appunto: ne sono state tratte due versioni cinematografiche, una del 1995, di Roger Michell, e un'altra del 2007, prodotta dalla BBC per la tv, con Sally Hawkins (Happy Go Lightly, We want Sex). Io vi parlo di quest'ultima versione, che ho visto in inglese anche perché credo non sia mai uscita in Italia.

Ann Elliot è la secondogenita di un nobiluomo che non è stato in grado di gestire con accuratezza il patrimonio e ha ridotto la famiglia praticamente sul lastrico. Anne sta quindi per abbandonare la casa di famiglia, che verrà affittata a qualcuno con maggiori possibilità economiche. Caso vuole che il nuovo affittuario sia l'ammiraglio Croft, cognato del capitano di marina Frederick Wentworth. Questi, otto anni prima, era stato promesso sposo di Anne, infine da lei rifiutato perché persuasa da un'influente amica di famiglia che l'unione con un semplice ufficiale di marina non offrisse sufficienti garanzie economiche. Anne è pentita di quella scelta ed è ancora innamorata di lui: rivedendolo, e constatando la sua freddezza verso di lei, viene assalita da un misto di disperazione e vergogna. Ma le circostanze le offriranno una nuova occasione: starà a lei sfruttarla, aprendo il suo cuore e armandosi di determinazione, senza lasciarsi distrarre da ciò che gli altri vorrebbero per lei


Questo film è un tuffo nelle atmosfere romantiche dell'Inghilterra ottocentesca: l'interpretazione della Hawkins è perfetta e nei piccoli particolari dei suoi gesti cogliamo la profondità del suo tormento, l'emozione nel rivedere il perduto amore e l'ansia di riconquistarlo. A me è piaciuto, chiaramente si tratta della Austen e deve gustarvi il genere. :-) 

Intanto eccovi la ricetta della tortina, magari ve ne potete gustare una fetta sorseggiando tè e guardandovi il film. E' davvero leggera, con queste dosi rimane molto "fruttosa" e umida, quindi regolatevi voi in base ai vostri gusti: a me le torte di frutta piacciono così!

Torta rustica con fragole e pesche 
250 gr di fragole
300 gr di pesche
1 limone
150 gr di farina integrale di farro
100 gr di farina che lievita
10 gr di lievito per dolci
50 ml di olio di arachidi
200 gr di zucchero di canna
2 uova
120 ml di latte

Lavate e sbucciate le pesche, pulite le fragole, tagliuzzate tutta la frutta e mettetela in una terrina, coprendola con il succo di un limone bio non trattato: tenete da parte la buccia e lasciate macerare per circa 20 minuti. In una ciotola lavorate le uova e lo zucchero di canna con la frusta fino a ottenere un composto spumoso. Unite il latte e l'olio.  Scolate la frutta e raccogliete il succo, unite anche quello. A parte setacciate la farina di farro con l'altra e con il lievito e poi amalgamarla al composto di uova, zucchero e latte. Aggiungete una grattugiata di buccia del limone e infine unite la frutta scolata. Versate in una teglia imburrata e infornate a 180 gradi per circa 1 ora (dopo 40 min coprite con un foglio di alluminio per evitare bruciature).

#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...