lunedì 19 marzo 2012

Bridesmaid: Cake, baby! Il potere terapeutico di un muffin


Brides maids - Le amiche della sposa è stato uno dei film-rivelazione del 2011: una commedia demenziale e sboccata che ha come protagoniste, una volta tanto, le donne. O meglio, una donna allo sbando, Annie, chiamata a fare da damigella d'onore al matrimonio della sua migliore amica Lilian: si trova così a dover organizzare l'addio al celibato con altre quattro amiche della sposa, prescelte come damigelle: un corollario di femmine, ciascuna con il proprio carattere, le proprie stranezze e nevrosi.
Il film ricorda un po' una Notte da Leoni al femminile, ma se lì è l'assurdità dell'action a farla da padrona, qui accanto alle disavventure divertenti c'è la peculiarità dei personaggi, delineati con sagacia e ironia. Annie (la simpaticissima Kristen Wiig) in particolare è una donna con la quale non si può che essere solidali: è invischiata in una storia di letto con un tipo molto fico (John Hamm, il Don Draper della serie cult Mad Men) ma del tutto superficiale e disinteressato a lei ed è al verde, avendo dovuto chiudere i battenti della sua bakery dopo l'abbandono dell'ex fidanzato e la crisi economica. Mentre la sua vita va a rotoli, la promessa sposa tocca il cielo con un dito: così Annie si trova a invidiarla ed entrare in competizione con la sua amica superchic e gnocchissima Helen (Rose Byrne). Una girandola di disavventure la accompagnerà sulla strada per il matrimonio dell'amica: garantite tante risate e qualche momento di melanconica riflessione (eh già, c'è un piccolo posticino anche per quello).
Assolutamente da vedere in una serata girls only, i fidanzati potrebbero non gradire troppo (il mio ha alzato bandiera bianca dopo un'oretta, ma magari i vostri apprezzano).




Come vi dicevo, quando le cose le giravano bene Annie era proprietaria di una piccola bakery, Cake Baby: ora il negozio è chiuso (e l'insegna irrispettosamente deturpata) e lei non fa più dolci. Ha il rifiuto. Ma una sera, per consolarsi, prepara un cupcake bellissimo con una decorazione in pasta di zucchero esagerata a forma di fiore. Poi prepara anche una bellissima carrot cake (a forma di carota) per scusarsi con l'amico poliziotto dopo essersi comportata male (non spoilero come e perché!). 


Anche io trovo che preparare dolci sia terapeutico: voi no? A me rilassa un sacco, sarà che la cucina in genere ha il potere di incanalare le mie attenzioni verso la preparazione del piatto, facendomi dimenticare tutte le menate che mi affollano il cervello. L'altra sera dopo il lavoro, per esempio, ero stanca e anche abbastanza contrariata... così, sulla scia di Annie, sono andata a comprare i mirtilli e mi sono messa a preparare dei muffin.
La ricetta è quella che Monica (Un biscotto al giorno) ha condiviso qui, quella di California Bakery, con la sola differenza che io ho usato l'olio di arachidi al posto del burro e non ho messo la vaniglia perché.. ero senza :-) Ottimi!



Blueberry Muffin 
Latte 125 gr
1 uovo
Farina 225 gr
Zucchero 100 gr 
Lievito 6 gr
Sale 1 pizzico 
40gr di olio di arachidi (originale: 60 gr)
Mirtilli freschi 150 gr 
Limone bio 1 scorza
Vaniglia 1/2 cucchiaino 

Lavare i mirtilli, grattugiare la scorza di limone e unirli. In una ciotola mescolare la farina, lo zucchero, il lievito, un pizzico di sale, la vaniglia. In un'altra sbattere l'uovo e aggiungere il latte e l'olio. Unire i liquidi ai solidi, aggiungere i mirtilli, mescolare velocemente con una spatola e versare l'impasto in pirottini di carta in una teglia per muffin. Cuocere in forno a 180 gradi per circa 20 minuti (prova stecchino sempre valida!)
E ora potete regalarvi il vostro "momento di puro godimento". Ottimi per la colazione :-), ma anche la merenda (senza dimenticare il dopocena!!) 



31 commenti:

  1. bello, dev'essere molto divertente! ammiro sempre il coraggio di vestirsi tutte dello stesso colore ai matrimoni, da noi non lo farebbe nessuno! sarebbe una tragedia :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che non lo facciamo perché abbiamo tendenzialmente un po' più gusto di loro... sono sempre abbastanza kitch queste mise da damigelle! :)

      Elimina
  2. Lo metterò in lista nei DVD da vedere e mio marito se ne farà una ragione :D
    E' vero prepare i dolci è terapeutico anche se preferisco di più fare il pane come cura. Non so tu, ma dopo aver fatto un dolce io ho una montagna di cose da lavare e tutto il beneficio va a farsi benedire :D
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io di solito il contrario! con i dolci ormai vado di ciotole mentre con il pane infarino dappertutto! però ora va meglio con la planetaria :)
      ps: io cmq ficco tutto in lavastoviglie e via :)

      Elimina
  3. L'ho visto da poco, mi sono divertita ( ma senza marito ;-)

    RispondiElimina
  4. Il film non è il mio genere, assolutamente, ma la ricetta te la ruBBo, ne vado matta *__*

    RispondiElimina
  5. Piacevolmente "femminile" il film, come squesti golosi muffin. Appunto tutto ;-)

    Bacio

    RispondiElimina
  6. Ecco, questo è uno di quei film che che gli uomini guardano solo perché costretti da mogli/fidanzate. Una tortura, per me!
    Ma i muffin li trovo invitanti, ottimi per una merenda.
    Buona giornata,
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, in realtà è molto più divertente di quanto possa sembrare.. guarda il trailer! http://www.youtube.com/watch?v=nsUEd2cUIqo
      concordo sul muffin, è la merenda perfetta

      Elimina
  7. Mercoledì aperitivo con le amiche.... Devo proporlo!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post....direi che mi hai ispirato un'ottima idea; non credo che il film sia già uscito in dvd, ma appena arriva, serata solo donne..film e abbuffata di questi deliziosi muffin!!
    Ps...i dolci sono eternamente terapeutici!!

    RispondiElimina
  9. Mi aggrego al gruppetto con Kika ^_^

    RispondiElimina
  10. Altrochè se è terapeturico preparare dolci. E visto l'andamento del mio blog ultimamente mi sa che di terapia ne ho bisogno parecchio!!!!!! Un muffin adesso sarebbe perfetto, puro godimento sì con i mirtilli :) Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. terapia a base di muffin: gli psicologi chiudono ma in compensano i dietologi fra un paio d'anni fanno i milioni! ahahha

      Elimina
  11. Grazie Eli!!

    il film mi manca, alla fine guardo sempre roba pensate.. ahah! Provo a recuperarlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per una serata ignorante va benissimo.. una volta che sei tr stanca per lars von trier!

      Elimina
  12. Ciao Passiflora!
    Ho nominato il tuo blog 100% affidabile!

    http://rumoredifusa.blogspot.it/2012/03/rumore-di-fusa-e-100-affidabile.html

    Buona settimana ;-)

    RispondiElimina
  13. Ah già! Questo me l'ero segnato e poi mi è passato di mente! Devo assolutamente guardarlo! Magari con un muffin già pronto, California Bakery giusto?!;)

    RispondiElimina
  14. La ricetta è quella, mon amour! (un po' più burro, in quelli, ecco, ma tu compra senza rimorsi)

    RispondiElimina
  15. si, anche se nn fare le dcorazioni ammetto che preparare muffin mi rilassa troppo! sono semplici e il risultato è sempre meraviglioso!

    RispondiElimina
  16. il film me lo sono perso, deve essere molto carino!
    anche io ho appena postato dei muffin, i tuoi sono bellissimi!!! i miei invece non hanno la cupoletta, sono PIATTI :(((
    cucinare rilassa davvero, hai ragione, io mi diverto un sacco.
    un bacio

    RispondiElimina
  17. Direi che devo proprio vederlo! Una commedia leggera, bella e soprattutto divertente mi serve davvero, in più accompagnato da dei deliziosi muffins... mica male:-))) Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. adoro i muffins, e quelli ai mirtilli sono i migliori... appena ho visto i tuoi mi è venuta una voglia matta di mangiarli tutti!!!

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

Juliet, Naked - Tutta un'altra musica: la recensione

Lessi il libro di Nick Hornby "Juliet, Naked" nel 2010 e mi piacque un sacco, per molti motivi. 1) Il british humor di H...