Dragon Trainer e il panino coi peperoni: inaspettatamente piacevoli

La locandina originale di Dragon Trainer
Ogni Natale mi piace dedicarmi a rivedere i cartoni animati più belli. In tivù passano i Classici Disney, ovviamente, ma anche le novità in digitale di Pixar e DreamWorks. Il film che ho visto la sera della vigilia rientra in quest'ultima categoria e si intitola Dragon Trainer. Lo ammetto, ero molto scettica, perché di solito preferisco gli intramontabili La Spada nella roccia, Robin Hood e La carica dei 101 alle novità che sembrano realizzate solo per sfruttare la tecnologia 3D. Mia sorella più piccola ha invece insistito garantendomi che sarebbe stato divertente. E infatti è stato così! In due parole, la storia. Siamo nel medioevo in un villaggio vichingo infestato dai draghi. I guerrieri, armadi a sei ante con l'elmetto cornuto, passano la vita a cacciarli via dai cieli sopra le loro case. Hicupp, figlio del capo Stoick, è un ragazzino gracile e maldestro che vorrebbe abbattere i draghi con le sue invenzioni meccaniche, non potendo contare sulla prestanza fisica. Ma i suoi tentativi finiscono sempre per creare danni, più che aiutare, e il padre è disperato. Una sera tenta di acchiappare un drago con uno dei suoi arnesi e, insperatamente, ci riesce. Il drago non è un rettile qualsiasi, ma una Furia Buia, un drago nero che nessuno ha mai visto perché troppo abile a mimetizzarsi. Vi lascio immaginare come potrà evolvere il rapporto tra i due, ragazzino reietto e draghetto ferito. Dragon Trainer è un cartone divertente, pieno di ritmo e di momenti comici che vi faranno dire "non me l'aspettavo!"
A questo proposito devo rendere omaggio a mia sorella piccola, che mi ha fatto cambiare idea non solo su questo film ma anche su un certo panino. Una mattina di inizio dicembre in cui ero casualmente in ferie, non riuscendo a raggiungere l'Università a causa di uno sciopero dei mezzi, mia sorella si è fermata a casa mia. Aveva con sè un panino, che sarebbe stato la sua schiscetta....
Lei "Cosa faccio del panino, lo taglio e lo mangiamo?".
Io "Cosa c'è dentro?"
Lei "Beh.. a casa non c'era niente... così... Philadelphia e peperoni!"
Io :-O "Ma che orrore!"
Lei "ma guarda che è buonissimo!"
Io "Ohhhh!"
Poi ho scoperto che i peperoni in questione non erano quelli del vasetto, come temevo, ma quelli preparati in padella da mia madre la sera prima. Per farvela breve, l'ho assaggiato... e ho cominciato a ridere, perché era veramente buonissimo! tanto che ho voluto immortalarlo per voi.
Insomma, la morale è... non giudicare mai troppo in fretta un panino con i peperoni... ma nemmeno i cartoni! :)

Da Casella personale

Post più popolari