domenica 19 febbraio 2012

Jane Eyre vs Jane Eyre: Fukunaga vs Zeffirelli. E i pangoccioli della domenica


Oggi vi parlo di un classico della letteratura inglese: Jane Eyre, di Charlotte Bronte, di cui esistono -pare- ben 18 (no dico... 18!) trasposizioni cinematografiche e/o televisive. Io però mi fermo a due: la versione di Zeffirelli, del 1996, e l'interpretazione di Cary Fukunaga, del 2011, e le metto a confronto.
Le due versioni, pur raccontando la stessa storia, sono differenti per struttura, atmosfere, luci, personaggi. La versione di Zeffirelli è lineare nella narrazione ed essenziale nei dialoghi e, come un'opera teatrale ben realizzata, delinea in pochi tratti le emozioni dei protagonisti e l'essenza della storia. Sullo sfondo pochi paesaggi e una Thorfield molto lussuosa, confortevole e squisitamente inglese.
Il film di Fukunaga gioca invece con una struttura a flashback, che parte dalla fuga di Jane da Thornfield: comprime poi l'infanzia della ragazza per focalizzarsi sulla sua permanenza nel castello. Mostra il lato più umano dei protagonisti, rivelandoci le loro fragilità, il loro tormento interiore. L'evoluzione del rapporto tra Jane e Mr Rochester è affidata a dialoghi audaci e ben costruiti, che ci fanno intuire i motivi della loro attrazione reciproca. 
I colori e i toni sono più cupi rispetto alla versione di Zeffirelli e il paesaggio è molto più presente, facendo da specchio alle sensazioni dei protagonisti. 
E Jane?
La Jane quasi bionda di Mia Wasikowska e quella pallida e bruna di Gainsbourg
Charlotte Gainsbourg, pallida e con la chioma scura, la mascella rigorosa e gli occhi tristiè la Jane di Zeffirelli ed è, a mio avviso, talmente perfetta nel ruolo da essere insuperabile. Mia Wasikoswka, pur mostrando intensità e ottime capacità espressive, a momenti lascia emergere un lato naturalmente giocoso e fanciullesco (forse dovuto alla giovane età, o ai lineamenti più dolci) che la Gainsbourg era riuscita invece a sopire del tutto, aderendo maggiormente all'immagine letteraria di Jane.

Edward Rochester nelle interpretazioni di Fassbender (sin) e Hurt
Il divo del momento, Michael Fassbender, è l'Edward Rochester di Fukunaga. Un personaggio che appare meno distante e più carnale rispetto all'interpretazione di William Hurt, pur impeccabile. La regia di Fukunaga ci lascia capire qualcosa in più di questo personaggio che nella versione di Zeffirelli rimane austero, aristocratico e impenetrabile dall'inizio alla fine. Quindi, lo preferisco. Merito degli occhi blu? Non so, potrebbe anche essere colpa dell'innegabile fascino dell'attore!
Entrambe le pellicole, quindi, sono buone trasposizioni cinematografiche e hanno dei punti forti: quella di Fukunaga è più moderna, ma la poeticità di Zeffirelli resta decisamente un plus. Le approvo tutte e due: io, che amo il genere, sono stata capace di guardarmi Jane Eyre del 1996 il giorno prima e quello del 2011 il giorno dopo :)

Se volete seguirmi in questa maratona, cosa c'è di meglio di una sostanziosa -e golosa- colazione domenicale? Magari a base di deliziosi panini di pan brioche con gocce di cioccolato e caffelatte fumante. 


Panini di pan brioche con gocce di cioccolato
(dose per circa 12 panini) 
500 grammi di preparato per Pan Brioche Molino Spadoni
1 bustina di lievito disidratato (presente nella confezione)
280 ml di acqua
gocce di cioccolato qb

Miscelare la farina con il lievito, aggiungere l'acqua tiepida e impastare per circa 10 minuti. Creare una palla di pasta, metterla in un recipiente coperto a lievitare per circa mezz'ora in un posto caldo (io, con queste giornate fredde, l'ho messo in forno impostato a 35-40 gradi con luce accesa.
Dopo la prima lievitazione, lavorare di nuovo l'impasto e riporlo a lievitare nuovamente per circa 2 ore. Una volta lievitato, prendete l'impasto, stendetelo con un mattarello fino a creare un rettangolo. Copritelo di gocce di cioccolato fondente, arrotolate e iniziate a impastare di nuovo. Una volta che avrete amalgamato le gocce in modo uniforme, create con le mani delle palline di pasta della dimensione inferiore a un palmo. Adagiatele ben distanziate su una teglia ricoperta di carta forno. Cuocete i panini (in due tornate) a 200 gradi per circa 20 minuti.  Avrete dei "pangoccioli"fatti in casa e quindi ancora più buoni e genuini.
Io avevo anche delle uvette da finire perciò una parte di pan brioche l'ho impastata con quelle, creando un filoncino. Molto buono anche quello (lo vedete a fettine sul piattino nella foto).
E ora... buona colazione!

32 commenti:

  1. concordo, specie sulla gainbourg! anche perchè DICIAMOLO Jane eyre era bruttina, mia è troppo bellina secondo me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh ce l'hanno messa tutta a non valorizzarla, cmq, ma Charlotte è più credibile! ciao!

      Elimina
  2. Mai visto quel film...mannaggia! PErò i pangoccioli li conosco...eccome se li conosco! A volte li faccio pure io...sono la colazione più buona del mondo! ;-)

    RispondiElimina
  3. questo fil mi manca!!! ma che delizia i tuoi pangoccioli!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera gloria! :) intanto ti do un pangocciolo!

      Elimina
  4. che bel film, l'ho visto tanto tempo fa e i tuoi pangoccioli sono squisiti :-))

    RispondiElimina
  5. Ciao Passiflora!! Lo sai che la mia colazione quotidiana (domenica compresa) consiste in una tazzona fumante di caffè e un pangocciolo?? Senza pangocciolo la mattina non può cominciare. Questa ricetta la copio subito, non oso immaginare come saranno buoni e la farò sicuramente!!! Buona domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai?? Questi li ho fatto con il preparato, la prossima volta però facciamo tutto dall'inizio.. e saranno ancora meglio! buona domenica anche a te!

      Elimina
  6. la mia versione preferita è quella con Timothy Dalton http://www.youtube.com/watch?v=aOxpt0oGCDg
    Anche se quello strafigo di Michael Fassbender non me lo fa rimpiangere molto :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarderò anche quella, che mi hanno segnalato! Fassbender: ci siamo capite :)

      Elimina
  7. E io non ne ho vista nemmeno una! Inizierei dai pangoccioli che mi sembrano facili e poi continuo con l'interpretazione di quel bel fiolo di Fassbender, occhi e palato soddisfatti!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono facilissimi, se usi il preparato poi non puoi sbagliare :)

      Elimina
  8. mhhhhh, questi pangoccioli sono proprio supeinvitanti!!! Vanno bene anche per la colazione del lunedì? :) Un abbraccio*a

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che sono perfetti per addolcire il lunedì mattina...

      Elimina
  9. Io adoro questo film ho visto le vecchie versioni e ho letto il libro in una versione sola, ma sia film che libro li ho riviste e riletti 4 volte, e ora voglio vedere anche il nuovo!!!!! E questi dolci panini sono perfetti per una serata divano-film con caffè latte!!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, quando vedi il nuovo mi dirai! l'opzione breakfast for dinner è una delle mie preferite quando non mi va di cucinare, ho voglia di dolce ma non voglio mangiare troppo!

      Elimina
  10. Dei pangoccioli davvero perfetti e invitanti,per una serata davanti a un buon film.
    Un bacione e buona serata.

    RispondiElimina
  11. Ho letto il libro tutto d'un fiato un bel po' d'anni fa ma i film me li sono persa entrambi...nuova eh? A colazione invece non vorrei perdermi questi golosi panini con le gocce. Ma starebbero bene anche in un coccoloso dopo cena davanti alla TV. Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. decisamente anche per il dopocena sono OK! :) a presto!

      Elimina
  12. Il nuovo film di Jane Eyre mi ispira non poco, appena posso mi affitto il dvd!Magari me lo guardo mangiandomi uno di questi golosi pangoccioli!

    RispondiElimina
  13. Concordo pienamente con al tua critica e ....fare un incrocio tra i protagonisti? :-D
    Mentre nulla da eccepire sui protagonisti della tua ricetta! Mi sembra perfetta così com'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un incrocio, buona idea! ci vuole un terzo regista allora!

      Elimina
  14. ciaoo
    buongiorno
    http://laracroft3.skynetblogs.be
    http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  15. Io ho visto solo la versione di Zeffirelli e mi è piaciuta tantissimo.
    COmodo il preparato per brioche.

    RispondiElimina
  16. Jane Eyre rimane sempre uno dei miei romanzi classici preferiti; dei due film ho preferito molto di più quello di Zeffirelli anche perché l'immagine mentale che ho di Jane è sempre stata quella del volto di Charlotte Gainsbourg, me la immagino esattamente così! La Wasikowska l'ho trovata troppo bambina e, come dici tu, dolce, per questo ruolo!
    Buone le brioche :D

    RispondiElimina
  17. ho visto solo la versione di Zeffirelli e l'ho apprezzata molto, sono curiosa di vedere anche l'altra.
    ottima la colazione con i pangoccioli... sono strabuoni!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  18. Beh devo dire che mi spiace molto averti perso finora. Gran bel blog, oltre a ottime golosità anche belle recensioni... adesso mi dovrò mettere in pari e andare a spulciare bene bene. Grazie per essere passata, almeno ti ho conosciuta!!

    RispondiElimina
  19. conosco il libro e la versione di Zeffirelli che ricrea qull'atmosfera. Pur non amando troppo questo regista il film devo dire che mi è piaciuto. Altre ver4sioni non ne ho viste, dovrò colmare la lacuna. Quanto ai pangoccioli, anche questa è una lacuna da colmare; a vederli sembrano davvero "comprati" e buoni e soffici. Insomma, impeccabile come sempre! Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Anch'io adoro il libro e mi piace il film... amo Charlotte Bronte, la rileggerei all'infinito; anche i tuoi pan goccioli, però, mi solleticano molto... mi sa che proverò presto a farli anch'io!!!!
    A presto!
    Laura

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

Golden Globes 2019: i vincitori e il red carpet!

La scorsa notte sono stati consegnati i Golden Globes, i premi della Hollywood Foreign Press Association che anticipano e spesso predi...