Cherry Pie per "Waitress - Ricette d'amore"


Questa crostata è stata preparata con le amarene del giardino di mia zia Angela, che mi ha anche dato la ricetta. Ma le amarene sono fuori stagione, direte voi? Sì, ma queste sono state raccolte in estate e poi snocciolate e surgelate appositamente per me, perché ne potessi fare una bella cherry pie da condividere con voi. Perché i dolci non sono solamente "cibo": più di ogni altra pietanza sono ricchi di dedizione, amore, significati nascosti.. e assorbono le nostre emozioni mentre li prepariamo.
Un po' come le torte che prepara Jenna (Keri Russel) in Waitress, ricette d'amore, per sfogarsi e sfuggire alla monotonia di una vita infelice.



Si tratta di un film che potremmo definire una commedia, ma con tratti agrodolci e grotteschi, un po' di surrealismo e tanta ironia, ed è l'opera ultima della regista Adrienne Shelly, uccisa nel 2006 nel suo appartamento di New York da un ragazzo con cui aveva avuto una lite condominiale, prima di vedere distribuito il suo film :-(
Jenna fa la cameriera e in un locale dove inventa e prepara anche pies, le tipiche torte ripiene americane, creando sempre di nuove in base ai suoi umori e a quello che le capita. Vorrebbe lasciare il marito, un uomo meschino e dipendente da lei, che non la rispetta per niente anche se dice di amarla. Tutto si complica quando la ragazza, complice un bicchiere di troppo, rimane incinta di suo marito. Sente di non volere affatto il bambino, ma porta avanti comunque la gravidanza, incontrando tra l'altro un ginecologo  (sposato) con cui scatta subito una forte attrazione. E' a questo punto che nascono creazioni come "torta del bambino odioso", o "torta non posso avere una relazione perché non voglio che mio marito mi ammazzi", torta "Chicago Blues" e la "Brivido d'amore". Cosa farà Jenna? Resterà con il marito? Fuggirà? Si metterà con il ginecologo? La risposta giusta è un'altra, meno scontata di queste, tutta da scoprire. Ma una cosa posso spoilerarla: Jenna non smetterà di fare torte.


Crostata di amarene (Cherry Pie)

Per la frolla fine
300 gr di farina
180 gr di burro
3 tuorli d'uovo
120 gr di zucchero a velo
1 pizzico di sale
1 grattugiata di scorza di limone bio

Per il ripieno
Amarene, circa 1kg (700 g snocciolate)
3 cucchiai di zucchero
scorza di limone bio grattugiato
2 fette biscottate sbriciolate

Preparare la frolla fine come di consueto (spiegazione qui). Cuocere le amarene snocciolate per circa un quarto d'ora a fiamma media, senza aggiungere altro. Scolarle: se vi piace, potete recuperare il loro succo, berlo così o farne una gelatina ottima anche con le carni. Una volta scolate e lasciate raffreddare le amarene, unite qualche cucchiaiata di zucchero e la scorza di limone (a piacere. Mia zia non mette zucchero, per esempio, ma a me le amarene sembravano un po' troppo asprigne quindi le ho dolcificate un pochino) e aggiungete due fette biscottate sbriciolate (o qualche biscotto) per assorbire il liquido. Stendere la frolla in due dischi dello spessore da 5 mm. Rivestire una tortiera imburrata con uno dei due dischi di frolla. Versare le amarene, coprire con un altro disco e decorare eventualmente con avanzi di frolla facendo fiori, foglie o ciò che più vi ispira. Infornare a 180 gradi per circa 35-40 minuti. Una volta che la torta sarà cotta (e raffreddata) preparatevi un bel tè e gustatevi la torta!

Post più popolari