lunedì 11 marzo 2013

Linzer torte a modo mio


Ve lo ricordate La principessa Sissi? E' uno dei film più ingannevoli della storia. Pare infatti che la sovrana Elisabetta di Baviera (sì, perché Sissi era una duchessa bavarese dalle guanciotte rosa, prima di infilarsi nei vestiti di raso che si confanno a una principessa) fosse una specie di depressa, fissata con la linea (era anoressica) e con la ginnastica da camera, oltre che con le lunghe passeggiate e le interminabili sessioni di equitazione. Aveva poco a che vedere con la dolce fanciulla dipinta dai lungometraggi con Romy Schneider. E' anche vero che la poveretta, vissuta libera dalle eccessive costrizioni fino ai 18 anni, dopo il matrimonio con l'imperatore Francesco Giuseppe venne catapultata presso la corte asburgica dove vigeva una rigida etichetta. La sua vitalità naturale venne repressa e la povera Sissi cadde presto vittima di crisi d'ansia e fissazioni. A questo si aggiunga la morte prematura della prima figlia, Sofia, e siamo a posto. 



Comunque sia, la trilogia dei film sulla principessa (il primo del 1955) fu un successo mondiale -la Rai non manca di trasmetterli tuttora almeno una volta l'anno (di solito ad agosto, per il ciclo i grandi classici o roba del genere)- e contribuì a rendere ancora più mitica la figura di questa principessa tanto amata (e al tempo stesso criticata). 
E io vi lascio con la ricetta di un dolce tipicamente austriaco, che profuma di frutta, burro, spezie e anche cacao. Forse piaceva anche alla principessa Sissi.. chi lo sa? E' una ricetta tradizionale e antichissima. Non me ne vogliano i puristi, perché questa mia versione differisce un po' da quella ortodossa. Ma il risultato è stato decisamente apprezzato e promosso, quindi la condivido con voi 
:-)



Linzer torte

Per la frolla
170 grammi di farina 00
150 grammi di farina di mandorle
150 grammi di burro
150 grammi di zucchero bianco
1 cucchiaino colmo di cacao
1/2 cucchiaino di cannella
2 tuorli d'uovo

Per il ripieno
1 confezione da 250 grammi di Fiordifrutta ai Lamponi (Rigoni di Asiago)
50 grammi di cioccolato fondente al 70% di cacao

Nella planetaria lavorare con frusta K il burro freddo con la farina setacciata insieme alla farina di mandorle. Aggiungere lo zucchero, il cacao, la cannella e infine i tuorli d'uovo. Appena il tutto si impasta, spegnete, appallottolate la frolla e avvolgetela nella pellicola. Lasciatela riposare per circa mezz'ora. Quando sarà pronta, stendete i due terzi dell'impasto con il mattarello e rivestite una tortiera imburrata del diametro 22 cm. Bucherellate il fondo. Versate all'interno un vasetto di Fiordifrutta ai lamponi e livellate bene. Spezzetate il cioccolato e spolverizzatelo sopra la marmellata. Stendete il rimanente impasto, con una speronella create delle strisce non troppo sottili e decorate la crostata. Infornate a 180 gradi per 40 minuti. Lasciate raffreddare, sformate e gustate!
Ps: il tocco del cioccolato all'interno è una mia aggiunta, ovviamente potete ometterla (ma come sapete cioccolato + lamponi = yum!!). Invece della farina di mandorle, potete usare mandorle tritate o, come da ricetta originale, nocciole tostate e tritate. Sarà ottima in entrambi i casi!

17 commenti:

  1. Da piccola ho visto talmente tante volte i film sulla principessa Sissi che alla fine mi è scoppiata una vera e propria passione per Vienna tanto da farne la città dei miei sogni a dispetto di Parigi! Adoro la crostata di Linzer e il tuo ripieno arricchito dal cioccolato la rende assolutamente strepitosa. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  2. Poveretta, non sa cosa si perdeva!!! Io scambierei qualsiasi corona per una grossa fetta della tua torta!!

    RispondiElimina
  3. Sono d ' accordo ha un aspetto fantastico ......e poi le corone schiacciano i capelli :-D Ciao Monica

    RispondiElimina
  4. Sono democratica e accetto anche la tua versione della Linzer... certo, avendoci messo il cacao non potrei fare altrimenti :)

    RispondiElimina
  5. Sissi non l'ho mai visto tutto ma ricordo i sabati sera con mia nonna a vederli a pezzi come alternativa a Via col vento!

    La torta sembra una delizia, la proverò visto che in casa le crostate vanno per la maggiore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa non ti sei persa granché! era insopportabile! :-) fammi sapere se provi la torta, a presto!

      Elimina
  6. Ciao elisa! che buona questa crostata...la adoro! baci ebuona giornata!

    RispondiElimina
  7. Sai che non li ho mai visti. Non spassiono per i film di teste coronate ne vecchi ne nuovi a parte "il discorso del re" che però è un'altra cosa! :)
    Invece apprezzo molto la tua versione di Linzer ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il mio gusto, non è che ti sia persa molto! meglio la torta :)

      Elimina
  8. anch'io ho letto che era fissata con la linea e si curava i capelli in modo ossessivo, i film li ho visti perforza, quante volte li avranno ridati? molto meglio la torta!!! buona!!! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì i capelli erano un'altra mania, li aveva lunghi fino alle ginocchia e inventò una pettinatura a treccione raccolte sulla nuca che divenne subito moda in tutto l'Impero! viva la Linzer! ;-)

      Elimina
  9. Questa torta è davvero molto invitante...
    ho visto Sissi migliaia di volte e, ahimé sì, è stata una delusione scoprire che nella realtà era ben diversa dalla incantevole Romy Schneider, sebbene anche lei fosse molto bella.

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

L'inverno è arrivato: come prepararsi e dove vedere l'ottava stagione di Game Of Thrones!

L'ottava stagione di Game of Thrones è finalmente qui! L'attesa è alle stelle  e l'hype a mille: stasera in America, stanot...