sabato 27 aprile 2013

Peanut butter cookies: scoprendo il burro d'arachidi, come Joe Black






La scena che avete appena visto è presa da Vi presento Joe Black, film con Brad Pitt che tutti conoscerete, in cui la "Signora con la falce" si incarnava nel corpo del fustacchione Brad per farsi un giro sulla terra a dare una sbirciatina alla vita umana prima di prendere con sé Bill Parrish, magnate delle comunicazioni interpretato da Anthony Hopkins. Ovviamente per il "signor morte" tutto è nuovo, compreso il burro di noccioline, che scopre per la prima volta girovagando per le cucine della villa dei Parrish. 
La mia reazione al burro di noccioline è stata più o meno la stessa. Ne avevo sentito parlare da tanto tempo, visto in tv mille volte nelle serie americane, ma alla fine non l'avevo mai assaggiato! 

A New York (chi si è perso il post precedente, qui trovate i dettagli gastronomici della vacanza) l'ho comprato della Skippi (che il signore nel film reputa inferiore all'altra marca consumata da lui, pazienza!) e così ho potuto assaggiare questa porcosità unica che è il burro d'arachidi! Un po' come nel film, al primo assaggino pensi: mm, sa di arachidi tostate, è forte. Però è buono. Yum... quasi quasi ne prendo un altro po'! 
Ho subito cercato di applicare le potenzialità del burro di arachidi a un dolcetto e preparato questi biscotti che sono oggettivamente spaziali.. provare per credere! Le dosi sono leggermente aggiustate rispetto alla ricetta americana del sito Joy of baking, ho guardato anche la ricetta di Magnolia Bakery riportata da Martha Stewart ma la quantità di burro (tra arachidi e normale) era imbarazzante così ho optato per quell'altra. 



Peanut Butter Cookies
260 grammi di farina 00
150 grammi di burro (io margarina, solo perché non posso mangiare latticini...)
180 grammi di burro di arachidi
200 grammi di zucchero bianco
1 uovo grande
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
1/3 cucchiaino di lievito di lievito per dolci
1 punta di cucchiaino di bicarbonato
1/4 cucchiaino di sale
80 grammi circa di cioccolato fondente tagliato a pezzetti

Lavorare nel robot lo zucchero con il burro per diversi minuti fino a ottenere una crema. Aggiungere il burro di arachidi e continuare ad amalgamare. Unire anche l'uovo e l'estratto di vaniglia. In una ciotola unire la farina, il lievito e il sale. Aggiungere i solidi alla crema di burri, zucchero e uova e azionare nuovamente il robot per qualche secondo. Otterrete un impasto simile a una frolla, leggermente più morbida. Aggiungete i pezzetti di cioccolato e mescolate a mano con un cucchiaio per distribuirli in modo omogeneo. Riponete l'impasto in frigo a rassodare per almeno mezz'ora. Dopo di che create con le mani delle piccole palline e disponetele ben distanziate su una teglia coperta di carta da forno. Con queste dosi dovrebbero uscire circa 30-35 biscotti a seconda della dimensione. Una volta disposti i biscotti, prendete una forchetta e passatela in una ciotola con un po' di zucchero. Con i rebbi della forchetta operate due disegni (a mo' di croce) sulla superficie dei vostri biscotti, che in questo modo otterranno una forma più schiacciata e una decorazione simil-quadrettata al centro. Infornate per 10 minuti a 180 gradi. Non cuoceteli troppo, al massimo  12 minuti: devono restare morbidi! Lasciateli raffreddare e poi... godete!


giovedì 25 aprile 2013

New York: a food guide. Cosa e dove mangiare nella City

Manhattan vista da Brooklyn

Eccomi qua, sono tornata! Dov'ero finita? Prima scarseggiava l'ispirazione culinaria, poi c'erano tante cose da fare e soprattutto la settimana scorsa sono stata in vacanza a New York!
Una gita nella Grande Mela, con una cara amica, per andare a trovare un'altra cara amica che da quasi tre anni ormai abita là. La prima volta negli States, la prima volta a New York, la seconda volta che mentre sono in viaggio c'è un allarme terroristico (stavolta a Boston, la bomba è esplosa mentre noi ignare ci godevamo la vista dall'Empire State building... nel 2006 era stato a Londra: ero lì per lavoro, fermarono un terrorista a Heatrow e chiusero l'aeroporto per mezza giornata).
A parte questa parentesi di preoccupazione, è stato tutto meraviglioso, eccitante, energico e ricco di emozione. In questo post, però, voglio parlare solamente di cibo! Perché di film su New York ne abbiamo già parlato qui, quindi è tempo di dedicarci alle delizie che potrete assaggiare se andate nella città che non dorme mai.

1) Clam Chowder e sushi


La clam chowder è una zuppa di vongole buonissima che abbiamo assaggiato in una pescheria/ ristorante chiamata Lobster Place all'interno del Chelsea Market, il mercato coperto ricavato dell'ex fabbrica dei biscotti Oreo, nel quartiere di Chelsea. Esistono diverse versioni di clam chowder, contengono tutte vongole, ma in base all'origine geografica si arricchiscono di diversi ingredienti. Noi abbiamo assaggiato un bicchierino della Manhattan clam chowder, che era fatta con pomodoro, brodo, prezzemolo: buona, tipo il nostro guazzetto, ma quella veramente ottima e che infatti abbiamo scelto era la New England clam chowder, che contiene patate, erba cipollina e sicuramente panna e latte. Si mangia accompagnata dagli oyster crackers, piccoli crackers rotondi somiglianti a ostriche da tuffare nella zuppa. Il vassoietto che vedete accanto alla zuppa era un roll di maki freschissimi preparato al momento in pescheria. Costo di zuppa, sushi e una bottiglietta di acqua intorno ai 17 dollari (13 euro).


The Lobster Place
Chelsea Market
75 Ninth Avenue
New York, NY 10011

http://www.lobsterplace.com/


2) Sua maestà l'hamburger


Nel nostro viaggio non poteva mancare la tappa culinaria a base di hamburger. Noi l'abbiamo mangiato tre volte in una settimana. La prima volta nel quartiere Red Hook di Brooklyn, in un locale carino in stile pub inglese, con i mattoncini rossi, dal nome Hope & Anchor: hamburger buono, bello grande, ma con cipolla rinsecchita che ho tolto e patatine d'accompagnamento così così. Poi c'è stato Burger Joint, un'esperienza assurda come solo in America: entrate all'interno dell'hotel Le Parker Meridien e a metà della hall vedrete un tendone rosso. Lì comincia la fila per uno degli hamburger più buoni della città. Burger Joint è una specie di bettola preesistente all'hotel e lì è rimasta, con solo l'insegna al neon ad indicarla. Ma i newyorkesi la conoscono bene, infatti conviene andare sul presto o molto tardi (come suggerisce la Lonely Planet) per non trovare molta fila. Ah, idee chiare su quello che volete ordinare: potete compilare un foglietto oppure ricordare bene cosa ci volete dentro (verdura, salse etc) e come lo volete cotto, se esitate troppo vi mandano in fondo alla fila (ma non è vero, è solo terrorismo psicologico per spingere la gente a fare veloce). Hamburger ottimo, patatine perfette. L'ultima sera abbiamo tentato con Shake Shack, chioschetto nel centro del parco di Madison Square, ma avevamo solo un'oretta e la lunga fila ci ha spinto ad andare via prima di aver assaggiato un altro tra i burgers più rinomati della città: peccato! Ma in questo modo abbiamo potuto vedere il Top of the rock by night e poi, manco a dirlo, ci siamo rifugiate per la seconda volta da Burger Joint (che era vicino) e che anche nel bis non ci ha deluso!

Burger Joint
c/o Le Parker Meridien
119 West 46th Street
Manhattan - New York

Shake Shack
Southeast corner Madison Square Park
near Madison Ave and East 23rd Street
Manhattan - New York
ci sono anche diverse altre location in città, 
ma questa è stata la prima

Hope & Anchor
347 Van Brunt Street
Red Hook - Brooklyn (NY)



3) Lobster, crab and shrimp rolls!


All'uscita dal Metropolitan Museum ci siamo dirette da Luke's Lobster nell'Upper East Side, ma è una catena che potete trovare in diverse zone della città. Fanno i famosi lobster rolls, che sono composti da un pezzo di panino (buns) leggermente scaldati, spalmati con leggero velo di maionese, burro al limone e spezie e riempiti con aragosta, granchio o gamberetti semplicemente bolliti e freddi, nello stile del Maine, dove si pescano i crostacei più buoni e freschi che poi arrivano sulle tavole di New York. Nella foto vedete un menu Taste of Maine, composto da 3 mezzi roll con gamberetti, aragosta e granchio. Noi ne abbiamo ordinato uno e lo abbiamo diviso, perché pensavamo fosse più grande dato il costo (20 dollari, comprendente 1 bibita e un pacchetto di patatine -sì, quelle del sacchetto) invece è la dose giusta per uno solo. I rolls comunque sono buoni, se devo consigliarvi prendete granchio o aragosta (che a NY nei mesi estivi, quando è di stagione, dovrebbe essere più cheap). Forse un po' caro rispetto alla media, considerato che non è un ristorante ma uno shack, un posto dove prendere qualcosa, consumare velocemente e poi via. La clam chowder che al Lobster's place costava tipo 4 dollari in versione small e fino a 6 nelle cup più grandi, qui veniva 8 (ma non l'ho presa e non so dire se la dose era maggiore).

Luke's Lobster
Upper East Side
242 East 81st Street
http://lukeslobster.com/
sul sito trovate altre location in città

3) Cheesecake


Quelle bestie di fettone che vedete nella foto sono le dosi di cheesecake che servono al ristorante Junior's a Brooklyn, un classico diner's famoso proprio per le torte al formaggio. Noi abbiamo preso Apple crumb cheesecake e Raspberry swirl cheesecake: sono state la nostra colazione e non abbiamo pranzato, quel giorno. Veramente enormi, ma continuavamo a mangiare. Decisamente diverse dalle cheesecake italiane: non so se sia per il formaggio che usano, ma erano un'altra cosa rispetto a quello che si trova qui, sia per consistenza che per sapore. Non meglio o peggio, ma proprio diverse. Da provare. Una fetta costa 7 euro (ma si divide in due tranquillamente).

Junior's
386 Flatbush Avenue EXT
Brooklyn, New York 11201

http://www.juniorscheesecake.com/
(ci sono location anche a Manhattan, zona Times Square e Grand Central)


3) Cupcakes e biscotti


Non sono mai stata una grande fan dei cupcakes e ho sempre pensato che il buttercream frosting mi facesse venire la nausea. Finché non ho assaggiato la red velvet cupcake di Magnolia Bakery! Dimenticate quelle guarnizioni pesanti che spesso si trovano nelle wannabe-American bakery di Milano, lì il frosting è spatolato a mano da ragazze bravissime, senza troppi fronzoli, ed è come addentare una nuvola. Il cupcake poi era soffice e delizioso, buonissimo! Di bakery ne vedrete moltissime altre, se la vostra passione sono i cookies andate al Chelsea market da Eleni's: potrete comprare delle scatoline di biscotti con chocolate chips, butterscotch, pink sugar, cookies decorati e molto altro (da mangiare o regalare).

Magnolia Bakery
1240 Avenue of the Americas (corner of 49th and 6th Avenue) 
New York NY 10020
altre locations sul sito 

Eleni's 
75 9th Avenue
New York, NY 10011


 5) Pastrami sandwich


Katz's Delicatessen è un luogo cult a New York, un'istituzione aperta nel lower East side dal 1888. Lì si è svolta la famosa scena dell'orgasmo simulato da Meg Ryan in Harry ti presento Sally. La specialità è il panino con il pastrami, che viene servito con mostarda e cetriolini. Il pastrami è una preparazione di origine ebraica dei Balcani e Medio Oriente composta di carne speziata che viene trattata in diversi modi (prima in salamoia, poi essiccata, affumicata e cotta a vapore). Io l'ho trovata buonissima. Quel panozzo nella foto l'abbiamo diviso in due per cena, per noi è stato abbastanza, ma dipende dalla vostra fame e da cosa avete mangiato a pranzo! 

Katz's Delicatessen
205 East Houston Street (corner of Ludlow St)
New York City, 10002

6) Frutti esotici o meglio asiatici e ristorante vietnamita


Serata a Chinatown: prima ci siamo fatte attirare da questa bancarella di frutti asiatici e abbiamo speso uno sproposito per due red dragon fruits (quelli rossi, si aprono a metà e si mangia l'interno con il cucchiaino, la polpa è bianca con i semini neri, somiglia al kiwi anche come sapore) e delle mele cinesi (quelle rosa che vedete nella foto in basso a sinistra, nell'angolo destro) che invece non sapevano assolutamente di nulla! Il consiglio, comunque, è guardare e non comprare. :-)
Poi siamo state al ristorante Pho Viet, ma non ho fatto foto. Abbiamo mangiato diverse cosine come Vietnamese spring rolls (che contengono carne), green papaya salad with beef, un granchio fritto pescato nel momento dell'anno in cui muta la corazza e quindi è tutto morbido e si mangia intero, varie verdurine. Tutto buono, siamo state invitate quindi non so il costo ma credo che con circa 25 dollari a testa si mangi.

Pho Viet Huong
73 Mulberry Street
New York, NY 10013

http://www.phoviethuong.com/


7) Supermercato americano, ovvero delizie e orrori del consumismo


Abbiamo scoperto che a New York la frutta e la verdura viene ordinata in file perfette che formano muraglie ordinatissime. Il muro di broccoli e le arance qui sopra (da Fairway) ve ne danno un'idea. Wholefood's, catena "fighetta", per così dire, c'è anche un super reparto di fresco dove puoi comporti le tue insalate o comprare piatti cucinati. Lì abbiamo comprato "sfuse" delle noci pecan (che buone!) e un mix di cereali Omega3, ho trovato l'estratto di vaniglia di Tahiti e diversi mix di spezie. Ma anche quell'obbrobrio di pizza "pepperoni" take & bake e le chocolate stuffed crepes confezionate... aiuto!!

Wholefood's
Fairway

Spero che queste dritte culinarie vi siano utili se avete in programma un viaggio nella Grande mela, per ora vi saluto con qualche fotina! A presto!!


Bryant Park

Times Square

Panorama dall'Empire State Building

In Central Park

Tra le vie di Brooklyn

#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...