lunedì 22 aprile 2019

Spaghetti alla chitarra con pallottine


Chitarrine con pallottine al sugo - Cooking Movies
Spaghetti alla chitarra con pallottine

Buongiorno e Buon lunedì dell'Angelo!
Avete passato una buona Pasqua?
Se avete già digerito agnelli, capretti o pranzi vegetariani alternativi, oggi vi lascio la ricetta di un piatto tipico della zona del teramano, dove vado sempre in vacanza al mare: gli spaghetti alla chitarra con le pallottine!
Le pallottine non sono altro che ottime polpettine con carne di manzo e maiale e formaggio: si fanno tutto l'anno ma in particolare questa stagione primaverile. La preparazione è un po' più lunga rispetto al classico ragù, ma la soddisfazione di mangiare quelle piccole polpette insieme alla pasta è impagabile!
Al posto delle chitarrine, potete utilizzare altra pasta all'uovo come i tagliolini, se li preferite, ma la chitarra ha una consistenza perfetta per trattenere il sugo.
Vi lascio la ricetta!

Chitarrine con pallottine al sugo - Cooking Movies



Ingredienti per 4 persone:

Pasta: 400 grammi di chitarrine all’uovo
Sugo: 1 cipolla, 1 carota, 1 piccolo gambo di sedano (o metà), 1 spicchio d’aglio, 500 ml di passata di pomodoro rustica, sale, olio extra vergine di oliva, peperoncino (facoltativo)
Pallottine: 125 grammi di trita scelta di manzo, 125 grammi di macinato di maiale, 20 grammi di parmigiano grattugiato, 20 grammi di pecorino grattugiato, 1 uovo, noce moscata, sale, pepe


Tempo di preparazione: 

30 minuti per la preparazione delle pallottine e delle verdure del sugo. Tempo di cottura: 5 minuti per le pallottine, 1 ora per il sugo con le pallottine.

Procedimento

1. Prepara l'impasto per le pallottine con la carne macinata, poco sale, una grattata di noce moscata, parmigiano e uovo. Impasta bene con le mani, poi forma delle polpettine molto piccole, della dimensione di una nocciola.

2. Lessale per pochi minuti in brodo vegetale o acqua. In alternativa friggile in padella con olio extra vergine di oliva.

3.Trita molto finemente carota, sedano e cipolla e falli soffriggere con un po’ d’olio. Aggiungi il pomodoro.

4. Dopo qualche minuto, unisci le pallottine scolate e prosegui la cottura a fuoco basso per circa un’ora.

5. Porta a bollore l'acqua per la pasta, lessa le chitarrine secondo quanto indicato, generalmente pochi minuti. Scola la pasta e condisci con il sugo di pallottine e parmigiano o pecorino, o ancora meglio un mix dei due, a volontà.

Buon appetito e ancora auguri!


domenica 14 aprile 2019

L'inverno è arrivato: come prepararsi e dove vedere l'ottava stagione di Game Of Thrones!

L'ottava stagione di Game of Thrones è finalmente qui!
L'attesa è alle stelle e l'hype a mille: stasera in America, stanotte alle 3 per noi che siamo in Italia, andrà in onda il primo episodio dell'ottava e ultima stagione di Game of Thrones o Trono di Spade che dir si voglia.
La serie fantasy che ha ridefinito il genere e conquistato il mondo torna a quasi due anni dalla fine settima stagione. E' probabile che a questo punto vi starete chiedendo....
  • Dove eravamo rimasti? 
  • Come fare un efficace ripasso della settima stagione?
  • Dove vedere la prima puntata dell'ottava stagione di Game of Thrones?
  • Cosa mangiare, invece delle vostre unghie, durante la prima puntata dell'inizio della fine?
Calmi... vediamo di fugare ogni dubbio!

mercoledì 10 aprile 2019

Pulp Fiction e il 5 Dollars Milkshake di Mia Wallace

5 Dollars Milkshake di Mia Wallace (Pulp Fiction) - Cooking Movies
5 Dollars Milkshake di Mia Wallace (Pulp Fiction)

Nel 1994 passavo le mie giornate china sul Rocci e l'IL a fare versioni di latino e greco ascoltando un mix improbabile di generi musicali e sognando un futuro migliore (lontano dalle suddette versioni). La mia conoscenza della settima arte si limitava a qualche visione domenicale al cinema del paese e i film che passavano in tivù anni dopo l'uscita nella sale. Non c'è da stupirsi quindi se Pulp Fiction per me non significò nulla: lo vidi solo un paio d'anni dopo e lo trovai carino, ma non lo capii troppo. Fu solo otto anni dopo, con l'uscita di Kill Bill che mi piacque da matti fin dalla prima visione, che decisi di riguardarlo e ne compresi la genialità.
Pulp Fiction è ancora il film più famoso, sicuramente il più acclamato, di Quentin Tarantino.Rappresenta lo spartiacque nella carriera del regista, la pellicola che ha rivelato al mondo il suo talento visionario in grado di pescare ispirazione da generi e registi diversi- dai gangster movie di Scorsese agli episodi intrecciati di Robert Altman, passando per i western di Sergio Leone e i poliziotteschi italiani degli anni 70 - rimescolandoli in forma inedita e innovativa.


Quattro storie “pulp” in un unico film. 
Pulp Fiction non segue una narrazione cronologica, ma si svolge attraverso quattro storie diverse che si intersecano in una complicata struttura circolare. All’inizio siamo in una tavola calda dove due fidanzati fuori di testa, Coniglietto e Zucchina, si accingono a fare una rapina. Subito dopo vediamo Vincent (John Travolta) e Jules (Samuel L. Jackson), due killer alle prese con il recupero di una preziosa valigetta e l’intervento di Mr. Wolf (Harvey Keitel) per assisterli nella difficile pulizia della propria auto, sporcata del sangue di un uomo ucciso per errore. I due si dirigono poi proprio alla tavola calda dove sta per svolgersi la rapina. Vincent è anche protagonista del terzo “episodio”, in cui il suo boss, Wallace, lo incarica di portare fuori la moglie. E’ qui che entra in scena Mia Wallace, interpretata da Uma Thurman, grazie alla quale la serata assumerà presto una piega molto movimentata. Infine, c’è Butch (Bruce Willis), pugile pagato da Wallace per perdere un incontro, che però contravviene al patto. Ovviamente la scelta del pugile avrà conseguenze violente, dando il via a fughe e imprevisti dai risvolti drammatici.


Ispirato ai racconti di narrativa noir pubblicati negli anni 30 e 40 sui cosiddetti “pulp magazine”, il film di Tarantino spiazza e innova il genere perché la violenza è sempre pervasa dall'ironia: sarcasmo e umorismo nero accompagnano tutta la pellicola, spuntando anche nei momenti più cupi della storia. Il risultato finale è surreale e divertente nonostante la crudeltà delle scene e degli avvenimenti.
Tra le scene diventate cult di Pulp Fiction c’è l’uscita tra Vincent Vega e Mia Wallace. Il killer, incaricato di portare a spasso la moglie del suo capo, la accompagna al Jack Rabbit Slim’s, un locale in stile diner anni 50, dove Mia ordina un milkshake da 5 dollari. Vincent a quel punto le chiede di assaggiarlo: è curioso di sapere cosa ci possa essere in un milkshake di tanto delizioso per farlo pagare 5 dollari.


Presto il milkshake viene però lasciato da parte, perché nel locale inizia una gara di ballo a cui Mia vuole partecipare: la donna trascina così Vincent sulla pista, dove i due si scatenano improvvisando un twist sulle note di You never can tell di Chuck Berry.
Curiosi anche voi di sapere il segreto del milkshake da 5 dollari? Banana e vaniglia sono gli ingredienti principali. Assolutamente da non dimenticare, inoltre, la ciliegina candita sopra la panna di guarnizione. Per un effetto vintage, poi, meglio servire il milkshake in bicchieri alti e con una bella cannuccia colorata. Ecco come si prepara.

5 Dollars Milkshake di Pulp Fiction
Preparazione: 10 minuti
Difficoltà: facile

5 Dollars Milkshake di Mia Wallace (Pulp Fiction) - Cooking Movies
5 Dollars Milkshake di Mia Wallace (Pulp Fiction)

Ingredienti per 2 milkshake: 1 banana, 1 bicchiere colmo di latte parzialmente scremato freddo di frigo, 6 cucchiai di gelato alla vaniglia, 1 cucchiaino di essenza di vaniglia. Per guarnire: panna montata, ciliegine candite.

1. Metti tutti gli ingredienti nel frullatore: la banana a pezzi, il gelato, il latte, la vaniglia
2. Aziona il frullatore e lascia andare finché la banana non sarà completamente frullata e si sarà formato un liquido denso
3. Versa in due bicchieri alti e capienti
4. Guarnisci i milkshake con panna montata e una ciliegina per ogni bicchiere.
5. Servi con una cannuccia. Enjoy.

Pulp Fiction venne premiato al Festival di Cannes 1994 con la Palma d’Oro, vittoria che consacrò Tarantino come nuovo prodigio del cinema americano. Il film ottenne poi ben 7 nomination agli Oscar del 1995, tra cui quelle per miglior film, miglior regia, miglior montaggio, miglior attore protagonista (John Travolta), miglior attrice non protagonista (Uma Thurman) e miglior attore non protagonista (Samuel L. Jackson) e vinse quello per la miglior sceneggiatura originale, scritta dallo stesso Quentin Tarantino insieme a Roger Avary.
Vi ho fatto venire voglia di riguardarlo? Ricordate di prepararvi un bel milskhake per accompagnarlo!


lunedì 8 aprile 2019

Border: creature di confine. Che amano il cibo del futuro (leggi: insetti)

 border creature di confine

Tina è una donna brutta e tarchiatella che vive in una casa vicino al bosco con un uomo che sta con lei solo per scroccarle vitto e alloggio. Lavora alla dogana e ha un dono: riesce a sentire l'odore delle emozioni. Le viene facile individuare le persone che trasudano senso di colpa, ansia, paura. Le ferma una ad una, scovando di volta in volta quello che nascondono: alcolici, droga, informazioni illegali. Un giorno, però, in dogana arriva Vore: un uomo tozzo, con il naso grosso e i canini a punta. Vore le somiglia in modo spaventoso e Tina non riesce a decifrare il suo odore. L'attrazione tra i due è irresistibile e porta la donna a prendere un cammino fatto di nuove consapevolezze.

Blueberry Scones per Buffy, l'Ammazzavampiri

Blueberry Scones Il meteo lo diceva, che sarebbero tornati i 35 gradi, e nei prossimi giorni si arriverà di nuovo a picchi di 40. Allora...