martedì 29 dicembre 2015

Star Wars: il risveglio della forza. La recensione


Finalmente ho visto Star Wars: Il risveglio della forza, l'Episodio VII, il film di cui tutti parlano dalla sua uscita avvenuta il 16 dicembre.
Piccola premessa: ho visto la prima volta i primi film della saga galattica Guerre Stellari, l'Impero colpisce ancora, Il ritorno dello Jedi ai tempi della loro uscita, quando ero bambina, perché piacevano a mio papà; poi li ho riguardati in varie occasioni durante gli anni, con i ripetuti passaggi televisivi. Provo per quei film, come credo tutti coloro che hanno più di trent'anni, un attaccamento affettivo, dovuto a quel loro mix tra racconto fiabesco ed epopea epica, che ti porta in una dimensione fantastica, giocosa e mitologica, dove i cattivi sono brutti e neri e i buoni sono vestiti di bianco e puri di cuore.

sabato 19 dicembre 2015

Burnt: il sapore del successo


La scorsa domenica io e la mia amica #Cinefoodies Elena di Calde Delizie,  abbiamo deciso di sfidare la transumanza di assatanati in missione consumistica per i regali di Natale e andare in centro a vedere Il sapore del successo. Cosa non si fa per gli occhioni blu di Bradley Cooper e per un film tutto incentrato sul cibo (praticamente il nostro pane quotidiano) e sul mondo dei ristoranti stellati. Ma com'era il film?

lunedì 7 dicembre 2015

Biscotti alfabeto per Tutti pazzi per Rose


Avete voglia di una commedia leggera dalle adorabili atmosfere vintage? Allora Tutti pazzi per Rose (titolo originale Populaire) fa al caso vostro. Siamo negli anni 50 e Rose (Deborah Francois) è una ragazza inquieta che non si accontenta di aiutare il papà nella merceria di famiglia: nella vita vuole di più! L'unica cosa che sa fare, però, è battere a macchina velocemente, pur non avendo mai imparato con la giusta tecnica. Quando scopre che l'assicuratore Louis Echard (Roman Duris) sta cercando una nuova segretaria, si presenta al colloquio in città e con la sua esuberanza ottiene il lavoro.

domenica 22 novembre 2015

Cosa c'è da vedere su Netflix


In questi giorni di sgomento dopo i fatti di Parigi, seguiti poi dagli allarme bomba in mezza Europa e dall'attentato in Mali, non me la sono sentita di dire nulla. Quello che è successo è terribile e la questione è tanto complessa. Quasi tutti hanno fatto i loro commenti e a mio avviso nella maggioranza dei casi avrebbero fatto meglio a tacere. 
Faccio questa premessa solo per dire che anche oggi non parlerò degli attentati e, sebbene mi senta un po' dissonante a scrivere di quelle che in questo frangente possono sembrare minchiate, ho deciso di farlo ugualmente perché questo è un blog di cinema e cucina e deve continuare a esserlo. Incupirmi e incupire i pochi tra di voi che scelgono di leggermi non serve a niente, se non darla vinta a chi vuole che reagiamo alla violenza con il terrore, la tristezza e la rinuncia alle nostre passioni. Questo per dire che, chiusa parentesi, da adesso parlerò di Netflix, di cui sto terminando il mese di prova. Tenerlo o meno? Il verdetto a fine post!

lunedì 2 novembre 2015

Vacanze romane

Roma_ ElisaPavan_CookingMovies
Piazza Navona, Largo dei Librari, Piazza di Spagna, vista su Colosseo e Fori
A Roma il cielo è azzurro, il sole ti scalda le gambe e ti accarezza la testa con il suo tepore anche il primo di novembre. La luce colpisce i palazzi e li vena di giallo, oro e rosa a seconda dell'ora del giorno. La maestosa bellezza della storia respira intorno a te, in un enorme museo a cielo aperto, facendoti sentire piccola piccola e al tempo stesso parte di qualcosa di più grande.
Pini marittimi, palme e cipressi ricamano la città e i suoi panorami. La vista dal giardino degli aranci sull'Aventino ti può ridare la felicità. Il cibo è carico, unto, saporito e inesorabilmente buono. La gente non corre e ha un senso della moda piuttosto relativo. I gesti sono plateali, l'ironia è un'arma a cui attingere a man bassa per commenti pungenti o adulatori, sarcastici, a volte impiccioni, ma sicuramente divertenti.
Roma è sempre meravigliosa, nonostante gli scandali, nonostante la monnezza, nonostante il traffico e gli autobus che passano ogni 25 minuti senza una logica. E se è così facile, inesorabile e viscerale amarla, perché si fa così fatica a trovare il modo per farle del bene?

domenica 11 ottobre 2015

The Lobster: sull'amore, la società, le convenzioni (con un lobster roll)


Un lungo viaggio disturbante in un futuro prossimo surreale e distopico: è stata questa, per me, la visione di The Lobster, l'ultima fatica del regista greco Giorgios Lanthimos e suo primo film con cast internazionale.
Il film è sicuramente interessante perché ci pone davanti a domande importanti: quanta della vita che stiamo vivendo è determinata dalle convenzioni sociali in cui siamo immersi? E cosa accadrebbe, se decidessimo di rifiutarle? E poi, cosa succede a chi, immerso fino a un giorno prima in un tran tran tranquillo, vede la sua vita rimessa in discussione? Spaesamento, incredulità, e poi rassegnazione o ribellione. Sono queste le emozioni che ci guideranno. Ma il regista non sembra convinto, o almeno così l'ho interpretata, che esista un modo per rompere le catene e essere liberi.

lunedì 21 settembre 2015

Dal Milano Film Festival: Transfatty Lives e James White

Lamb di Yared Zeleke, vincitore del concorso lungometraggi del Milano Film Festival 2015
Finita Venezia72, mi sono catapultata nel Milano Film Festival, giunto alla XX edizione quest'anno. Si tratta di un festival cinematografico che punta sui nuovi talenti, con un concorso dedicato ai lungometraggi di registi emergenti di tutto il mondo, un concorso cortometraggi e vari speciali dedicati ad animazione, film storici, classici restaurati. Il #MFF2015, a cui ho partecipato come ospite di Zomato, social network dedicato a recensioni di ristoranti e locali, è iniziato il 10 settembre e si è concluso proprio stasera, con la premiazione del film Lamb, opera prima di Yared Zeleke, film etiope che racconta l'epopea di Chuni, bambino affidato agli zii per fuggire dalla carestia e del suo lungo e tormentato viaggio di iniziazione. Io vi parlo di 2 film in concorso che ho avuto modo di vedere e apprezzare: Transfatty Lives e James White. Ecco le recensioni.

lunedì 14 settembre 2015

Venezia72, quello che ho imparato sul festival



La 72esima volta della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia è stata per me la prima volta al Lido e, anche se ho seguito 6 sui 10 giorni di festival, posso dire di aver capito meglio, nel bene e nel male, come funziona la manifestazione. Diciamo che questo elenco puntato vuol essere una guida semiseria per chi vorrà andare a seguire il festival in futuro e un concentrato di riflessioni su cui confrontarci per chi invece è stato alla Mostra... a prescindere dai Leoni di cui parlo qui. :-)

domenica 13 settembre 2015

Venezia72: tutto sui vincitori

Il regista Lorenzo Vigas riceve il Leone d'Oro per il film Desde Allà a Venezia72
Come ogni festival che si rispetti, anche i premiati della 72esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia hanno riservato delle sorprese. Il Leone d'Oro l'ha portato a casa un film su cui nessuno aveva seriamente scommesso: si tratta di Desde Allà, pellicola venezuelana che ci porta -parafrasando una famosa pubblicità – nelle peggiori strade di Caracas, dove succede di tutto e i ragazzini crescono lasciati a se stessi. Leone d'Argento per la miglior regia va a Pablo Trapero per El Clan, film argentino su una storia vera terrificante che vide protagonista una famiglia di veri mostri. Ad Anomalisa di Charlie Kaufman è andato il Premio Speciale della giuria mentre le Coppe Volpi per i migliori attori sono state assegnate rispettivamente a Valeria Golino, che bissa dopo 29 anni con Per Amor Vostro, e a Fabrice Luchini per L'hermine che purtroppo non ho avuto modo di vedere. Ecco quello che c'è da sapere sui film che hanno conquistato i premi più importanti.

sabato 12 settembre 2015

Venezia72: aspettando il Leone d'Oro, i favoriti


Oggi alle 19 si terrà la cerimonia di chiusura della 72eima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e sapremo quale film avrà conquistato la giuria presieduta da Alfonso Cuaròn portandosi a casa il Leone d'Oro. Grande attesa anche per il Leone d'Argento, premio alla miglior regia, e per le Coppe Volpi per i migliori attori. Ma chi se la gioca  di #Venezia72?

giovedì 10 settembre 2015

Venezia72: Remember, il peso morale della memoria

Christopher Plummer è Zev in Remember di Egoyan
Poco fa vi ho parlato di Anomalisa e prima di Sangue del mio sangue, ora a caldo vi racconto del film che finora mi ha toccato e commosso di più, Remember del regista canadese di origine armena Atom Egoyan.  Racconta la storia di Zev, anziano sopravvissuto ad Auschwitz che vive in un ospizio dopo aver iniziato a soffrire di demenza senile. Qui incontra l'amico Max, che gli comunica di aver trovato la guardia nazista che quasi 70 anni prima ha sterminato le loro famiglie nel campo di concentramento. Max non è in condizioni di muoversi, perciò Zev si assume l'incarico di attuare il piano, ritrovare il colpevole di quei terribili stermini e ucciderlo, facendo finalmente giustizia.

Venezia72: Anomalisa, il ritorno in stop motion di Charlie Kaufman

Un frame da Anomalisa

Cosa succede quando ti senti profondamente disconnesso dagli altri, anche e soprattutto dalle persone che dovrebbero esserti più vicine, e invece appaiono ai tuoi occhi (e alle tue orecchie) tutte uguali? E' quello che ci mostra Anomalisa, ultima fatica di Charlie Kaufman, sceneggiatore di film cult come Essere John Malcovich, Se mi lasci ti cancello e Il ladro di orchidee, che torna con un film a sette anni da Synedoche New York e firma la regia insieme a Duke Johnson.
Kaufman opta per un film di animazione in stop motion, talmente realistico che a tratti si dimentica di avere di fronte un cartone e non una persona reale. Sarà per la bravura degli attori che danno voce a questi personaggi: David Thewlis (l'avete visto in Harry Potter, era il professor Lupin!) è il protagonista, Jennifer Jason Leigh è Lisa, e Tom Noonan.. beh, tutti gli altri!
La trama, in breve. Michael Stone, guru nel ramo dell'assistenza clienti e autore del libro How may I help you help them?, vola a Cincinnati per tenere uno speach motivazionale sul ruolo del customer service nelle aziende.

martedì 8 settembre 2015

Venezia72: in Sangue del mio sangue la libertà resiste al "dominio vampiresco"

Marco Bellocchio, Alba Rohrwacher, Pier Giorgio Bellocchio
Approdata al Lido ieri per Venezia72, riesco finalmente a ritagliarmi qualche minuto per raccontarvi uno dei film che ho visto finora, ovvero Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio, in uscita domani nelle sale italiane. Si tratta di un film dove passato e presente si danno il cambio sullo sfondo di una costante, le prigioni di Bobbio, per raccontare una storia di un dominio sulla cittadina, simbolo dell’Italia tutta, prima da parte della Chiesa e poi da parte di un potere "vampiresco" che rappresenta la deriva del dominio democristiano sull'economia e la società civile. Eppur qualcosa si muove. Questo sembra dire il film del regista, dove su tutto questo, sulla staticità e sull'oppressione, si fa strada una prospettiva di cambiamento e di evoluzione.

domenica 6 settembre 2015

Venezia72:, Johnny e gli altri sul red carpet e i film del weekend

Johnny Deep e Amber Heard alla prima di The Danish Girl
In questi giorni a #Venezia72 abbiamo assistito all'assalto a Johnny Deep, accompagnato da un'ondata di critiche al suo aspetto fuori forma, seguito dall'arrivo sul red carpet di Eddie Redmayne, un uomo che per modi gentili e delicatezza sembra arrivato a noi direttamente dal 1800, e della giovane Kristen Stewart, graziata in extremis dall'imbarazzante incontro con l'ex Robert Pattison, che all'ultimo ha dato forfait. Ma che film presentavano questi vip? E cosa ci aspetta nei prossimi giorni? Vediamolo insieme.

sabato 5 settembre 2015

Me and Earl and the Dying Girl e i muffin cocco e limone

La locandina di Me, Earl and the Dying Girl
Mentre prosegue Venezia72, vi voglio parlare di una delle perle uscite quest'anno dal Sundance festival, che è solito scoprire delle pellicole indie che sanno entrare nel cuore. Me and Earl and the Dying Girl (in italiano Quel fantastico peggior anno della mia vita) non fa eccezione. Vincitore dell'Audience award e del Grand Jury Prize di quest'anno, il film riesce ad essere divertente, delicato e originale pur raccontando una storia di amicizia tra adolescenti e infilandoci una grave malattia nel mezzo. Ma siamo fortunatamente lontani da i film tratti dai romanzi di Nicholas Sparks, non c'è voglia di lasciarsi andare al melodramma, via i cliché e spazio all'originalità e a un protagonista, Gregg, sfaccettato e verosimile come raramente un ragazzo di diciotto anni è ritratto in un film.

giovedì 3 settembre 2015

Venezia72: follie dal red carpet, Spotlight, Fukunaga e i film del 4 settembre

Red Carpet a Venezia72 - foto GettyImages
Oggi al Lido il concorso è entrato nel vivo. Visto che non sono a Venezia72, almeno not yet, e non posso ancora vedere i film, mi concentrerò però sulle rivelazioni più pittoresche apprese in questa seconda giornata di festival (e dopo parliamo dei film). Curiosi?

mercoledì 2 settembre 2015

Venezia72: red carpet, Everest e i film del 3 settembre

Venezia72 è cominciata!
Mentre scrivo si sta svolgendo la cerimonia d'apertura ufficiale della 72esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Cosa è successo oggi di interessante al festival e cosa ci aspetta domani? Da Everest ai film di Sue Brooks e Cary Fukunaga, passando per il red carpet della cerimonia di apertura stasera, tutto quello che dovete sapere.

Venezia72: Cooking Movies goes to Venice! Oggi si apre con Everest

Asac- la Biennale di Venezia
Lo scorso anno vi avevo detto che il mio proposito nel 2015 era partecipare, almeno per qualche giorno, alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, che parte proprio oggi: e quest'anno così sarà! Dal 7 al 12 settembre Cooking Movies si trasferirà al Lido: guarderò film, andrò alla ricerca dei vip, cercherò di imbucarmi a qualche party e ovviamente vi terrò aggiornati ogni giorno sui social. Come, ancora non mi seguite? Beh rimediamo subito: potete trovarmi su Twitter, Facebook, Instagram e Google+ 
Ma vediamo: cosa andrà in scena sugli schermi del Lido oggi?

lunedì 31 agosto 2015

Chocolate Pecan Pie: una torta dagli USA

Chocolate Pecan Pie Cooking Movies
Chocolate Pecan Pie
Uno dei souvenir che mi sono portata a casa dagli States è un sacchettone da 400 grammi di noci pecan sgusciate e a metà. Le pecan sono quelle noci che non mancavano mai nei miei Natali degli anni 80. Se ne stavano là, nel cesto della frutta secca, assieme ad arachidi, nocciole, mandorle, pistacchi, noci normali e noci brasiliane, quel cesto che rappresentava il santo graal a  cui attingere a oltranza per sopportare la noia dell'hackaton di Risiko o Mercante in fiera che immancabilmente aveva luogo sul tavolo dove fino a pochi attimi prima ci si era ingozzati di salmone affumicato, crespelle e arrosti (durata media di una partita: 3 ore). Poi tutto a un tratto il cesto della frutta secca ha smesso di contenere le noci pecan e le noci brasiliane. Vanishing. Missing. Gone.

lunedì 24 agosto 2015

Minestra di fagioli e verdure fresche


Anche gli angeli mangiano fagioli. Così si intitolava un vecchio film di Bud Spencer e Terence Hill: e i fagioli comparivano spesso anche nei loro western. Ad esempio nella scena iniziale di Lo chiamavano Trinità, quando il bel Terence faceva il suo ingresso totalmente ricoperto di sabbia  in un saloon sperduto da qualche parte nel deserto dell'Ovest e si scofanava un intero tegame di fagioli a velocità supersonica. Non è dato sapere la ricetta, ma i fagioli sono immersi in una cremosa salsa di pomodoro e sembrano semplicemente cotti in umido, probabilmente con della pancetta. Io non sono una fan dei fagioli, ma l'altro giorno ho comprato un po' di borlotti freschi e mi sono decisa a farne una minestra da mangiare in questi giorni di maltempo agostano che ricordano più certe giornate d'autunno e che la rendono quindi adatta per cena.

domenica 23 agosto 2015

Cooking Movies on holidays part 3: Florida

Tramonto da Key Largo, Everglades, Ocean Drive
Dopo hamburger, bagel, cupcakes e scones, è  il tempo di fish sandwich, stufato alla creola con riso e frijoles, platani fritti e margaritas. Il tutto sullo sfondo di palme e mare stupendo: ci spostiamo in Florida per l'ultima parte del racconto di #CookingMovies in viaggio!

giovedì 6 agosto 2015

Hiroshima e Nagasaki: Let's not forget


La commemorazione del giorno del bombardamento a Hiroshima
English version below
Parentesi seria in questo blog dove di solito parlo di film e ricettine. Settant'anni fa, il 6 agosto 1945, il presidente USA Henry Truman dava il via libera all'utilizzo della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki, due cittadine giapponesi strategicamente fondamentali nelle dinamiche della guerra sul fronte Pacifico. Gli Americani stavano subendo perdite imponenti e il conflitto si prospettava infinito perché la resistenza giapponese non sembrava intenzionata a desistere. Non ho ancora raccontato la parte del mio viaggio in Florida, ma vi anticipo che nei vari giri che ho fatto sono andata a Key West. Che è bellissima: clima tropicale, tanto verde, casette coloniali di legno, clima peace & love, la bella casa di Hemingway, musica sul pontile da ascoltare mentre si ammira un tramonto stupendo sul mare. E la residenza "presidenziale" dove Truman si è rifugiato più volte per lavorare lontano dallo stress. Io e la mia amica abbiamo fatto la visita guidata della "Little White House". La guida, Jimmy, era un signore anziano sui 75 anni direi, super arzillo, nato e cresciuto a Key West, che provava per il presidente Truman evidente ammirazione. A un certo punto ha tirato in ballo il lancio delle bombe.

venerdì 31 luglio 2015

Cooking Movies on holiday part 2: New York City, Philly and D.C.

Dall'alto a sin: High Line, murales a Nolita; Stefi, io e Annalisa a Williamsburg; Bryant Park, Times Square, Little Italy, un'opera al Whitney Museum
Dopo il primo post sui miei primi 4 giorni di vacanza, proseguo con il racconto del resto della settimana a New York e delle gite a Philadelphia e Washington D.C.

mercoledì 29 luglio 2015

Cooking Movies on holiday: New York City, primi 4 giorni


New York - Elisa Pavan tutti i diritti riservati
Dall'alto a sin: Times Square, Bryant Park, Brooklyn Bridge, Wall Street, Miss Liberty, skycrapers

Dov'è finito Cooking Movies nelle ultime due settimane? E' andato a farsi un giretto negli Stati Uniti, più precisamente a New York e poi in Florida. Ho girovagato, mangiato, scattato foto, visto cose bellissime che voglio raccontarvi un po' per volta, sempre con attenzione particolare all'aspetto culinario! Andrò per giorni e dividerò l'esperienza in più post, in modo da non dimenticare nulla. Vi ricordo inoltre un  post di due anni fa dove trovate altri indirizzi e spunti su cosa mangiare a New York e dove. Cominciamo!

giovedì 9 luglio 2015

Terminator Genisys: Schwarzy is back, portate i pop corn!


Schwarzy is back. Ci ha tenuto a dirlo lui stesso qualche tempo fa agli ignari visitatori del museo delle cere. Con Terminator: Genisys torna a fare quello che gli riesce meglio, ovvero la macchina da guerra, anche se gli anni passano anche per lui e per far fronte a un reboot che poggia fortemente sul suo viso e il suo possente fisico, non gli resta che giocare la carta dell'autoironia. Com'è questo quinto capitolo della saga cyborg, realizzato a 31 anni di distanza dal primo indimenticabile capitolo ideato dal regista James Cameron e in uscita proprio oggi 9 luglio nelle sale italiane? Le vostre #Cinefoodies, ovvero io e Elena di Calde Delizie, sono andate in avanscoperta per raccontarvelo.

mercoledì 1 luglio 2015

Ben Affleck e Jennifer Garner divorziano. E' tutto perduto.

Ben Affleck e Jennifer Garner divorziano
Ben Affleck e Jennifer Garner divorziano: Grecia a parte, è la notizia del giorno. Ma come, Ben e Jen?! Veramente?!
Ci avevate illuso con foto della famiglia Affleck tutta insieme, con il discorso di ringraziamento di Ben Affleck dopo l'Oscar per Argo, con quell'aria "Hey, siamo belli, affiatati e felici!!!
E invece mollate il colpo pure voi?
Dopo il conscious uncoupling di Gwyneth Paltrow e Chris Martin, questo è uno dei più duri colpi che Hollywood potesse dare alla mia fiducia nel VERO AMORE (in questo momento della mia vita già piuttosto scarsa).
E' un po' come quando scopri che Babbo Natale non esiste. Non è che ne fossi convinta fino in fondo, che quel ciccione potesse passare dai camini e intrufolarsi nelle case di tuuuuutti i bambini di tuuuutto il mondo in una sola notte, depositando in silenzio i regali perfetti per ciascuno. Ma quando i tuoi genitori ti confessano che sì, effettivamente sono stati proprio loro ad acquistare Barbie Luce di Stelle e l'hanno impacchettata e tenuta sul fondo dell'armadio di camera loro per un mese prima di ficcarla sotto l'albero la notte di Natale, beh, ci rimani comunque di merda. 

domenica 28 giugno 2015

Predestination... predestinati a cosa?

La locandina di Predestination con Ethan Hawke

"Chiunque ti dica di sapere di cosa Predestination parli... sta mentendo", ha dichiarato Ethan Hawke, protagonista della pellicola, a proposito di questo film. E come dargli torto?
Purtroppo, almeno per quanto mi riguarda, questo senso di spaesamento e incertezza non si accompagna all'ammirazione e allo stupore che ti prendono quando un film si chiude con un colpo di scena impensato o una svolta nell'intreccio che ti lascia sgomento e incredulo per la maestria con cui regista e sceneggiatori hanno incastrato tutti i pezzi. 
Qui si tratta piuttosto di una domanda che ti poni all'inizio e continui a porti durante tutte le due ore buone della pellicola, ovvero... perché
Perché infilarsi nella trasposizione cinematografica di un racconto fantascientifico concepito nel 1958, Tutti voi zombi di Robert Anson Heinlein, la cui tematica sono i paradossi dei viaggi temporali
I viaggi temporali, si sa, sono materia molto tricky e possono condurre molto facilmente alla boiata. Basta un dettaglio fuori posto e sei fregato. Ricordiamo qualche film in cui erano presenti. Ben riusciti: Donnie Darko, L'esercito delle 12 scimmie. Così così: La casa sul lago del tempo, Looper. Boiata: Deja Vu. 
Beh.. in Predestination il viaggio nel tempo è lo strumento affidato a degli agenti del futuro (però siamo nel 1995, quello che era futuro nel racconto del 1958 per noi è già un passato lontano 20 anni... perché mantenere questo ulteriore paradosso? Una scelta per me incomprensibile), per sventare i crimini.
Qui l'agente temporale interpretato da Ethan Hawke è alla sua ultima missione: deve riuscire a trovare Feezle Bomber, un pazzo che nel 1975 ha devastato la città di New York con una detonazione senza precedenti, uccidendo migliaia di persone, e che finora gli è sempre sfuggito. 

Ethan, sei sempre un figo, ma sto film -diciamolo- è un pasticciaccio brutto











Uno si aspetterebbe quindi un thriller veloce, con inseguimenti mozzafiato, sequenze d'azione, improvvisi pericoli e agguati. Ma no. Predestination esce dal genere (e qui vedo l'ambizione di un progetto che probabilmente puntava alto, forse troppo) e si concentra sul racconto della vita di Jane. Non sappiamo chi sia questa, di cui ci dobbiamo sorbire i dettagli di un'infanzia assurda e sfigata, sappiamo solo che dev'essere importante, perché un'ora di film è tutta su di lei/lui. E sì, perché per non farci mancare niente, Jane (Sarah Snook) nasce donna (e orfana) ma - per vicissitudini che non sto qui a spiegare per evitare spoiler - nel corso della vita si trova a dover assumere una nuova identità sessuale maschile. 















giovedì 25 giugno 2015

Kingsman: 007 si nasconde a Savile Row


Non è certo l'originalità il pregio di Kingsman - The Secret Service, ultimo film di Mattew Vaughn: ma in qualche modo questo mix pop tra spy story, action fumettosa (da un fumetto Marv è tratto) e storia di iniziazione riesce a intrattenere in modo piacevole per un paio d'ore, meritandosi un giudizio positivo. Il film pesca a piene mani dalla tradizione di James Bond (quello a là Goldfinger), mescolandola allo stile comic delle precedenti creature del regista, ovvero Kick Ass e X-Men - L'inizio. Ci si chiede fino a che punto Vaughn desideri solo che ci divertiamo e prendiamo tutto come un gioco o quanto voglia che, almeno un po', crediamo in questa parabola di rivincita e temiamo per le sorti del nostro beniamino Eggsy. Lo stile scanzonato e irriverente che pervade il film si inceppa infatti a tratti su sequenze inaspettatamente drammatiche, salvo poi riportarci presto in una dimensione talmente ridicola e surreale da farci ridere di noi stessi per aver anche solo dubitato.

martedì 23 giugno 2015

Testament of Youth. Di poesia, guerra, amore e scones alla marmellata di fragole


Scones - Cooking Movies
Scones all'inglese per Testament of Youth
Il cinema in costume esercita sempre un certo fascino su di me e i film ambientati durante le guerre mondiali mi toccano profondamente (quando ben realizzati). Sarà che mi colpisce pensare che quei massacri e i terribili scontri tra le nazioni europee risalgano a una manciata di anni fa anche se a noi generazioni cresciute nel consumismo dagli anni 80 in poi,sembrano epoche lontane anni luce (ma come sappiamo in altre parti del mondo i conflitti non mancano e i profughi che arrivano nelle nostre città ne sono la dimostrazione).
Testament of Youth racconta la Grande Guerra attraverso gli occhi, il cuore e i sentimenti della britannica Vera Brittain, che all'epoca dello scoppio del conflitto aveva solo 20 anni e che in seguito divenne una celebre scrittrice pubblicando le memorie di quegli anni dolorosi. Il film mi è piaciuto perché è in grado di muoversi su più livelli e non si riduce al semplice racconto di un amore romantico rovinato dalla guerra. Testament of Youth racconta innanzitutto di una giovane donna alla ricerca dell'affermazione personale attraverso lo studio (Vera vuole a tutti i costi frequentare Oxford e convince suo padre a lasciarle sostenere l'esame di ammissione). Racconta poi...

martedì 16 giugno 2015

Game of Thrones - Finale Quinta stagione

Jon Snow con la sua tipica espressione sveglia
Attenzione, SPOILER. Se non avete ancora finito la serie, correte via. Avvisati.

Chi mi segue su Facebook e Twitter lo sa, che non mi perdo una puntata di Game of Thrones o Trono di Spade che dir si voglia, anche se non ne ho mai parlato qui. Beh dopo la finale della quinta serie, Mother's mercy, eccomi qui a parlarne.
Coerentemente con la teoria delle cinque fasi dell'elaborazione del lutto, io mi trovo alla prima, ovvero in piena negazione, dopo aver assistito ai Nights Watch che pugnalano ripetutamente Jon Snow, il loro Lord Commander, reo di aver sacrificato le vite dei guardiani della notte per quattro stronzi di barbari sanguinari che non meritano nulla (al contrario dell'ammasso di reietti dei Nights Watch, generalmente sulla barriera per sfuggire a un'esecuzione o per non morire di fame... quando si dice la vocazione). A dare il colpo di grazia a Jon è Olly, tu quoque Olly, faccia da schiaffi che a suo tempo aveva proprio salvato Jon scoccando una freccia nel cuore di Ygritte, ma che ora non poteva perdonare al suo Lord questa svolta pro-wildlings.

sabato 13 giugno 2015

Cooking Movies al #TemporaryStar di corso Garibaldi a Milano


Siete a Milano oggi? Allora non potete mancare: alle 17:30 sarò al temporary store di STAR, in corso Garibaldi 65 per un laboratorio targato Cooking Movies.
Che cosa faremo? Giocheremo con il cinema rispondendo a un quiz su alcuni spezzoni di film che vedremo insieme e chiacchiereremo di film e di cibo insieme all'attore Enrico Lo Verso (protagonista di film come La scorta, Farinelli voce regina, Il ladro di bambini, Milano Palermo il ritorno, Lamerica).
Chi partecipa riceverà un omaggio targato Star.
Venite a trovarmi!
C'è ancora qualche posto quindi fatevi sotto: per partecipare mandate una mail a contact@thegbfoods.com con oggetto ‪#‎TemporaryStar‬
Qui trovate inoltre il programma completo degli appuntamenti del temporary, che in occasione di #Expo rimarrà aperto per tutto giugno: https://www.star.it/notizia/temporary-star/

venerdì 5 giugno 2015

Teneramente folle: crepes alle fragole di papà

Infinitely-Polar-Bear-Teneramente-folle

Il cinema americano negli ultimi anni ha scoperto Mark Ruffalo e ce lo propina un po' in tutte le salse, come lottatore in Foxcatcher, nei panni di un ristoratore ex donatore di sperma ne I ragazzi stanno bene, produttore musicale fallito in Begin Again, supereroe (Hulk) per gli Avengers. In Teneramente folle, film indipendente della regista Maya Forbes presentato al Sundance festival e in uscita in Italia il 18 giugno, lo vediamo nelle vesti di un papà esuberante che soffre di disturbo bipolare, con due figlie a cui badare e risultati altalenanti (il titolo originale del film è Infinitely Polar Bear e prende spunto dalla storpiatura che la più piccola delle sorelle fa parlando della malattia mentale del padre).

domenica 24 maggio 2015

68esimo Festival di Cannes: Dheepan di Jacques Audiard vince la Palma d'Oro


Meno male che Nanni li aveva incantati, i giurati di Cannes. No dico, per fortuna che Mia madre era il capolavoro, che Il racconto dei racconti era un'opera originale con un je ne sais quoi irresistibile e che Sorrentino is back e Youth è pura poesia, anzi no è una noia mortale, anzi no è genio. Va beh.
Non ci siamo portati a casa gnente di gnente, al Festival di Cannes 2015, che a detta dei critici cinematografici veri era pure un'edizione "facile".
Chi ha vinto allora?
Ha trionfato un francese, manco a farlo apposta: c'è da dire che è Jaques Audiard che è oggettivamente un mostro di bravura e quindi immagino che il suo Dheepan sarà un film (triste ma) bellissimo. Andrò a vederlo il prima possibile.
Come migliori attori, la Palma d'oro alla miglior attrice va ex aequo a Rooney Mara e Emmanuelle Bercot, mentre tra gli interpreti maschili vince Vincent Lindon.
Ecco tutti i premi attribuiti dalla Giuria presieduta da Ethan e Joel Coen al 68esimo Festival Internazionale del Film di Cannes.

lunedì 18 maggio 2015

68esimo Festival di Cannes: i film e i red carpet da non perdere

Naomi Watts in Elie Saab sul red carpet e con i figli nel backstage
Si è aperto mercoledì 13 maggio il 68esimo Festival del cinema di Cannes, che ha scelto di dedicare la sua cover di quest'anno alla bellezza senza tempo di Ingrid Bergman (il suo viso campeggia sul poster posto all'ingresso del Palais du Festival). Quali sono i lavori più attesi di questa edizione? E gli abiti più belli visti sul red carpet finora?

giovedì 14 maggio 2015

Cake. Ricominciare da una torta


Cosa succede quando l'unica cosa che ti resta è il dolore? Ci puoi sguazzare dentro, arrabbiarti, diventare cinico e aggressivo. Oppure inventarti un modo per andare avanti e magari ritrovare la voglia di far felice qualcun altro con una torta.
Jennifer Aniston, accantonate almeno per un attimo le rom com, è la protagonista di Cake, in cui interpreta Claire, una sopravvissuta, incattivita e sopraffatta dal dolore e con una tendenza all'umorismo nero.

venerdì 17 aprile 2015

Le CineFoodies all'arrembaggio di Black Sea

BlackSea-Kevin MacDonald-Jude Law-poster
Il poster di Black Sea
Avete visto il faccione di quel figo di Jude Law spiccare sulla locandina di Black Sea e siete pronte a infilarvi nel primo cinema che lo programma (il film è uscito ieri, giovedì 16 aprile)?
Forse prima vorrete sentire l'opinione di due fanciulle come me e Elena di Calde Delizie, che oltre ad avere in comune la creazione di brillanti ricette cinematografiche sui nostri rispettivi blog, siamo anche due appassionate alla ricerca del film perfetto!
Per questo io e lei ci siamo auto assegnate la missione di esplorare insieme i film in uscita nelle sale e raccontarli per farveli gustare insieme a un piatto stuzzicante che li rappresenti! Ci potete chiamare le CineFoodies!
Volete sapere cosa abbiamo pensato di Black Sea? Forse è più facile se vi raccontiamo le nostre prime impressioni all'uscita dal cinema.... come se fosse una sceneggiatura!

lunedì 23 marzo 2015

Tempo instabile con probabili schiarite e petrolio annacquato

Tempo instabile- locandina

La vita è imprevedibile, si sa.
Spesso le cose non vanno come le avevamo immaginate e così prendiamo strade che non pensavamo di poter percorrere, fronteggiando situazioni inaspettate. Per esempio, cosa fareste se un giorno, per caso, scopriste un giacimento di petrolio nel vostro giardino?
Succede a Giacomo (Luca Zingaretti) e Ermanno (Lillo) nel film "Tempo instabile con probabili schiarite" del regista Marco Pontecorvo, presentato in anteprima al cinema Apollo a Milano.

mercoledì 18 marzo 2015

Latin Lover: riso cozze e patate o zuppa di pesce?

Il poster di Latin Lover
Sette donne (o forse più) per un uomo. 
Giovedì 19 marzo esce nelle sale italiane la commedia “Latin Lover” di Cristina Comencini , presentata ieri in anteprima al cinema Anteo di Milano: una storia di donne e sorellanza, di attriti familiari e di legami indissolubili.

domenica 15 marzo 2015

The Imitation game e l'arte dei tramezzini inglesi (che Turing non amava)

Tramezzini al cetriolo - Elisa Pavan -Cooking Movies

Se c'è una realtà con la quale ogni italiano in viaggio, lungo o breve, nel Regno Unito dovrà confrontarsi, è la dittatura culinaria del sandwich. Sandwich protagonista dei "packed lunch" casalinghi avvolti nella pellicola con quattro giri, oppure confezionati in quei triangoli di plastica attraverso cui è difficile persino intuire gli ingredienti del ripieno. Sandwich per l'ora del té, sandwich come spuntino o merenda, sandwich come alternativa volante per cena. Di solito in gusti che, ai palati di noi inconsapevoli gastronomi italici, fanno rizzare i peli sulle braccia.

domenica 8 marzo 2015

La teoria del tutto: la vita di Hawking tra patate (relatività) e piselli (fisica quantistica)



Stephen Hawking è probabilmente il più famoso scienziato al mondo: fisico, matematico e cosmologo, è celebre soprattutto per i suoi studi sui buchi neri e sull'origine dell'universo, ma anche per la condizione di immobilità a cui è condannato da moltissimi anni a causa di una malattia dei motoneuroni, l'atrofia muscolare progressiva.
La Teoria del tutto racconta la sua vita attraverso la storia con Jane, la moglie conosciuta ai tempi di Cambridge, che nonostante la diagnosi della malattia e la breve prospettiva di vita di Stephen sceglierà di sposarlo e costruire una famiglia con lui.

lunedì 2 marzo 2015

Birdman o l'imprevedibile virtù dell'ignoranza (e del kimchi)


Parlare di Birdman è difficile perché ci sarebbero da dire molte, troppe cose. In un solo, brillante, film si incastrano tante tematiche importanti: i rapporti umani e familiari, il mestiere d'attore, la fama e la popolarità, la realizzazione personale e la frustrazione di non ottenerla, il potere della stampa, l'importanza cruciale e crescente dei social network nelle nostre vite.
Ma proverò a parlarne dato che il film si è appena aggiudicato ben 4 Oscar importantissimi: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale e miglior fotografia, tutti effettivamente meritati. Perché?

lunedì 23 febbraio 2015

Oscar 2015: tutte le mise più belle del mio red carpet goloso

JK Simmons, Patricia Arquette, Julianne Moore, Eddie Redmayne















Gli Oscar 2015 sono stati ormai digeriti, ma non abbiamo ancora spettegolato sul red carpet più famoso del mondo... e come tutti gli anni, allora, sono qui per commentare e proporvi qualche moodboard golosissimo abbinato alle mise delle dive più belle della serata....

Oscar 2015: trionfa Iñarritu con Birdman. Migliori attori Moore e Redmayne


Alla fine l'Academy l'ha fatto: quello che non credevo possibile, ovvero che avrebbe premiato per due anni di seguito un regista messicano. Alejandro Gonzales Iñarritu con il suo Birdman sbanca il Dolby Theatre di Los Angeles alla 87esima edizione degli Academy Awards, portandosi a casa la statuetta per Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Sceneggiatura Originale. Non posso dire che non sia d'accordo con il giudizio dell'Academy sul film, che è sicuramente originale e ha una regia meravigliosa. Certo mi spiace un po' per BoyhoodLinklater si deve accontentare della statuetta vinta -come previsto -da Patricia Arquette come Miglior Attrice non protagonista. Nessuna sorpresa infatti c'è stata, invece, sul fronte dei Migliori Attori. Come protagonisti hanno vinto Eddie Redmayne per La Teoria del Tutto e Julianne Moore per Still Alice, mentre J.K. Simmons con Whiplash conquista il premio per Miglior attore non protagonista.
Tra i film stranieri vince il polacco Ida. Anche l'Italia ha avuto un suo momento di gloria con Milena Canonero premiata per i Migliori costumi dal film di Wes Anderson Grand Budapest Hotel. Ecco l'elenco completo dei vincitori.

domenica 22 febbraio 2015

Oscar 2015: le previsioni


Oggi ci aspetta la grande notte del cinema. Come ogni anno saranno consegnati gli Oscar, i premi dell'Academy... e noi giochiamo a fare le nostre previsioni!
Sul sito ufficiale degli Oscar potete giocare a fare le vostre e trovate le mie ipotesi : alcuni sono i risultati che mi auguro, altri sono i premi che credo verranno assegnati sulla base dei "favoriti".. alcuni, i premi più tecnici o quelli ai documentari, ammetto di averli messi veramente a casaccio!  Ma andiamo con ordine...

mercoledì 18 febbraio 2015

Banana bread al tè matcha per Begin Again -Tutto può cambiare



Quando Dave (Adam Levine), giovane musicista di talento, ottiene un allettante contratto da solista con una major discografica, lui e la sua fidanzata Greta (Keira Knightley) a sua volta cantautrice, si trasferiscono insieme in un meraviglioso loft a New York: sono eccitati dall'avverarsi di un sogno e dalle mille opportunità che stanno per dispiegarsi davanti a loro. Greta ha partecipato alla scrittura di alcuni pezzi dell'album e passa le giornate in studio di registrazione insieme a Dave, che ormai viene riconosciuto dalle ragazze per strada e ha smesso di bere caffè di Starbucks in favore del tè matcha (il tè giapponese dei samurai, dice lui).

domenica 15 febbraio 2015

Last Night: uova strapazzate per parlare d'amore

A volte le relazioni d'amore sono complicate e ambivalenti. Talvolta i sentimenti di affetto che abbiamo per una persona non impediscono di commettere errori, cattiverie, o addirittura di avere pensieri per qualcun'altro. Qualcuno del nostro passato, come accade a Joanna (Keira Knightley) con la vecchia fiamma Alex (Guillame Canet), o qualcuno del presente che sembra una boccata d'aria fresca, come Laura (Eva Mendez) appare a Michael (Sam Worthington). Ma qual è la linea che delimita la semplice divagazione del pensiero al tradimento? E il tradimento fisico è più o meno grave di un tradimento del cuore, quando ci si abbandona all'idea che tutto potrebbe essere diverso, forse migliore, con un'altra persona accanto? E poi, si può recuperare la complicità perduta? E' di questo che parla Last Night, film del 2010 scritto e diretto dalla regista iraniana Massy Tadjedin.

venerdì 13 febbraio 2015

Su A Tavola di Febbraio: la Zuppa Blu di Bridget Jones

La zuppa di porri blu di Bridget Jones
Avete presente la zuppa blu che Bridget Jones serve ai suoi amici in occasione del suo compleanno? Beh su A Tavola di febbraio nella mia rubrica A Tavola con il cinema trovate la ricetta per fare come lei... certo lei l'aveva colorata per sbaglio, io l'ho resa blu di proposito con un tocco di colorante alimentare. La base è una vichyssoise, zuppa di porri, patate e panna. Curiosi? La ricetta (e la recensione del film Bridget Jones) la trovate sul giornale, insieme a tantissime idee per Carnevale e San Valentino.
Vi aspetto in edicola e buon appetito! :-)

giovedì 12 febbraio 2015

Le uscite al cinema di San Valentino. E una torta romantica al cioccolato



Sabato è San Valentino, la festa dell'amore e degli innamorati. Che abbiate da festeggiare oppure no, c'è una cosa che potete fare tutti. Votarvi al cioccolato. Il cioccolato non vi deluderà mai, ma allieterà il vostro umore, accarezzerà le vostre papille gustative con la sua consistenza vellutata e scioglievole. Quindi amici vi lascio una ricetta che potete preparare per la vostra dolce metà oppure per voi stessi, per premiarvi di essere i tipi e le tipe toste che siete, che se non avete un compagno oggi arriverà certamente domani, e se anche non fosse #sticavoli,  comunque c'è sempre lui, il cioccolato.
La ricetta è quella della crostata con ganache al cioccolato e pistacchi.

lunedì 9 febbraio 2015

BAFTA: Boyhood si prepara agli Oscar, Redmayne e Moore migliori attori

Il cast di Boyhood, premiato come miglior film ai Bafta 2015
Eccomi di ritorno, dopo tanto (troppo) tempo che trascuravo il blog. Gennaio è stato un mese particolarmente faticoso per me e anche se febbraio non sembra troppo intenzionato a darmi tregua, ho deciso che non è più tempo di aspettare un momento migliore, ma devo semplicemente rimettermi in pista. E allora cosa c'è di meglio per ricominciare se non parlando dei Bafta, gli "Oscar inglesi", i premi assegnati dalla British Academy of Film and Television Arts e con il suo red carpet stellare?

#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...