sabato 19 maggio 2018

Ramen, che passione: dove mangiarlo a Milano e i film tributo

Il ramen shoyu di Ivan Orkin, sua specialità

Il ramen è una delle mode del momento, almeno a Milano. Dopo aver mangiato per anni il sushi, ci siamo accorti che la cucina giapponese offre molto di più. E una delle proposte più seducenti della tradizione nipponica è sicuramente questa ciotola corroborante, ricca di calorie e di nutrienti, ma al tempo stesso leggera da farsi scivolare nello stomaco (rigorosamente risucchiando i noodles e schizzando tutti i commensali :-)).

Se non siete familiari con il ramen, potreste iniziare a farvi una cultura guardando anime giapponesi, dove è spesso presente come comfort food, ad esempio nel delizioso Ponyo sulla scogliera, di Hayao Miyazaki, nella sua versione istantanea:



Oppure scoprire in una delle puntate della docuserie Chef's Table di Netflix l'incredibile di storia di Ivan Orkin, americano di New York che è riuscito ad aprire con successo un ristorante di Ramen prima a Tokyo e ora nella città natia, partendo dalla tradizione giapponese e innovandola con il suo tocco.

Abbastanza curiosi? Bene, torniamo a Milano. Dove andare a mangiare il ramen, quindi? 


Vi do quattro indirizzi dove li ho provati, mangiandone versioni completamente diverse!

Casa Ramen
via Porro Lambertenghi 25 (zona Isola)
http://www.casa-ramen.it/

Dalla pagina Facebook di Casa Ramen
Il primo "ramen bar" di Milano, di Luca Catalfamo: ha studiato in Giappone e propone ramen deliziosi, come quello vegetariano, con uovo marinato e zucca. Il posto è piccolissimo e non si prenota: ci si presenta e si fa la fila oppure ci si mette in lista e si lascia il numero per essere richiamati quando si sta per liberare un tavolo, mentre si beve una birra in zona. Per chi non ama aspettare, Casa Ramen ha fatto il bis, aprendo un secondo locale in via Ugo Bassi (Casa Ramen Super): lì accettano prenotazioni e propongono anche altri piatti come i bao, panini al vapore ripieni di pesce o carne.
Voto: 9, ma andate in tuta. Uscirete un bel po' "profumati" a causa delle ridotte dimensioni del locale

Ramen Misoya
via Solferino 41
https://www.facebook.com/misoyamilano/
La mia non troppo bella foto del ramen con Tokyo Miso
Locale semplice, ramen buonissimo! Si può scegliere tra due tipi di brodo e diverse versioni (con o senza pancetta, vegetariano etc). Quello che mi è piaciuto di Misoya è il gusto del brodo, molto saporito, da vero comfort food. Per la stagione calda sono in arrivo anche i noodles freddi, come si usa in Japan!
Si trova a pochi passi dal cinema Anteo, quindi perfetto per un'abbinata ramen + cinema. 
Voto: 8,5

Zazà Ramen
via Solferino 48
https://www.zazaramen.it/ 
Ramen vegetariano con uovo marinato e tofu

A pochi passi da Misoya, c'è Zazà Ramen, altro ristorante dedicato alla ricca ciotola orientale. L'ambiente è carino e informale e qui ho provato una versione vegetariana che ho trovato leggera e delicata, forse un po' troppo per i miei gusti, ma sicuramente ben fatta. Il brodo lo troverete completamente diverso rispetto a Misoya o Casa Ramen. A voi valutare quale vi soddisfa di più!
Voto: 7,5

Chateau Dufan
via Paolo Sarpi
http://www.chateaudufan.com/
Ramen di pesce con gamberi e calamari
Questo ristorante all'angolo tra piazza Baiamonti e via Paolo Sarpi ha un ambiente elegante dove fanno bella mostra i vini, anche pregiati, nella carta. A livello culinario, è un fusion: troverete ramen, curry di carne o pesce con riso, dumplings. La presentazione del ramen era davvero scenografica (bella la ciotola, cucchiaio di legno... c'è anche il naruto di decorazione) ma ad essere sincera non l'ho apprezzato più di tanto: il pesce era ok, ma i noodles erano un po' troppo cotti, il brodo non particolarmente saporito. Se nel complesso l'esperienza di mangiare lì è stata positiva, non tornerei lì per il loro ramen, ecco.
Voto: 6,5

E ora che avete un po' di posti da provare, mettete le scarpe e uscite. E buon ramen a tutti!

I film del weekend... commentati con Cannibal Kid e Mr James Ford!

12 soldiers... iniziamo male! Oggi post speciale, ma che dico, specialissimo ! I miei cari amici blogger Cannibal Kid , cinico dal cuor...