domenica 9 ottobre 2011

Oltre il vetro: un campanile, il cielo blu e i muffin alla carota


Din, don, dan. Sono le 7 e 30: puntuale come ogni mattina, il campanile della chiesa inizia a far dondolare su e giù le enormi campane di ferro battuto, che compongono una canzoncina dedicata a Maria Vergine. L'orecchio semi addormentato si desta definitivamente e fa scattare il mio cervello. "Oh, no... ancora 10 minuti", imploro. No, è ora di alzarsi... anzi, è già tardi, mi devo sbrigare! A fatica scosto la coperta, abbandono la posizione distesa e poso i piedi a terra. Sarà almeno una bella giornata? Scosto le tende azzurre, spalanco gli infissi cigolanti e poi, con un colpo deciso, apro le persiane: meraviglioso! La temperatura finalmente assomiglia a quella autunnale e il cielo è tappezzato di nuvole blu e rosa. Mi ricordo che per colazione potrò mangiarmi un delizioso quanto leggero muffin alla carota e sorrido. Butto uno sguardo al campanile, così bello tra le nuvole colorate, e penso che oggi posso persino perdonarlo per il tormento continuo che mi dà.




Il campanile che vedete nella foto è quello della chiesa Santa Maria alla Fontana a Milano, che si trova a meno di 100 metri da casa mia. Una chiesa rinascimentale attribuita da diverse fonti a Leonardo Da Vinci ma anche a Bramante e Cristoforo Solari. Pare che invece il progetto della chiesa sia dell'architetto Giovanni Antonio Amadeo. La chiesa fu costruita in seguito alla scoperta di una fonte di acqua dalle proprietà taumaturgiche: pare che il governatore francese che stava in città all'inizio del 1500, fu guarito grazie a quest'acqua. Decise quindi di costruire un luogo di culto annesso a un istituto dove le persone abbienti potessero soggiornare per curarsi. Purtroppo oggi nella "fontana" non scorre più quell'acqua miracolosa, perché nel 1800 la falda fu inquinata da un incendio scoppiato in una fabbrica di bitume adiacente alla chiesa. Oggi quindi dagli undici ugelli presenti nella chiesa fuoriesce semplice acqua di rubinetto: insomma, nessuna speranza di un piccolo miracolo! 
La chiesa è molto bella, così come il campanile, che però è anche piuttosto fastidioso.. O forse, più che il campanile, è chi lo imposta per suonare in continuazione (rintocchi all'ora, al quarto, alla mezza + canzoncine varie... maledetto parroco) che è fastidioso... 


Questa storiella e questa foto le ho pensate e postate per partecipare al Blog candy di Cranberry di Cappuccino & Cornetto, che si intitola Oltre il vetro e invita tutti a raccontare cosa vediamo fuori dalla nostra finestra. Eccoti accontentata, Cran! 


Il Blogcandy di Cranberry


Oggi quindi niente film, ma perché rinunciare alla consueta ricettina? I muffin leggeri e buonissimi di cui parlavo prima, per esempio?? Eccoli qua! Per me i muffin sono la svolta: soddisfano i miei improvvisi raptus da "baking" senza avere fra i piedi un dolce enorme che, povera me che sacrificio, mi tocca spararmi nei giorni successivi. In più i pirottini limitano la porzione (sempre se si ha il self control di mangiarne uno solo). Insomma i muffin ti fanno togliere lo sfizio ma non attentano troppo alla linea: che meravigliosa invenzione! Questi, cmq, sono sani -c'è la verdura dentro, volete dire di no??- e strepitosi.. provare per credere!



Muffin alle carote
Dosi x sei muffin (se siete in tanti, raddoppiate, triplicate...)
100 gr di carote grattugiate
50 gr di farina di mandorle
100 gr di farina 00
lievito 1 cucchiaino e una punta
60 gr di zucchero
5 cucchiai di olio di arachidi
1 uovo
5 cucchiai di latte
2 cucchiai di gocce di cioccolato
1 pizzico di sale


Come di consueto per i muffin, mescolare tutti gli ingredienti solidi in una ciotola (farina, lievito, zucchero, pizzico di sale) e quelli liquidi in un'altra (uovo sbattuto, latte, olio). Grattugiare 100 gr di carote (peso delle carote pulite e pelate). Unire in una sola terrina tutti gli ingredienti e due cucchiai di gocce di cioccolato fondenti. Mescolare poco, mettere due cucchiaiate del composto in ogni pirottino e cuocere in forno a 180 gradi per circa 15-20 minuti (prova stecchino sempre valida). 
Buona serata!

38 commenti:

  1. Adoro le carote nei dolci... provero' i tuoi muffins... ne mangerei uno proprio ora..

    RispondiElimina
  2. Che bellissima vista...te lo invidio, il campanile rumoroso :-)
    I muffins invece per fortuna posso rifarmeli!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia questi muffin carotati! Se non fossi una patita delle decorazioni (nelle quali posso sbizzarrirmi solo facendo torte), penso che farei anche io molti più muffin, decisamente un'invenzione più amica della linea rispetto alle classiche torte... bellissimo post. Buona settimana!

    RispondiElimina
  4. anche tu una vinestra con vetro speciale... uffa E io, posso solo invidiare?!?! Ma non vale!

    RispondiElimina
  5. Questi muffin saranno miei!!!!

    RispondiElimina
  6. Adoro i muffin, sia dolci che salati. Non li ho mai provati alle carote però.

    RispondiElimina
  7. Bello! io dalla mia finestra vedo un bel palazzo grigio! un piano in meno e almeno avrei avuto gli alberi, adoro i tuoi post e adoro te, ma sai che odio le carote e anche i campanili...la domenica!bacio!

    RispondiElimina
  8. Anch'io ho un campanile di fronte alla finestra come te ma le campane ormai non le sento più, invece vengo svegliata dai cori della chiesa! W i muffin, come dici tu trovo che la dimensione di queste delizie sia ottimale! Buona serata Sonia

    RispondiElimina
  9. eheh...per fortuna io abito lontano dal campanile;)
    Però la vista è bellissima! favolosi questi muffin, devono essere leggeri e deliziosi, una colazione perfetta!

    RispondiElimina
  10. anch'io proprio oggi ho mangiato una torta di carote fatta da mia sorella, è un classico che non mi stanca mai.
    bella foto e grazie per l'aneddoto in stile "101 cose da fare e vedere a milano", sai che la amo ;-)
    in attesa di vederci (anche questa settimana sarà di fuoco per me...), ti abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Che vista anche tu! Penso che quel campanile tenga molta compagnia non solo per il suono delle campane ma per la presenza, così importante, particolare, imponente sullo sfondo di nuvole e cielo. Incantevole!
    Deliziosi i muffin, se li vuoi più grandi, come ti capisco!, potresti usare gli stampini usa e getta della Cuki.
    A presto! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  12. ma chissa chè forte svegiarsi con il suono del campanile!
    forse la domenica quando vorrai dormire un po di più, meglio i tappi...ma per il resto è un'immagine davvero affascinante!
    prendo un muffin e mi affaccio alla finestra con te ^_^
    grazie per aver partecipato, ti aggiungo subito :D

    RispondiElimina
  13. Che bel post, è bello sbirciare ogni tanto nelle case e nelle vite altrui...si scoprono tante cose e ci si conosce meglio! E poi con questi dolcetti...è tutta un altra musica! ;-)

    RispondiElimina
  14. Che buoni!!! Leggeri e golosi!!!

    RispondiElimina
  15. Che buoni questi muffin! E che bel post... è sempre un piacere leggerti!

    RispondiElimina
  16. La sveglia col campanile mica si può spegnere o posticipare di 5 minuti in 5 minuti, complimenti, io avrei già insonorizzato tutta la casa! ...passino i rintocchi e le canzoni, ma la sveglia, argh!

    Il pensiero dei muffins che aspettano per fare colazione è decisamente molto meglio!
    Ho giusto delle carote da smaltire, ma credo che raddoppierò le dosi! :D

    RispondiElimina
  17. Anche se quel campanile sarà un po' rumoroso, la vista dalla tua finestra è bellissima. Io i rintocchi li sento e basta, senza "panorama"! Suggestivi i colori del cielo nella foto che hai scattato.
    Ho sempre amato le tortine alle carote, Golosi i tuoi muffins con le gocce ^__^ Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  18. Ho cucinato muffins giusto appunto sabato, ma i miei sono da sensi di colpa (cioccolato e meringa morbida). La tua ricetta me la tengo per quei giorni in cui avrò voglia di qualcosa di sfizioso da bere col tè, sono convinta che mia mamma ne andrà matta! Alla prossima!
    Francesca

    RispondiElimina
  19. concordo, se nei muffin c'è la verdura vuol dire che sono sani!!! :)
    Sicuramente poi sono buoni!

    RispondiElimina
  20. davvero davvero grazioso questo tuo blog ;)
    non t'invidio per le campane eh? ahahahah Ma quella chiesa deve essere favolosa da togliere il fiato
    un baciuzzo e...ne avanzarono muffin?
    *
    Cla

    RispondiElimina
  21. Ma sono come dei muffin-camille! :) Buoni!!!

    RispondiElimina
  22. Come ti capisco, quando dormo dal mio ragazzo mi sveglio inevitabilmente alle 7 per colpa delle campane della chiesa che ha a 50 m da casa! Un tormento... e io non ho nemmeno uno dei tuoi muffin alla carota per consolarmi!!

    RispondiElimina
  23. Il suono delle campane mi mette gioia. Non so perchè ma è un ricordo ancestrale, un suono che ho dentro frutto di esperienze infantili che non ricordo o forse si, ma è sempre bellissimo. Vorrei essere anche io svegliata così. I muffin alle carote sono tra i migliori. Io li adoro. Adoro il sentore di mandorle e anche di arancia (io ce la metto). E li mangio con gioia con l'illusione che non facciano danno (peccato che io non mi fermo mai dopo il primo). Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  24. Ciao Passiflora, grazie per essere passata da me così ho avuto occasione di leggere questo blog così particolare, anche io sono appassionata di cinema e più di una volta ho pensato di improntare il mio blog come lo stai facendo tu. Ma la trovavo una cosa molto difficile, invece tu ci riesci alla grande.
    Mi hai fatto venire voglia di muffin alle carote!
    A presto

    RispondiElimina
  25. Deliziosi questi muffin di carote! Sono soffici e invitanti! Ciao

    RispondiElimina
  26. Ciao!!!!
    Bella la foto!!! Anche la notte suonano le campane?? Da noi cominciano alle 7!!!
    Ottimi muffin!! La prossima domenica arrivo per colazione!!!!!
    Un bacione!!!!!

    RispondiElimina
  27. Che splendida ricetta!!!! Quanto mi piace!!! Complimenti cara! Un bacione e buona giornata! :-D

    RispondiElimina
  28. :-) Bella questa idea di descrivere cosa si vede dalla nostra finestra... E belli anche i muffins, che, stamani, tra il freddo e i pensieri lugubri, mi sarebbero proprio serviti per darmi la carica!

    RispondiElimina
  29. bellissima la vista dalla tua finestra, il campanile, anche se rumoroso, è splendido da guardare!
    i muffin sono ottimi :P
    bacioni

    RispondiElimina
  30. che buoni e sani questi muffin alla carota, senza burro ma con l'olio, da provare!
    il campanile è bello, sarebbe meglio silenzioso però... e la storia sull'acqua miracolosa è molto carina, peccato che non ci sia più ^__^

    RispondiElimina
  31. Che bellissima vista dal tuo balcone e che buoni questi muffin.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  32. che buoni!!!!!! anch'io la mattina mi alzo più volentieri se ho qualcosa di buono ad aspettarmi :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  33. Aspetta, arrivo ... Un ricciolo di glassa sopra al muffin, e il sorgere del sole sara' ancora piu' poetico :-)))

    RispondiElimina
  34. Questi muffin devono essere deliziosi...

    RispondiElimina
  35. Hai una vista bellissima, dalla mia vedrei solo verde! Un campanile è sempre un campanile!!
    Sai quanto mi piacciono le carote nei dolci, per un periodo ho avuto pure la fissa:-), quindi segno e magari me le preparo per il fine settimana...un abbraccio

    RispondiElimina
  36. Passiflora cara, che bello è conoscerti meglio con questo bellisismo post, grazie!!!!! Stupende le foto e golosissimi questi dolcetti alla carota, brava!!

    RispondiElimina
  37. Dei muffins dal sapore molto molto delicato.
    Un bacione e buona serata.

    RispondiElimina
  38. Ghiotti i muffins e strepitosa la foto..complimenti!!!

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

L'inverno è arrivato: come prepararsi e dove vedere l'ottava stagione di Game Of Thrones!

L'ottava stagione di Game of Thrones è finalmente qui! L'attesa è alle stelle  e l'hype a mille: stasera in America, stanot...