Crostata per le sorelle con mele, albicocche e frolla alla ricotta. E una commedia sulla famiglia

Ebbene sì, anche io, nonostante le temperature, ho riacceso il forno. Complice qualche mela un po' appassita e delle albicocche non proprio eccelse prese al super, ho deciso di fare una crostata ripiena. All'inizio pensavo di alleggerire la frolla utilizzando la ricotta al posto del burro, ma poi ho letto in rete che alcune ricette non avevano dato risultati soddisfacenti e ho quindi optato per un compromesso. Metà e metà. Metà burro e metà ricotta al posto di 100% burro: il risultato è molto simile alla vera pasta frolla, ma più morbido, friabile, dal gusto delicato. Mi ha conquistato e credo che la rifarò spesso! Non è che questa versione sia del tutto light, ma certamente non ha le calorie della frolla classica. Il ripieno è un po' apple pie, un po' strudel, con qualche tocco d'estate grazie alle albicocche e alla confettura di fichi.
La ricetta? Eccola!



Crostata di mele e albicocche con frolla alla ricotta

Per la frolla
400 grammi di farina 00
180 grammi di zucchero semolato
2 tuorli d'uovo
100 grammi di burro
100 grammi di ricotta
1 cucchiaino di lievito

Per il ripieno
300 grammi di albicocche (pesate con il nocciolo)
4 piccole mele Golden (o 3 medie)
100 grammi di uvetta sultanina
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di confettura di fichi (io Fiordifrutta Fichi Rigoni di Asiago)
2 cucchiai di pangrattato

Mettere a mollo l'uvetta in acqua tiepida. Preparare la frolla: amalgamare il burro freddo e la ricotta con lo zucchero, usando la planetaria o uno sbattitore elettrico (o, alla peggio, una forchetta). Aggiungere i tuorli d'uovo e lavorare l'impasto il minimo indispensabile. Aggiungere la farina setacciata con il lievito, lavorare poco fino a ottenere una palla, avvolgere nella pellicola e lasciar riposare in frigo per almeno mezz'ora. Con questo caldo consiglio anche un'ora. Nel frattempo lavare, sbucciare e tagliare a tocchetti le mele. Lavare e tagliare in quattro le albicocche. Mescolare la frutta con l'uvetta, scolata e strizzata, due cucchiai di zucchero e due cucchiai colmi di confettura di fichi. Quando sarà pronta, stendere la frolla con un mattarello (usare della carta da forno come base se non volete ungere il piano) e rivestire una tortiera im burrata (io a cerniera, diametro 22 cm) con i due terzi della pasta. Bucherellare il fondo con una forchetta e cospargerlo di pangrattato, versare la frutta, livellare e coprire con la restante pasta frolla. Sigillare bene i bordi, bucherellare anche il coperchio di frolla. Infornare a 180 gradi per circa un'ora. Una volta fredda, spolverizzare di zucchero a velo e servire. 



Che ne dite, vi ispira? Io l'ho preparata per un pranzo con le mie sorelline (per modo di dire: sono più giovani di me, ma con i loro 28 e 21 anni sono comunque cresciutelle), venute a trovarmi mentre i miei, beati loro, se la godono già al mare. 
Loro hanno apprezzato e sono certa che anche voi farete lo stesso ;-) 
Il tema del rapporto tra fratelli e sorelle è spesso rappresentato al cinema (e nella letteratura). Generalmente si tratta di personaggi opposti tra loro e le loro differenze sono sfruttate a fini narrativi per mettere in luce le caratteristiche preponderanti del protagonista. 
Importanti in questo senso sono i romanzi (e i film) tratti dai libri di Jane Austen, come Ragione e Sentimento e Orgoglio e Pregiudizio. Per non parlare del classicone Piccole donne.  Sul rapporto tra due fratelli diversi come il giorno e la notte (Craig Sheffer e Brad Pitt) è incentrato anche In mezzo scorre il fiume, di Robert Redford, che ci tuffa nel Montana di inizi 900. Brad Pitt era presente anche nel polpettone Vento di passioni, dove interpretava il bello e impossibile dei tre figli di un ex colonnello che abbandonava l'esercito per ritirarsi a vivere in un ranch del West. 
Cameron Diaz e Toni Colette erano invece due sorelle così diverse da avere in comune solo la taglia delle scarpe nella commedia dolceamara In her Shoes
Potrei continuare con gli esempi, ma mi limiterò a segnalarvi una commedia uscita ora in Italia che si intitola Quell'idiota di nostro fratello (titolo originale Our Idiot Brother) e che parla proprio dei legami familiari, che sono più forti delle differenze negli stili di vita e le divergenze caratteriali.



Ho letto pareri contrastanti su questo film che forse ha la pecca di non esplodere mai al 100% nel suo potenziale comico, apparendo forse un po' incompleto o privo di mordente. In ogni caso non lasciatevi ingannare da un titolo alla Scemo e più scemo, per fortuna siamo su un altro livello. Il protagonista, Paul Rudd, sarebbe un agrigoltore biodinamico, ovvero una specie di hippy tutto peace & love che si dedica a coltivare ortaggi e a fare incroci improbabili (racconta per esempio che sta lavorando al "tomion", incrocio tra pomodoro e cipolla  -tomato & onion, utile a suo dire per tagliare i tempi di preparazione del sugo di pomodoro per la pasta).



Ned è insomma un uomo totalmente naif, ingenuo, sempre positivo e incapace di mentire. Questo lo porta a mettersi nei guai di continuo e ad essere addirittura arrestato. Una volta uscito di prigione scoprirà che la sua fidanzata l'ha bellamente rimpiazzato e cacciato di casa. Senza un posto dove stare, busserà alle porte delle sue tre sorelle, ognuna con un carattere e una vita molto diversa, sconvolgendola involontariamente. Ma i disastri che combinerà, in fondo, serviranno a ciascuna delle sorelle per smuovere le acque e affrontare problemi che nel tempo hanno preferito nascondere sotto il tappeto. Le sorelle sono interpretate dalle adorabili Elisabeth Banks, Zoey Deschanel e Emily Mortimer. Paul Rudd è davvero divertente e anche se il film poteva osare di più, lo promuovo sicuramente per una serata in compagnia da passare con qualche risata. Magari mentre mangiate questa torta con le vostre sorelle e fratelli. :-)
Vi lascio il trailer.




Post più popolari