lunedì 12 marzo 2012

Torta della nonna (e le nonne più cool del cinema)

La nonna ribelle


... quella che ti dà la torta quando tua madre ti ha messo a dieta.. e ti passa i libri di poesia. Come Judy Dench in Chocolat

La nonna che non è la nostra, ma adotteremmo volentieri


...come la dolce e forte Jessica Tandy in Pomodori Verdi Fritti.

La nonna veggente e un po' magica


... come Meryl Streep- Clara ne La casa degli Spiriti

La nonna aristocratica dal cuore tenero

Guarda il video












...come quella della granduchessa Anastasia


La nonnna lontana...


...che non vediamo da tempo e di cui ci contendiamo le attenzioni, come Shirley Mc Laine in In Her Shoes

Avete riconosciuto la vostra "nonna"?
A qualsiasi categoria appartengano le vostre nonne vere, sono speciali, come la torta a loro dedicata. Una delizia! Beh una torta che si chiama "della nonna" non può che essere un concentrato di bontà, profumi, coccole e abbracci, giusto?
Ma basta chiacchiere, ecco la ricetta, "ricavata" con complicate formule e algoritmi dalle versioni dei pasticceri più pasticceri che non si può... sto parlando di Maurizio Santin e Luca Montersino, da cui ho saccheggiato rispettivamente la ricetta per la frolla e la crema pasticcera (anche se quest'ultima con diverse immancabili aggiustatine)



Torta della nonna

Per la frolla di Maurizio Santin

500 grammi di farina
250 grammi di burro morbido
140 grammi di zucchero a velo
3 tuorli 
1 uovo intero
scorza di limone
1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera

500 gr di latte (ricetta originale: 320 gr di latte, 160 gr di panna)
3 tuorli e 1 uovo intero (ricetta originale: 6 tuorli)
160 grammi di zucchero (ricetta originale: 240 grammi)
30 grammi di fecola di patate
scorza di limone

Per guarnire: 50 gr di pinoli
zucchero a velo qb

Per la frolla ho usato il metodo sablé, usando il mio fantastico recente acquisto (Kitchen Aid) che sto imparando a utilizzare. Per la pizza e la frolla è veramente una manna! 
Mescolate il burro leggermente ammorbito e tagliato a tocchetti con la farina, usando la frusta a k a velocità 2 e poi quattro per poco più di un minuto, fino ad ottenere un impasto farinoso. 
A questo punto unite lo zucchero, poi i tuorli d'uovo uno alla volta e infine l'uovo intero e la buccia di mezzo limone grattugiato (l'altra metà la userete per la crema). Non appena l'impasto si rapprenderà attorno alla frusta con una consistenza compatta, spegnete il robot, create una palla, avvolgete nella pellicola e mettete in frigo a riposare. Nel frattempo potete passare a preparare la crema.
NB: con queste dosi vi avanzerà un po' di pasta.. ottima per fare deliziosi biscottini, magari guarniti con i pinoli.

Per la crema, una premessa. Ho preso come base la ricetta di Montersino per la crema cotta; a quanto dice il nostro Luca, per reggere bene la cottura in forno la crema dev'essere più dolce e più grassa di quella preparata per farcire bignè o guarnire dolci etc. 
Tuttavia, io non avevo in casa la panna come prevedeva questa versione perciò mi sono limitata ad aumentare lo zucchero rispetto alla ricetta base e a usare fecola al posto di maizena, in dose leggermente inferiore, come suggerisce il pasticcere. La crema così era già parecchio dolce, credo che seguendo le dosi da lui consigliate per i miei gusti diventerebbe nauseante, a meno di contrapporla a un impasto poco dolce, cosa che la frolla non è assolutamente!


Altro capitolo, le uova: non ce l'ho proprio fatta a metterci dentro 6 tuorli... mi sono limitata a quattro. Ed era gialla quanto basta e buona buona. Quindi, fidatevi, 4 bastano (ho provato a farla  anche con due, ma devo dire che il sapore un po' ne risente)

Nella planetaria, montate i tuorli con lo zucchero con l'apposita frusta per due minuti (velocità 4). Aggiungete la fecola e lasciate montare ancora un paio di minuti. Nel frattempo mettete il latte sul fuoco in una pentola antiaderente. Non appena il latte avrà raggiunto il bollore spegnete la fiamma e versate a filo due terzi del latte nel composto di uova e zucchero. Azionate di nuovo la frusta per amalgamare il tutto al meglio e poi versate il composto nella pentola con il latte rimanente, mescolando sempre con una frusta. Accendete di nuovo il fuoco, non appena la crema accennerà il bollore, spegnete, versate in una terrina e coprite con una pellicola trasparente a contatto per non formare la pellicina. Lasciate raffreddare mentre attendete la frolla.

Stendete due terzi della frolla sulla spianatoia servendovi di un mattarello. La frolla dev'essere spessa circa 4-5 millimetri. Una volta stesa, arrotolatela sul mattarello e srotolatela disponendola in una tortiera imburrata. Fate aderire bene ai bordi e togliete la pasta in eccesso con le forbici. Bucherellate il fondo con una forchetta, riempite di crema pasticcera, ripetete l'operazione con il restante terzo della frolla, chiudete bene sul bordo ripiegandolo e lavoratelo con i rebbi della forchetta. bucherellate anche la superficie, cospargente di pinoli e infornate a 180 gradi per 45 minuti.
Una volta fredda cospargete la superficie di zucchero a velo.
Mangiatela a temperatura ambiente, assaporando il profumo del limone, la consistenza della crema, la friabilità burrosa della frolla (questa ricetta di Santin è davvero impeccabile, provatela!) e il tocco rustico dei pinoli. Pensate all'abbraccio della nonna e lasciatevi coccolare!
PS: va conservata in frigo
Notte a tutti



44 commenti:

  1. che meraviglia di torta della nonna!!

    RispondiElimina
  2. Le torte della nonna sono sempre le più buone!!!

    RispondiElimina
  3. protesto perchè, invidiosa della tua planetaria, non riuscirò mai a fare questa torta così buona!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sì, con le braccia allenate a tenere in braccio gnometto, sono certa che ti verrà benissimo anche con frolla e crema preparate a mano!

      Elimina
  4. Io adotto la nonna di Chocolat con torte e poesie annesse, ma la mia preferita resta la mitica Nonna Papera :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nonna papera numero uno, ma per lei ci vuole la apple pie!

      Elimina
  5. Che bontà la torta della nonna, e quanto mi mancano la mie nonnine!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. la parodi nella trasmissione i menu di benedetta ti ha copiato!
    ieri l'ha fatta anche lei alternado il metodo valachevabene a tantoèuguale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. confronterò la ricetta... sono curiosa di vedere le differenze!

      Elimina
  7. La mia torta in assoluto preferita!

    Bella carrellata di nonnine, tra cui la mia preferita p senza dubbio è Jessica Tandy :)

    Baciotti cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jessica Tandy in quel film è irresistibile, davvero mitica

      Elimina
  8. Le mie nonne... una era una sorta di Clara de La Casa degli Spiriti, sempre sospesa a mezz'aria tra questa dimensione e quella degli spiriti, con cui intratteneva conversazioni e organizzava the danzanti; e l'altra... beh, ti sei dimenticata di una nonna (bis-nonna) davvero speciale, la Poupette de Il Tempo delle Mele. Meno moderna, la mia, ma senza peli sulla lingua, proprio come Poupette. Nessuna, però, faceva torte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De Il tempo delle mele ho un ricordo vago... devo averlo visto per metà, forse, ma non sono certa! ricordo però che mia cugina che era un po' più grande di me ai tempi era una super fan!

      Elimina
  9. Ciao!!!
    Io era da $tanto tempo che volevo fare la torta della nonna!!! Mi hai ispirato!!!
    Io faccio spesso la crema di Montersino e trovo che sia buonissima, non l'ho mai modificata perchè so che con lui non sbaglio mai, ma comunque sono sicura che anche la tua versione sia molto buona!!!
    La frolla di Santin non l'ho mai provata.
    Comunque, bravissima perchè sembra davvero squisita!
    La mia nonna è un insieme di tutte più o meno...e io gli voglio un gran bene!
    Ciao, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa era la versione di crema cotta di Montersino, che però ho voluto modificare per non rendere troppo dolce, la consistenza della crema secondo me era giusta e ha retto bene la cottura anche così... prova, e se fai una versione diversa poi copierò io la tua! a presto!

      Elimina
  10. Oddiiio la torta della nonna!!
    E' in assoluto la mia preferita, semplice ma allo stesso tempo golosissima...
    La versione di Santin però mi mancava, appena posso la faccio, non posso resistere!
    Comunque hai fatto bene a mettere Judy Dench tra le nonne più cool, secondo me Armande è uno dei personaggi più belli di Chocolat...
    Ciao Passiflora;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara, provala e poi fammi sapere!

      Elimina
  11. post carinissimo...e torta buonissima!

    RispondiElimina
  12. Molto invitante l'interno di questa torta deliziosa! io non ho ricordi di dolci fatti dalla nonna ma adoro questa e la rifarò prestissimo :P

    RispondiElimina
  13. adoro questa torta, è così buona che non mi stanca mai!
    davvero hai comprato il kitchen Aid? anche io devo decidermi a prenderlo, sono stufa di impastare a mano, devo solo trovare un posticino in cucina dove metterlo... cosa non facile!
    a me piace color arancio, tu che colore hai scelto?
    bellissimo il post, bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì l'ho preso con i punti Fidaty dell'Esselunga, quindi non ho scelto il colore, cmq mi piace molto, è quello rosso :-)
      Per q.r. lo spazio ho anche io i miei problemi, pensa che io lo tengo su un angolo del piano e poi quando lo uso lo devo spostare vicino alla presa di corrente.. d'altra parte la mia piccola cucina è quella che è!

      Elimina
  14. La mia nonna è a volte come quella di Chocolat a volte (ma ormai sempre meno:()come quella di Pomodori verdi fritti. La torta è difficilissima per e semplicemente divina, sento che un giorno ne farai una apposta per me;)!baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, non è difficilissima! molto buona cmq! prima o poi la facciamo insieme

      Elimina
  15. Che splendide nonnine. . . e questa torta la adoro, è la mia preferita!!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Complimenti per la torta..gustosissima..poi direi che l'assemblaggio pasticceri è il top!!! Comunque, sarà anche per la maestria dell'attrice, ma la grandissima Judi Dench in Chocolat è favolosa!! Un punto a favore sicuramente per lei..anche se, se la gioca bene con Jessica Tandy di Pomodori verdi fritti e la grande Shirley MacLaine..
    un bacio! a presto, ti aspetto!

    RispondiElimina
  17. Pazzesco! Nello stesso post, in maniera diversa, citati i due pasticceri piu' vip d'Italia. Anche io ho parlato di Santin e Montersino facendo un piccolo gioco blasfemo. Tu invece li hai messi insieme in un unico dolce. Da noi la torta della nonna e' ripiena di crema ma completamente ricoperta di nocciole tritate e zucchero a velo. Quella che hai fatto tu e' piu' una pinolata, sempre nella tradizione senese. Riguardo alle nonne, secondo me la nonna piu' ganza di tutte e' Ilaria Occhini ne Le mine Vaganti di Ozpetek. Moderna, coraggiosa ed ironica. E bellissima. Ti mando un bacio. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì credo che sia quella che dalle tue parti è chiamata pinolata.. Le mine vaganti mi manca, Ozpetek mi ha un po'annoiato!

      Elimina
  18. La mia preferita è sicuramente Jessica Tandy.
    Della serie nonni da film, imperdibile il nonno trasgressivo di "Little Miss Sunshine" e la nonnetta assassina (in veste di governante) di "La famiglia omicidi"
    La torta della nonna è quella che ordino sempre al ristorante e di cui raramente mangio una versione buona! Dovrei farla da me. Ho anche io le ricette dei "maestri" , ma siccome mio marito la odia...non la faccio mai :(((((
    Mi lasci una fetta della tua?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nonno di Little Miss Sunshine è il number one!
      al ristorante questa è torta rischiosissima!

      Elimina
  19. ciao, ci tenevo a lasciarti un commento per diversi motivi: 1) la torta della nonna la cercavo da tempo e capita a proposito; 2) conosco il tuo blog e mi piae moltissimo; adoro il cinema e ci ho trascorso parecchio tempo perchè mio papà e mio zio gestivano un cinema quindi io mi guardavo delle grandi prime visioni senza interruzione. Ancora complimenti per l'abbinamento tra due mie grandi passioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie dei complimenti, che bello essere cresciuta tra le poltroncine del cinema! sarai un'esperta! :)

      Elimina
  20. voto per la nonna di Anastasia!

    RispondiElimina
  21. No, per la nonna no, però non fa niente:((( Una fetta della torta invece la prenderei volentieri:)))) Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho capito! comunque ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  22. che buona! le aggiustatine sevono sempre! ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non posso farne a meno.. è più forte di me!

      Elimina
  23. mi piace questo post dedicato alle nonne , mi ha riportato alla mente tanti ricordi... anche un po tristi...
    in ogni caso, viva le nonne! :)

    RispondiElimina
  24. HAI AVUTO UN'IDEA CARINISSIMA A DEDICARE QUESTO POS ALLE NONNE, UNA SCELTA DI FILM PERFETTA E IL TUTTO CONDITO DA UNA TORTA SEMPLICE MA SQUISITA! DìALTRONTE E' NELLA SEMPLICITA' CHE SI NASCONDONO LE COSE MIGLIORI!!!!!!!!!!

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...