Kevin Spacey Day: 21


Oggi è il Kevin Spacey Day! E che roba è? Vi spiego. Un gruppetto di simpatici blogger appassionati di cinema ha deciso di celebrare un grande attore al mese, seguendo i compleanni e pubblicando le recensioni dei migliori film. Da questo giro anche io faccio parte della banda: inizio quindi da Kevin Spacey, nato il 26 luglio del 1959, che oggi compie 54 anni.
Vi state chiedendo perchè la faccia di Spacey è fotomontata su un fisico possente e sanguinario: il fatto è che molti cineblogger avrebbero preferito dedicare il Day di luglio a Silvester Stallone, ma poi il partito di Spacey ha prevalso e per prenderla a ridere è stato realizzato questo banner. :-)
Attore eclettico e di talento, il nostro amico Kevin non ha certo il fisique du role del bellone, perciò ecco che lo vediamo recitare spesso in ruoli da coprimario o, cosa che gli riesce molto bene, del cattivo, come nel caso di Seven o dei Soliti Sospetti, per cui vince il primo Oscar.
Ma il riconoscimento mondiale per Spacey arriva con l'Oscar per American Beauty, dove interpreta un infelice uomo di mezza età che perde la testa per un'amica della figlia adolescente.


La pellicola di cui vi parlo oggi, però, è 21, un film che intreccia gioco d'azzardo e matematica in cui Kevin non si smentisce e interpreta con bravura un professore dalla dubbia moralità che trascina nei guai il carino, intelligente e, almeno all'inizio, credulone Jim Sturgess.
Sturgess è Ben, brillante ma squattrinato studente del MIT che viene notato da il professor Mickey Rosa (Spacey) e per questo passa in men che non si dica dai tavoli della biblioteca a quelli dei casinò. Rosa, infatti, lo fa entrare nel suo illegale e segretissimo dream team di studenti matematici di talento che nei weekend volano da Boston a Las Vegas per sbancare i tavoli del blackjack attraverso un complicato sistema di conteggio delle carte.
All'inizio tutto sembra meraviglioso e Ben si lascia prendere sempre di più da questa attività, che lo porta a trascurare i vecchi amici (nerd) e lo studio a favore di Jill, la più bella del gruppo, e soprattutto dei soldi. Quando Ben comincia a forzare la mano, le cose non fileranno più lisce. A questo punto Kevin Spacey sfoggia la sua collaudata interpretazione del bastardo senza scrupoli e tira fuori tutta la crudeltà del professor Rosa. Ma Ben è pur sempre un cervellone e Rosa, con i suoi trucchetti nei casinò di tutta Las Vegas, nel corso degli anni si è fatto molti nemici. Tornerà a galla? Si vendicherà di Rosa?


Il film, del 2008, vanta una storia abbastanza originale, che offre buoni spunti (ispirata a fatti realmente accaduti), ma a volte si perde nell'imitazione dei classici del genere "azzardo", da Ocean's 12 a Casinò fino a La Stangata, ma resta comunque una visione piacevole. La regia è di Robert Luketic, nome che non vi dirà molto, dal momento che ha firmato più che altro commediole di livello medio basso, tipo Quel mostro di suocera, La rivincita delle bionde e La dura verità e in questo caso non dà un grande valore aggiunto. I momenti migliori del film? Quelli che vedono in scena Spacey a.k.a Professor Rosa a bistrattare Sturgess e a regolare i conti con la sua nemesi, Lawrence Fishbourne, ovvero il capo della sicurezza di uno dei casinò, che da anni lo tiene d'occhio...

Curiosi delle recensioni degli altri film di Kevin?
Eccovi l'elenco completo dei partecipanti al KS Day e dei relativi post.

Post più popolari