mercoledì 25 gennaio 2012

One day. La Scozia, il salmone, i tagliolini


One Day è prima di tutto un romanzo di grande successo, scritto da David Nicholls e, poi, in seguito, è diventato questo omonimo film. Anne Hathaway e Jim Sturgess (carino!) sono Emma e Dexter, longtime friends e a lungo amanti mancati, innamorati più o meno ignari che giungono alla piena consapevolezza e realizzazione -seppur fugace- del proprio sentimento solo dopo venti, lunghi, tormentati anni di amicizia, crisi, successi e relazioni sbagliate.
Io non ho letto il libro, ma le recensioni dei giornalisti inglesi che lo hanno fatto sono piuttosto spietate: da estimatori della versione cartacea, esprimevano tutti un certo disappunto per l'appiattimento della figura di Emma, interpretata dalla Hathaway che ha inoltre la colpa di essere americana e di simulare in modo alquanto imbarazzante l'accento inglese (e si sa, gli inglesi sul british accent non perdonano!!). 
Potremmo discutere per ore sulle motivazioni che hanno spinto i produttori e il regista a scegliere per questo ruolo la protagonista de Il Diavolo veste Prada invece di una qualsiasi brava coetanea inglese. Tanto più che il suo partner, Jim Sturgess (Dexter), è British fino al midollo (e così la differenza si nota ancora di più). MA, dato che probabilmente guarderete questo film doppiato in italiano e che, pure se lo vedrete in lingua originale non vi indignerete troppo se la Hathaway non parla come la regina Elisabetta, possiamo concentrarci su altro. La trama, per esempio.




Semplificando molto si tratta di una storia d'amore che tarda a sbocciare a causa dell'immaturità dei protagonisti (Dexter in particolare) e delle circostanze avverse... In pratica, a causa della vita
La narrazione ha un'interessante sviluppo: ci racconta il rapporto di Emma e Dexter lungo venti anni attraverso una sola giornata, il 15 luglio. E' proprio in questo giorno del 1988, infatti, che i due protagonisti si conoscono, durante i festeggiamenti per la laurea all'Università di Edimburgo
Brilli ed eccitati, finiscono nell'appartamento di Emma: tutto sembra preannunciare una notte di passione, ma all'improvviso la magia svanisce e il fiasco si trasforma in un rapporto di tutt'alta natura, un'amicizia profonda. Emma, tuttavia, ha gli occhi a forma di cuore fin dal giorno uno: è Dexter quello che avrà bisogno di tante donne, successo, droga e fallimenti personali per arrivare a capire che il suo unico vero amore è Emma. Il destino, però, non vorrà proprio saperne di lasciare in pace questi due!
Raccontato così potreste pensare che si tratti di un film molto sdolcinato, ma non è così. Ci sono momenti divertenti alternati ad altri amari e non ci si annoia. L'espediente del 15 luglio consente di portare avanti la storia con un certo ritmo, "tagliando" nella vita dei protagonisti alcuni avvenimenti, che vengono così sottintesi, lasciati intuire o raccontati, evitandoci le parti noiose o troppo complicate da racchiudere in un un paio d'ore di film. Certo, se siete quelli che vogliono l'happy end assoluto potreste rimanere delusi, ma la vita vera è dolceamara, e io preferisco i film che riservano anche qualche pianto. :-)





E adesso, che ricetta ci abbiniamo a questo filmetto? Visto che i nostri due amici si conoscono a Edimburgo, in Scozia, e che i salmoni più buoni vengono da lì, mi passate l'aggancio un po' tirato per i capelli, se vi propongo i tagliolini con il salmone? ;-) Ma con il tocco creamy dell'avocado e del Philadelphia. Un piatto unico perfetto e veloce da preparare: potete mangiarvelo per cena e poi accomodarvi sul divano per gustare One Day.



Tagliolini con salmone e avocado
Per due 
160 gr di tagliolini all'uovo
100 gr di salmone affumicato
mezzo avocado maturo 
50 gr di philadelphia 
1 goccio di latte
1 pezzetto di cipolla 



Lavorate il Philadelphia con un goccio di latte fino a formare una crema. Mentre lessate i tagliolini in abbondante acqua salata, soffriggete la cipolla sminuzzata finemente, aggiungete l'avocado tagliato a piccoli dadini e spadellate per un paio di minuti. Unite il salmone affumicato tagliato a pezzetti e il philadelphia in crema. Scolate i tagliolini, spadellate con il sugo e gustate subito la vostra pasta, calda e saporita, con un bicchiere di buon vino bianco! Buon appetito!

lunedì 16 gennaio 2012

Golden Globes, red carpet sempre più goloso!

Ormai sta diventando tradizione per Cooking Movies, quando ci sono i festival cinematografici più importanti questo blog cede per un giorno al fascino della moda (e alle sue suggestioni culinarie) dando spazio ai red carpet con le mise più particolari e favolose delle star... e i loro corrispettivi cibosi.
Come sapete ieri sono stati assegnati i Golden Globes! Prima di concentrarci sull'apparenza delle nostre star preferite, un po' di sostanza: ecco la lista di tutti i vincitori!


Cinema
Tivù.Ci
  • Miglior serie drammatica: Homeland
  • Miglior attore drammatico: Kelsey Grammer (Boss)
  • Miglior attrice drammatica: Claire Danes (Holemand)
  • Miglior serie commedia/musical: Modern Family
  • Miglior attore di commedia/musical: Matt LeBlanc (Episodes)
  • Miglior attrice di commedia/musical: Laura Dern (Enlightened)
  • Miglior miniserie: Downton Abbey
  • Miglior attore in una miniserie: Idris Elba (Luther)
  • Miglior attrice di una miniserie: Kate Winslet (Mildred Pierce)
  • Miglior attore non protagonista: Peter Dinklage (Game of Thrones)
  • Miglior attrice non protagonista: Jessica Lange (American Horror Story)

Red Passion
Lo spot della famosa marca di Vermouth? No, il rosso scelto dalla splendida Reese Witherspoon e dalla deliziosa Dianna Agron di Glee. Io le adoro entrambe, e voi chi preferite?



Romantic & chic

Jessica Biel sfoggia un look romantico e ricco di ricami, come una splendida torta di nozze. Ispirazione ecrù anche per Diane Lane, dolce come un biscotto al burro, mentre Nicole Kidman rimane sulle tonalità chiare osando un decoro in stile greco... che ci fa tanto pensare alla dea Atena! Charlize Theron, infine, è un sogno in rosa. Semplicemente perfetta.



foto torta da merrybrides.tumblr.com
foto cupcake da notshumblepie.com
Bicolor power

Kate Winslet si lancia in un ottico bianco e nero che rimanda alle caramelle menta e liquirizia, mentre l'algida Angelina è splendida in rosa con un tocco di rosso sanguigno. Bellissime tutte e due (anche se la Kate con il bianco che le fascia i fianchi ha forse osato troppo... o no?)




Black... rivisited
Black is black... insomma intramontabile! E se Julianne Moore e Mila Kunis vanno di total black con modelli classici, Salma Hayek e Zoey Deschanel osano con un tocco di colore: oro la prima, verde smeraldo la seconda. Vi convincono?


Profondo blu

Infine, una menzione speciale per la carinissima e biondissima Michelle Williams, che indossa un maculato blu elettrico e nero: non l'avrei mai detto, invece mi piace... assai! Altro blu, altro stile per la mora Freida Pinto: trés chic!


NB Tutte le foto del red carpet sono di Steve Granitz per WireImage e sono prese dal sito www.hollywoodlife.com
Le altre foto sono state trovate con la ricerca google images : no copyright infrigment intended.

giovedì 12 gennaio 2012

Midnight in Paris & gli gnocchi alla parigina


Qual è, per voi, l'Età dell'Oro? L'epoca in cui sono esistiti gli artisti per voi più grandi, in cui la vostra città preferita scintillava di luce propria ancor più di oggi, rendendo le vite dolci, quella in cui vorreste risvegliarvi se aveste la possibilità di viaggiare nel tempo? Per Gil (Owen Wilson), indubbiamente, l'età dell'Oro erano gli Anni 20 a Parigi
Gil è uno sceneggiatore di Pasadena, che lavora a Hollywood, ma cova l'ambizione di fare il grande salto e scrivere un vero romanzo. Eppure non fa leggere a nessuno le sue bozze, nemmeno alla bella fidanzata Inez (Rachel McAdams), che è sul punto di sposare. A pochi mesi dalle nozze, però, i due approfittano di un viaggio d'affari dei genitori di lei per raggiungere la capitale francese: qui tutto cambia. Gil, complici la bellezza della città e la frustrazione per i continui battibecchi con Inez, lascia correre a briglia sciolta la fantasia e viene premiato con un meraviglioso viaggio indietro nel tempo nella Paris degli anni 20.




Incontrerà Adriana, una seducente modista dalla vita amorosa travagliata (Marion Cottillard, deliziosamente francese, sexy in modo delicato e mai volgare), per cui si prenderà una cotta, conoscerà Hemingway, Picasso, Dalì, Scott Fitzgerald e la moglie Zelda, T.S. Eliot, Gertrude Stein... Difficile non innamorarsi di un'epoca così! 
Tuttavia... è vero o no che tutti noi tendiamo a idealizzare la vita che si vive altrove, in un posto più bello, in un'epoca diversa, con vestiti più chic e automobili d'epoca eleganti? Per scoprirlo Gil si tufferà a pieno in quest'avventura, leggera, ricca di momenti esilaranti e di cammei indimenticabili di attori deliziosi.

Adrien Brody è Dalì
Gil con Hemingway e Gertrude Stein
Zelda e Francis Scott Fitzgerald
Certo gli amanti del Woody Allen degli anni 70 diranno che c'è di meglio, ma si tratta di una commedia garbata e carina che diverte e rilassa, quindi io, personalmente, l'approvo in pieno.
E poi, a fare da cornice a tutto questo, c'è la Ville Lumiere... unica al mondo (con il sole o sotto la pioggia... Chi ha visto il film capirà! :-))

Per accompagnare questa commedia, una ricetta parigina, ma solo a metà. Gli gnocchi alla parigina vengono preparati con un impasto a base di farina, uovo, burro e parmigiano. Io invece ho preparato degli gnocchi di patate, meno pesanti, ma li ho conditi e gratinati come prevede la ricetta parigina.  
Per la ricetta ortodossa vi rimando alla versione che ho letto da lei, sempre bravissima! Quella alleggerita (che poi il condimento basta e avanza per renderli corposi), eccola qua. Ho voluto provare questo preparato che mi aveva spedito tempo fa Molino Spadoni: niente male! Certo, il risultato non è proprio uguale agli gnocchi freschi home made, ma se si decide di farli all'ultimo e si ha poco tempo è una soluzione ottima.


Gnocchi alla parigina
per 2 persone
180 grammi di farina Gnocchi sprint
180 grammi di acqua (io ne ho aggiunta ancora un po' perché non amo gli gnocchi troppo duri)

400 ml di besciamella 
(qui trovate il procedimento, gli ingredienti sono latte, burro, sale, farina e una spolverata di noce moscata)
50 gr di parmigiano grattugiato
30 gr di fontina grattugiata (nella ricetta originale: Gruyere)

Preparate gli gnocchi: basta aggiungere l'acqua alla farina di patate, impastare bene, formare delle strisce, tagliare a tocchetti e passarli su una forchetta per dargli la forma. Preparate la besciamella e poi versatela in una terrina, aggiungete il formaggio grattugiato. Amalgamate bene. Lessate gli gnocchi, tuffateli nella salsa di besciamella e formaggio, mescolate , versate in una pirofila, spolverizzate di parmigiano e infornate a 200 gradi per circa 20 minuti. Gli ultimi 5 minuti date una botta di grill per far gratinare. Attendete qualche minuto e gustate (saranno spazzolati senza pietà!)

lunedì 9 gennaio 2012

And the winner is...

Ci siamo! Abbiamo il vincitore, o meglio la vincitrice, del nostro fantastico contest Sweet Dreams are made of.. Cheese!
Innanzitutto vogliamo dire grazie a tutte voi blogger (e non) che avete partecipato inviandoci le vostre ricette,  un tripudio di dolci tutti favolosi, a base di ricotta, cream cheese ma anche di formaggi meno utilizzati nei dolci, come il brie! Scegliere è stato veramente duro, ma una ricetta su tutte ha colpito i nostri cuori e io e Strawberry Blonde siamo state subito d'accordo nel decretare che meritava la vittoria.
Si tratta della Banoffee dei ricordi di Francesca- Acquolina! Una mini cheesecake soffice, con biscotti al burro, presentata in deliziose coppette di vetro e ricoperta da un goduriosissimo strato di caramello alla banana... Guardate qua.. non è irresistibile? Complimenti a Francesca!


Presto ti spediremo i premi in palio, due libri ricchi di ricette e di spunti interessanti sulla moda e il cinema :-)
Grazie ancora a tutti i partecipanti!

domenica 8 gennaio 2012

Torta di grano saraceno alle mele

Un po' di settimane fa ho acquistato una confezione di farina di grano saraceno: avevo sentito parlare di una torta trentina fatta proprio con questa farina e volevo provarla, ma quando ho cercato la ricetta mi sono trovata di fronte a una bomba di burro e uova (sei, per l'esattezza) e non me la sono proprio sentita di farla come dolcino da normale amministrazione!
Cercando quindi una versione più leggera ho trovato la proposta di Benedetta Parodi nel suo nuovo programma su La 7, I Menu di Benedetta, che va in onda tutti i giorni all'ora di pranzo e che io guardo ogni tanto in replica su La7d, alle 19e 30, in attesa del telegiornale.
La torta in questione contiene una dose più umana di uova e burro e aggiunge le pere. Io ovviamente non potevo che metterci del mio, quindi ho preso la ricetta e l'ho un po' rielaborata: in primis, perché avevo solo una pera e ci volevo mettere le mele, secondo perché mi piaceva l'idea dell'aggiunta di farina di mandorle come previsto nella torta trentina e qui assenti. Vi lascio perciò il link alla ricetta della Parodi e qui di seguito, la mia Torta di grano saraceno con mele e pere.



Torta di grano saraceno con mele e pere

150 grammi di farina di grano saraceno
50 grammi di farina di mandorle
50 grammi di farina 00
100 grammi di burro
120 grammi di zucchero
1/2 bustina di lievito per dolci
3 uova
3 mele + 1 pera (o 4 mele, o 4 pere)
1 limone non trattato
marmellata di mirtilli (io Fiordifrutta Cranberry di Rigoni di Asiago)


Preparate la frutta: sbucciate e detorsolate la frutta, tagliatela a quartini. Spremete un limone e coprite la frutta con il suo succo per non farla annerire. Aggiungete anche un po' di buccia di limone grattugiata. Lavorate il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero. Aggiungete i tuorli d'uovo e mescolate bene, creando una crema. A parte montate a neve gli albumi. Miscelate la farina di grano saraceno con quella di mandorle, la 00 e il lievito. Incorporate le farine alla crema di burro, zucchero e uova. Unite anche gli albumi, mescolando dal basso verso l'alto per non smontarli. Se il composto risulta troppo duro, allungatelo con qualche cucchiaio d'acqua. Prendete tre mele e con l'aiuto di una grattugia tagliatele a fettine molto sottili. Aggiungetele al composto mescolando finché non saranno incorporate in modo omogeneo. Versate l'impasto in una tortiera imburrata, livellate. Prendete la pera (o l'ultima mela) e tagliatela a fettine sottili. Disponetele a raggiera sulla torta. Stemperate 4-5 cucchiai di marmellata di mirtilli nel succo di limone in cui avevate bagnato la frutta e coprite la superficie della torta in modo uniforme. Infornate a 180 gradi per un'ora. Dopo la prima mezz'ora, per evitare che la marmellata si cristallizzi, coprite con un foglio di alluminio: scoprite di nuovo gli ultimi 10 minuti.

venerdì 6 gennaio 2012

New Year Cleanse: dopo i panettoni, per il "panettone"

Buon Anno e Buona befana a tutti! Spero che per tutti voi il 2012 sia iniziato nel migliore dei modi. Io sono andata a coccolarmi tre giorni alle terme e da lì ci siamo mossi facendo un paio di gitarelle. Quando non eravamo in acqua (o in treno, o in giro per deliziose cittadine), mangiavamo. 
Tra cene in albergo, cenoni e pranzi con i parenti e gli amici e avanzi golosi che vagano per casa, tutti i miei buoni propositi sono crollati. Ora mi ritrovo gonfia come non mai e sento l'esigenza di disintossicarmi.
Come già fatto l'anno scorso, vi segnalo a questo proposito l'ultimo numero della newsletter Goop, che porta la firma di Gwyneth Paltrow, la bellissima attrice che abbiamo visto sugli schermi ultimamente in Contagion, il thriller catastrofico di Soderbergh, e che ha appena finito di girare il terzo episodio di Iron Men 3 e a The Avengers.



Ora, il programma completo si chiama Clean e prevede l'acquisto di un kit con complessi multivitaminici, integratori proteici e polverine con cui prepararsi gli smoothie mattutini e zuppe serali... ma, visto che non siamo qui per farci infinocchiare, vi segnalo semplicemente qualche spunto e ricetta per disintossicarvi.
Il regime di "ripulisti", infatti, prevede, una "elimination diet" che vieta tutti gli alimenti allergizzanti, cause di sensibilità e problemi digestivi.
La lista completa la potete leggere su questo documento a pagina 9 e contiene parecchie sorprese, perché tra gli alimenti da evitare ci sono anche alcuni frutti e vegetali.
Riassumendo, dobbiamo eliminare:
- tutti i latticini, compresi latte, yogurt, burro e formaggi magri
- uova
- salumi, carne di maiale, carne di manzo, crostacei
- prodotti a base di soja
- riso bianco, frumento, mais, farro, kamut, avena (anche senza glutine)
- arance, banane, uva, fragole
- pomodori, melanzane, peperoni e patate
- tutti i grassi animali e idrogenati (no burro, no margarine, no maionese)
no anche a zucchero raffinato, cioccolato, caffè, bibite e salsine varie.

Ora avrete gli occhi sbarrati e vi chiederete.. e quindi cosa possiamo mangiare?
- tutte le altre verdure, bollite, al vapore o grigliate.
- al posto del latte di mucca, vari tipi di latte vegetale: latte di cocco, latte di riso e di mandorla, in pratica.
- riso selvaggio, integrale e rosso. Miglio, amaranto, tapioca
- pesci di acque fredde come salmone, trota, tonno, sardine, aringhe
- carne di coniglio, agnello, anatra, pollo e tacchino bio
- piselli, lenticchie, alga bruna
- semi di sesamo, zucca, noci pecan, noci, nocciole, mandorle, pistacchi
- come condimenti: olio evo, olio di girasole, olio di cocco e di mandorle, aceto
- da bere, oltre all'acqua, tè bianco e nero, succhi di frutta.

OK, dopo l'elenco vi sembra ancora più difficile, vero? Anche a me, ma se l'intero programma detox prevede 21 giorni così con beveroni mattina e sera, io credo che un paio di settimane di questa Elimination diet siano più che sufficienti per ripulirsi ben bene!
A pagina 21 del doc, inoltre, spiega come individuare i cibi che per noi sono effettivamente allergizzanti o dannosi, reintroducendo uno degli alimenti eliminati alla volta, e osservando eventuali reazioni del corpo (mal di testa? muco? stanchezza? sonno agitato?). Allora dovreste procedere a un secondo test. Nel documento trovate uno schema da seguire.
In ogni caso, che vogliate iniziare il cleanse o no, eccovi un paio di ricettine piuttosto facili e fattibili e che, dopo le mangiate delle feste, male certamente non fanno :-)

da Goop
Pollo e broccoli al salto
(x 1 persona)
1 testa di broccolo
120 grammi di pollo a pezzettini
1 cucchiaino di zenzero grattugiato
1 spicchio di aglio
2 cucchiaini di olio di sesamo
1 cucchiaino di tamari (salsa di soja senza glutine)
1 manciata di semi di sesamo 

Tagliare i broccoli in cimette, lessarli per qualche minuto e tenerli da parte. In un wok saltare il pollo con l'olio di sesamo e lo zenzero, poi i broccoletti e il tamari. Servire coprendo di semi di sesamo.

Da Goop
Involtini di cavolo e salmone 
250-300 grammi di salmone tagliato a pezzi rettangolari
3 grosse foglie di cavolo verde
2 fogli di alga nori (tagliati in 8 rettangoli)
1 finocchio, affettato finemente
2 carote, affettate finemente
1 pezzo di zenzero, sminuzzato
1 spicchio di aglio, tritato
120 ml di olio di sesamo
120 ml di aceto di riso
coriandolo
senape

Preparate la marinata mescolando olio, aceto, senape, aglio e zenzero in una terrina. Mettete il salmone a insaporire nella marinata per circa mezz'ora.
Preparare dei rotolini con le foglie di cavolo tagliate a metà, coperte con il salmone, un po' di striscioline di finocchio e carote irrorate di marinata e arrotolate. Cuocete a vapore per 5 o 6 minuti e servite con riso selvaggio e lime. Secondo me vengono buoni anche al forno!
Buon detox!

#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...