The Americans: le spie russe che mangiano brownies e polpettone vi conquisteranno


Nel pieno della Guerra Fredda, il KGB si serviva di agenti speciali russi infiltrati sul territorio americano per operazioni di spionaggio, recupero informazioni, studio del nemico, sabotaggi ed eliminazione di personaggi scomodi a Mosca. Queste spie erano addestrate al punto da riuscire a integrarsi totalmente nella società USA, facendosi passare per sorridenti incarnazioni del sogno americano.
The Americans è la nuova serie di FX che racconta la storia di Elizabeth e Philip Jennings, due di queste spie russe. Siamo nel 1981: i due fingono agenti di viaggio, hanno due figli (veri) da un matrimonio (fasullo) combinato dal KGB, che da Mosca li ha spediti a vivere insieme come statunitensi doc in un sobborgo di Washington DC.



Stan Beeman invece è un agente dell'FBI appena assegnato alla sezione controspionaggio: vicino di casa dei Jennings, diventerà loro amico nella vita e loro inconsapevole nemesi sul lavoro.
L'FBI da un lato, gli agenti KGB della Rezidentura moscovita a DC dall'altro e quelli in diretto contatto con Mosca, lavoreranno l'uno contro gli altri in un intreccio di tradimenti, doppi giochi, inseguimenti, intuizioni, scoperte, rischi e pericoli.


The Americans racconta una pagina di storia americana (e mondiale) recente e la rende intrigante, spettacolare e appassionante grazie alla storia personale di personaggi sfaccettati che si muovono sul filo di una moralità discutibile. Le spie russe sono i cattivi? Certo fanno ciò che devono, senza farsi troppi scrupoli, perché mossi dalla convinzione di agire per un bene più alto, quello della Madre Russia (una convinzione che potrà forse traballare per qualche secondo, ma non cede mai). Ma sono anche persone che vivono il dramma di una relazione in cui i confini tra realtà e finzione, amore e dovere, si fanno labili e sfumati: la loro umanità ci porta, inesorabilmente, ad affezionarci a loro e a sperare che la facciano franca e non vengano catturati.



In questo gioco di ricatti, violenze e sangue gli Americani (i buoni?), giocano le loro carte senza tirarsi indietro e accettando via via compromessi morali sempre più pesanti, dimostrandosi a loro volta disposti a tutto per combattere il nemico silenzioso che viene dal freddo (e spacca svariati culi) e difendere la Madrepatria (ma soprattutto l'amico, il collega, la famiglia).



Elizabeth e Philip sono interpretati da Keri Russell e Matthew Rhys, noti ai più per i loro ruoli nelle serie Felicity e Brothers& Sisters. Per capire il loro controverso rapporto bisogna considerare che i  Jennings sono stati spediti in America come marito e moglie senza essere mai stati insieme, anzi, senza nemmeno essersi conosciuti prima. Elizabeth è la dura e pura del duo, disposta a vivere la relazione nell'ambito della copertura, ma, almeno in principio, restia a considerare reale l'unione con Philip. Philip è il più integrato nella società americana : ha adottato completamente lo stile di vita dei "nemici" e questo gli attira, a volte, critiche da parte della moglie. Se ne accorgono anche i figli, Paige e Henry: la mamma è rigorosa, intransigente, poco espansiva; Philip è a tutti gli effetti un American dad, affettuoso e divertente, ma non per questo meno spietato e determinato quando si tratta di portare a termine una missione.



Il vero divertimento della serie, quindi, oltre all'intreccio di spionaggio che ci tiene in tensione puntata dopo puntata (con forse solo una parentesi di rallentamento attorno a metà serie) è l'evoluzione della dinamica tra loro, in un tira e molla di fiducia e sfiducia, attrazione e insofferenza. Philip ed Elizabeth resteranno insieme? I figli sospetteranno qualcosa? Ve lo lascio scoprire da soli! La prima serie è terminata in America ed è stata confermata una seconda stagione che dovrebbe partire a gennaio 2014. Le domande che ha lasciato aperte sono molte... E io già non vedo l'ora!



Il cibo in questa serie ha un ruolo interessante: Elizabeth deve fare la mamma americana e lo fa anche a tavola. Offre brownies ai nuovi vicini, porta a cena il "suo famoso polpettone", prepara colazione con latte e cereali colorati ai suoi bambini e confeziona sandwiches da portare a scuola per il pranzo. Non si fa mai parola di piatti tipici russi nella famiglia Jennings. Una scena interessante, però, riguarda il caviale: Elizabeth e Philip lo assaggeranno per la prima volta in seguito a una serie di coincidenze, per merito del vicino Stan. In Russia era troppo costoso per poterselo permettere...



Post più popolari