sabato 29 dicembre 2012

Mousse di cioccolato e un film per Capodanno



Non so voi ma questi giorni di festa non ho fatto altro che mangiare: primi sfiziosi al forno, faraone, salmone affumicato, insalata russa, noci, lichees, pezzi di panettone, biscotti di natale, assaggi di torrone. Stamattina ho battezzato un nuovo rotolino sulla pancia mentre i fianchi si allargano a dismisura: il problema è che non ho nessunissima voglia di smettere, anzi, più mangio, più mangerei :-) Tra le creazioni di questo periodo di perdizione gastronomica, c'è questa mousse di cioccolato che ho preparato per una cena con degli amici. E' molto, molto cioccolatosa: mettendola nei bicchierini potreste pensare che sia un po' scarsa, ma vi assicuro che la dose è più che sufficiente: è una mousse corposa e a un certo punto penserete che non potete finirla. Passati 5 minuti però il richiamo del cioccolato sarà più forte e magicamente avrete la forza di arrivare in fondo! :) Provatela e mi saprete dire, qui è piaciuta a tutti.




Mousse di cioccolato
per 6 persone
250 grammi di cioccolato fondente al 70%
1 pezzetto di burro (10 gr circa)
4-5 cucchiai d'acqua
2 uova
2 cucchiai di zucchero
200 ml di panna fresca
per guarnire: Chocaviar Venchi

Spezzettate il cioccolato e scioglietelo in un pentolino a bagnomaria. Quando sarà quasi completamente sciolto aggiungete il pezzetto di burro e qualche cucchiaio d'acqua. Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero nella planetaria, per qualche minuto, fino a ottenere una crema chiara e gonfia. Unite i tuorli montati al cioccolato ancora a bagnomaria, mescolate bene finché le uova non saranno assorbite. Montate a neve gli albumi e montare la panna. In una scodella incorporate prima gli albumi e poi la panna alla crema di cioccolato, lentamente e con movimento dal basso verso l'alto, facendo attenzione a non smontarli. Trasferite il composto in un sac a poche monouso, tagliare la punta e riempire 6 bicchierini. Guarnite con un po' di Chocaviar o scaglie di cioccolato (oppure frutti di bosco, se preferite) e la vostra mousse è pronta. Lasciate riposare in frigo per almeno un'ora. Togliete i bicchierini dal frigo circa 20 minuti prima di consumare la mousse. 

Se avete in programma una cena per l'ultimo dell'anno, potete preparare queste mousse al posto (o accanto) ai soliti panettoni e pandori. Se invece non vi va di passare la serata tra cotechini, lenticchie e petardi e avete voglia di qualcosa di alternativo, potete dire no al cenone di San Silvestro e prendere in considerazione l'idea di passare la serata al cinema. O andarci il pomeriggio di Capodanno, quando sarete annoiati a casa dopo l'ennesimo pranzo.
Cosa c'è da vedere? Ecco una selezione di ciò che potete vedere al cinema in questi giorni.

Vita di Pi
di Ang Lee


La regola del silenzio
di Robert Redford


Ralph Spaccatutto
Walt Disney



Love is all you need
di Susan Bier


Lo Hobbit 
di Peter Jackson




lunedì 24 dicembre 2012

Il Panettone: la ricetta per un Natale perfetto



Stamattina ho tagliato con grande soddisfazione il mio primo panettone! Già da un po' di tempo avevo in mente di cimentarmi con questo dolce meraviglioso che rappresenta più di ogni altro il Natale e quest'anno ho deciso di provarci. Avvertenze per chi avesse voglia di fare lo stesso? Necessari degli ingredienti di ottima qualità, una planetaria, pazienza e tanto ammore!
Bando alle ciance, che domani è Natale, e quindi vi lascio la serata libera per i vostri cenoni e/o visioni collettive dei vostri migliori film natalizi di sempre. Dopo ci torniamo, intanto eccovi LA RICETTA! 
La ricetta è presa da Gennarino, la trovate a questo link  , integrata con alcuni dettagli tecnici che ho ricavato qua e là in rete, in particolare dai consigli di Adriano di Profumo di lievito. Questo è panettone con il lievito di birra, dato non sono una coltivatrice di lievito madre all'occorrenza vado di panetti a go go :-)
Insomma rispetto alla ricetta originale troverete le mie osservazioni.
Queste dosi (doppie rispetto all'originale) basteranno per 2 panettoni da un chilo oppure per 1 panettone da un chilo e due da mezzo chilo. Come vi dicevo, è una preparazione lunga, perciò armatevi di tanta pazienza. La farina che vi servirà è quella forte, va bene la Manitoba del supermercato. 


Panettone con lievito di birra
Dosi: per due panettoni da 1 kg

1 IMPASTO
Ingredienti:
16 grammi di lievito di birra
150 grammi di farina
80 grammi di acqua (io anche 100)

Sciogliere il lievito in acqua tiepida, aggiungere la farina, impastare velocemente e lasciare lievitare per almeno un'ora e comunque fino al raddoppio del volume. Avremo così ottenuto la BIGA. Io ho iniziato la lavorazione il sabato dopo pranzo, verso le 14e30. Alle quattro la biga era pronta.

2 IMPASTO
Ingredienti:
Biga
300 grammi di farina
9 grammi di lievito (nella ricetta originale: 3; io ho finito il panetto)
70 grammi di zucchero
2 uova intere
80 grammi di burro ammorbidito a temperatura ambiente

Nella planetaria con gancio per lievitati impastare (a velocità prima bassa e poi media) la biga con il rimanente lievito, sciolto in poca acqua. Aggiungere quindi la farina e poi le uova, una per volta: attendere il completo assorbimento del primo uovo prima di aggiungere il secondo. Quando l'impasto sarà ben omogeneo, aggiungere lo zucchero e continuare a impastare per qualche minuto. A zucchero assorbito, aggiungere il burro ammorbidito a pezzetti, un po' alla volta, in modo da lasciare il tempo all'impasto di assorbirlo gradualmente. Quando l'impasto sarà ben incordato e si staccherà dalla ciotola, sarà pronto per il secondo riposo e lievitazione. Lasciate lievitare in luogo caldo e asciutto per un paio d'ore e comunque fino al raddoppio.

3 IMPASTO
Ingredienti:
Secondo impasto
600 grammi di farina 
240 grammi di zucchero 
2 pizzichi di sale
4 uova intere
4 tuorli 
16 grammi di miele 
230 grammi di burro
300 grammi di uvetta
230 grammi di cedro e arancia canditi a pezzetti
1 bacca di vaniglia
scorza di due limoni e un arancio

L'uvetta va messa a bagno in rum e acqua tiepida. Se dovete lavorare l'impasto in una planetaria domestica, con capienza 500-700 grammi di impasto, dovrete fare come me, ovvero dividere il secondo impasto e tutti gli ingredienti in due e procedere alla creazione del terzo e ultimo impasto in due fasi. 
Prendere la prima metà del secondo impasto e impastarla nella planetaria con farina, miele e uova. Sempre un po' alla volta: un uovo, un po' di farina, uovo, farina e via via fino a che non avrete finito gli ingredienti e l'impasto sarà bello asciutto. A questo punto unite, un po' alla volta, lo zucchero e il sale. Una volta ben assorbito lo zucchero, procedete con il burro ammorbidito, sempre  gradatamente. Infine aggiungete gli aromi, continuando a impastare: unite i semi della bacca di vaniglia, la scorza grattugiata di limone e arancia (bio, mi raccomando), i canditi e infine le uvette ben strizzate. Lasciate incordare.
Procedete allo stesso modo con l'altra metà di secondo impasto e relativi ingredienti. Mettete a riposare l'impasto. Per quanto mi riguarda, a questo punto erano tipo le nove di sera, e poiché non avrei potuto concludere la lavorazione di notte, ho diviso l'impasto in tre ciotole e ho messo tutto in frigo coperto da pellicola trasparente. Il riposo in frigo infatti è indicato, migliora la struttura dell'impasto e lascia il tempo agli ingredienti di amalgamarsi bene. 

LA MATTINA DOPO
Ho tolto i panettoni dal frigo e ho aspettato un paio d'ore perché l'impasto tornasse a temperatura ambiente. Ho messo l'impasto nelle forme (io una da 1 kg, 2 da mezzo chilo e poi avevo un avanzino che ho messo in un impasto a cerniera -non avevo altri pirottini piccoli-, avrei potuto stare più abbondante in realtà, ma l'ho scoperto dopo, temevo si gonfiassero troppo), ho operato un taglio a croce al centro della cupola e ho lasciato lievitare. L'impasto deve raggiungere il livello degli stampi di carta, ci vorranno almeno tre ore, io in realtà li ho lasciati di più. 

COTTURA
Inserire un pezzo di burro nel centro della cupola. Cuocere i panettoni a 180 gradi per circa 50- 60 minuti a seconda della dimensione. Io ho cotto il grande da solo per quasi un'ora, i piccoli insieme per poco più di 50 minuti. Estraete dal forno e mettete a raffreddare a testa in giù: io li ho "infilzati" sul fondo con degli stecchini per spiedini e messi sospesi tra due sedie (spero di essermi spiegata.. se non è chiaro chiedetemi pure). Quando saranno freddi infilate in un sacchetto trasparente alimentare e chiudete ermeticamente. Consumate quando volete.. anche subito.. è delizioso!!




Con questa ricetta il Natale è assicurato. Ma se vi servisse un rinforzino ricordate che potete accendere la tivù (la programmazione di questi tempi è la stessa ogni anno!!) o il dvd di: 

Una poltrona per due (in onda proprio ora, 24.12, su Italia1)


L'amore non va in vacanza


La fabbrica di cioccolato


Piccole Donne


Insonnia d'amore



... e molti altri titoli che potete vedere qui, nel post natalizio dell'anno scorso, abbinato allo Stollen, altro dolce veramente super e da provare (che ho rifatto anche quest'anno)

Buon Natale a tutti voi amici di blog o lettori di passaggio che siete capitati qui per caso: auguri!

giovedì 20 dicembre 2012

Ruby Sparks. Chocolate & Cinnamon Crinkles Cookies




Domenica scorsa sono andata al cinema al pomeriggio, come piace a me, insieme alla mia amica Fra. Siamo andate a vedere Ruby Sparks, che ci ha commosso e divertito, e poi abbiamo fatto un giro e ci siamo fermate a bere un caffè.

Le ho portato un po' di questi biscotti che le sono piaciuti molto e sono sicura che conquisteranno anche voi. Si tratta dei famosi biscotti al cioccolato con le crepe, che avevo già visto tempo fa sul blog della mia amica Monica, senza mai realizzarli. Alla fine ho optato per la ricetta di Joyofbaking, che è leggermente diversa nelle proporzioni (più cioccolato, meno farina.. giusto per stare leggeri! ahahah), ma ci ho voluto mettere un tocco natalizio. Così l'impasto è stato arricchito da un cucchiaino colmo di cannella e anche lo zucchero a velo in cui vanno passati i biscotti è stato aromatizzato con la cannella. Il risultato? Semplicemente irresistibile.

Si tratta di biscotti croccantini fuori e morbidi dentro, simili nel sapore a un brownie. Uno tira l'altro, non mi resta che dirvi.. provateli!



Chocolate & Cinnamon Crinkles Cookies 
50 grammi di burro
230 grammi di cioccolato fondente di buona qualità (da 60% cacao fino a 80% a seconda del vostro gusto), spezzettato grossolanamente
100 grammi di zucchero
2 uova grandi
2 cucchiaini di polvere di cannella
200 grammi di farina
1/4 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di lievito in polvere
Topping:
110 grammi di zucchero a velo
1 cucchiaino di cannella in polvere

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato e il burro. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Nel mixer sbattete le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto cremoso e gonfio, di colore giallo chiaro. Aggiungete il composto di cioccolato raffreddato e amalgamare nuovamente. In una ciotola a parte mescolate la farina, il sale e il lievito e un cucchiaino di cannella in polvere. Aggiungete gli ingredienti secchi al composto di cioccolato, mescolando finché non sarà incorporato. Coprite con della pellicola trasparente e conservate in frigorifero per un'ora. Preriscaldate il forno a 180 gradi. Mettete lo zucchero a velo setacciato in una ciotola poco profonda con un po' di cannella. Con l'impasto freddo impastate delle palline del diametro di circa 3-4 cm e rotolatele nello zucchero a velo e cannella. Mettete le palline ricoperte di zucchero su una teglia coperta di carta da forno. Otterrete 35-40 biscotti. Secondo la ricetta originale vanno cotti 10 minuti, io ho protratto a 13. 



Dicevamo Ruby Sparks. Chi è Ruby? E' una ragazza di ventisei anni, uscita dalla penna e dalla testa di Calvin, giovane scrittore in crisi creativa. E' l'esercizio stilistico che gli affida il suo psichiatra e che si trasforma in un'inaspettata, magica, avventura d'amore. La relazione amorosa, le dinamiche che instauriamo e le illusioni che ci facciamo sulla persona che sta con noi sono le vere protagoniste di questo surreale, folle eppure convincente racconto.
La sceneggiatura è opera della stessa Ruby, o meglio dell'attrice Zoe Kazan, protagonista del film insieme al fidanzato Paul Dano (ricordate il fratello muto di Little Miss Sunshine? Proprio lui). E Little Miss Sunshine c'entra perché i registi, una coppia, sono gli stessi di questo film, ovvero Johanatan Dayton e Valerie Faris. Un film dall'animo indie, che vi farà riflettere sulla natura dell'amore, ma mai in modo pesante e malinconico. Davvero da vedere, magari insieme a un'amica e dei chocolate crinkle cookies :-)




giovedì 13 dicembre 2012

Argo: Yakh dar behesht! Che avete capito? è un budino (persiano)



Arrivo tardi a parlare di questo film, ormai potete leggerne la recensione un po' ovunque. Ma, come avrete probabilmente già sentito, Argo è un film che merita: storia, politica, spionaggio, tensione: il tutto ben miscelato, dosato e ritmato. Una bella sceneggiatura. Un'alternanza di atmosfere e di registri che rispecchiano le sensazioni, il mood e il clima del luogo e della situazione politica. E poi Ben Affleck.
Sì, Ben Affleck.
Se siete come me, quando divenne famoso (quindici anni fa?), lo avrete trovato carino ma un po' inespressivo e basta. Però vi sarete intrippate di brutto con Will Hunting, genio ribelle e in seguito con il lacrimevole Bounce, con la Gwyneth.
Ma poi a rovinare tutto è arrivata la love story super paparazzata con Jennifer Lopez (..no dico, Ben, da Gwyneth a Jennifer Lopez... parliamone) e di quel film osceno, Gigli, che faceva più schifo dei cinepanettoni dei fratelli Vanzina.

B: "Sono più bello e più alto di te eppure Hollywood
ti ama alla follia.. com'è possibile?"
M: "Non mi sono mai messo con Jennyfromtheblock"

E allora, come me, avrete deciso che Ben era un cerebroleso, che quell'espressione un po' fissa era dovuta a mancanza di grandi riflessioni interiori e ai cicchetti che si scolava notoriamente senza ritegno. Poco importava che la sceneggiatura da Oscar di Will Hunting l'avesse scritta lui insieme a Matt Damon. Uno che si faceva fotografare lingua in bocca con JLo e immortalare sul panfilo nel video di lei che canta "I'm still - I'm still - Jenny from the block", non poteva essere degno di nota.
Poi Ben e JLo si sono mollati. Deo gratia.

J: "Ben..."
B: "Sì..?"
J: "Abbiamo fatto un film di m"
B: "Lo so, ma siamo fichi"

A culona, ora con Ben ce sto io!

Dopo un po' Ben è tornato in sè. Ha iniziato a frequentare un'altra Jennifer, Garner, molto più fine e simpatica di quella strappona della Lopez, e ha deciso di fare film seri (oltre che tre bambini), come Hollywoodland, per cui ha vinto la Coppa Volpi nel 2006 (Sì, avete capito giusto, Ben Affleck ha vinto la Coppa Volpi al Festival del cinema di Venezia, fatevene una ragione),
Dopo di che si è lanciato dietro la macchina da presa e ha fatto tre film da regista, uno meglio dell'altro. E qui non recita neppure male. Allora non resta che dire ok, Ben Affleck, la tua faccia quando reciti si muove un po' pochino, ma ti avevo sottovalutato, sei bravo.

Io? beh, modestamente...
Veniamo ad Argo. Siamo nel 1979 e l'ambasciata americana di Teheran (Iran) viene attaccata dai rivoluzionari che vogliono l'estradizione dello Scià, fuggito negli Stati Uniti dopo il rovesciamento del suo regno. Gli iraniani sequestrano i dipendenti, tranne sei, che riescono a fuggire e si rifugiano a casa dell'ambasciatore canadese.
La CIA a questo punto è chiamata organizzare un'operazione di esfiltrazione per fare uscire i sei clandestini dal paese e chiama Tony Mendez (Affleck), esperto in materia. Questi elabora un piano a dir poco improbabile, ovvero fingere che i sei siano una troupe cinematografica in Iran per i sopralluoghi negli altipiani e nei deserti del paese in vista dello shooting di un film di fantascienza, Argo. Ma non ci sono alternative meno folli e Mendez vola a Hollywood, compra una vera sceneggiatura, con l'aiuto di un regista (Alan Arkin) annuncia la produzione alla stampa in modo da dare credibilità al progetto e ottenere il permesso di entrare e uscire dal Paese dal Ministero della cultura iraniana. Inizia così l'avventura di Mendez, che vola in Iran per recuperare i sei fuggiaschi, consumati dalla tensione e dalla paura di essere scoperti.
Vi lascio scoprire da soli il resto di questo bel film, pieno di attori perfetti per i ruoli, accurata ricostruzione storica, ottimi costumi, tanta tensione e battute sagaci.



E per accompagnare la visione, una ricetta persiana. Sì, stavolta mi sono impegnata e ho fatto un po' di ricerche per trovare una preparazione di origine iraniana che fosse semplice da preparare anche a casa. Questa lo è al 100%! Andrebbe guarnita di pistacchi, io ho usato le mandorle perché ero sprovvista. La amerete se vi piacciono i budini, ma la odierete se non vi piace il cardamomo. In tal caso potete ometterlo e abbondare con la vaniglia, invece. Ecco a voi lo Yakh dar behesht, ovvero il Ghiaccio in paradiso!



Budino di farina di riso alla vaniglia e cardamomo
Yakh dar behesht - Ghiaccio in paradiso

per 4 budini
500 ml di latte
40 grammi di farina di riso
80 grammi di zucchero
6 semini di cardamomo
1 stecca di vaniglia
mandorle e pistacchi per decorare


Sciogliere la farina di riso nel latte, aggiungere lo zucchero, i semini di vaniglia e di cardamomo. Mettere su fuoco dolce e cuocere mescolando in modo continuativo per evitare la formazione di grumi. Non appena si comincerà ad addensare, abbassate la fiamma e procedete nella cottura per due- tre minuti. Versate in ciotoline, guarnite con mandorle e pistacchi e lasciate raffreddare. Una volta tiepido mettete in frigo fino a pochi minuti prima del consumo.

lunedì 3 dicembre 2012

Dejà vu: torta di mele (ancora, ma diversa)



State avendo un dejà vu? Eh già, un'altra torta di mele. Ma non ne avevi già parlato qui, qui, qua, qui e pure là? Sì... ma in fondo chi di voi non va pazzo per le torte di mele? Lo sapevo, la adorate tutti!
Nei giorni scorsi abbiamo disquisito con alcune amiche di blog sulla folle passione che tutte nutriamo verso questo dolce. La verità è che la mela è in grado di rendere meravigliosa ogni ricetta e sebbene ciascuno di noi abbia la sua versione preferita - la torta di mele che si fa a occhi chiusi, quella che non serve il ricettario e a volte nemmeno pesare gli ingredienti - è anche vero che chi la ama davvero, sta torta di mele, è sempre animato da un'atavica e vorace necessità di provarne altre, nuove, diverse, di ogni foggia, per allargare continuamente i propri orizzonti pasticceri... sia mai che se ne assaggi una più buona, da cui carpire qualche dettaglio o proprio da copiare. E così: mele dentro o mele sopra, dentro e sopra, pie, pastine, frolla, brisé, crust, impasto, olio o burro, farina 00 o integrale, uvetta, non uvetta, cannella o vaniglia o limone o di  tutto un po'... chi più ne ha più ne metta.
In un noioso pomeriggio di convalescenza mi sono messa a preparare una torta di mele leggera per la merenda e la colazione e mi sono accorta che mi mancavano due dei dogmi fondamentali per la MIA torta di mele, ovvero cannella e burro. Ho quindi deciso che era l'occasione per sperimentare ancora e farne una un po' diversa.
Come? Facendo -ovviamente- di testa mia e sperimentando un mix di farine e l'aggiunta dei fiocchi d'avena. Il risultato è un dolce semplice, dalla grana rustica ma dal sapore delicato e - chevvelodicoaffà- delizioso e quindi, se come me siete patite delle torte di mele e sempre alla ricerca di nuove varianti, ecco un po' di pane -pardon-, torta, per i vostri denti.



Torta di mele rustica con fiocchi d'avena
4 mele Golden
succo di 1/2 limone
120 grammi di farina integrale
50 grammi di farina di grano saraceno
50 grammi di fiocchi d'avena tritati al mixer e ridotti in farina
3 cucchiai di fecola di patate
1/2 bustina di lievito
130 grammi di zucchero
1/2 bicchiere di latte
1/3 bicchiere di olio evo (o 4-5 cucchiai)
1 punta di cucchiaio di zenzero in polvere
2 uova grandi

Pelare, detorsolare e tagliare a fette le mele. Tritare al mixer i fiocchi d'avena fino a ridurli a una grana poco più grossa della farina. Mescolarli alle farine insieme a fecola, zenzero e lievito. Montare le uova con lo zucchero in una terrina. Aggiungere alle uova montate mezzo bicchiere di latte e l'olio. Versare le farine nel composto e amalgamare bene. Versare due terzi delle fette di mele nell'impasto e mescolare: riempire con il composto una teglia rivestita di carta da forno. Disporre le fette di mele rimanenti sulla torta a raggera, cercando di farle entrare per almeno metà nell'impasto. Spolverizzare di zucchero. Infornare per 45 minuti a 180 gradi.

Vi è sembrato di aver già vissuto questa ricetta un milione di volte? Volete suggerirmene una migliore? Io sono qui apposta per provare la vostra ricetta doc, all'infinito, in un deja vu che si ripete. 




Un Dejà vu come quello vissuto da Denzel Washington, nell'omonimo film d'azione diretto da Tony Scott nel 2008. In una New Orleans post uragano Katrina l'agente Carlin deve indagare sull'attentato terroristico che ha fatto esplodere un traghetto fluviale, uccidendo centinaia di passeggeri. Tra i morti, una bella ragazza che provoca nel nostro Denzel un sentimento di disperazione: sente di averla infatti già conosciuta e amata. Durante l'indagine scopre l'esistenza di un'unità speciale supertecnologica, arrivata a costruire un ponte tra passato e presente per scopi di indagine, con l'unica regola di non dover alterare il flusso del tempo. Ma la voglia di salvare la bella sconosciuta è troppo forte e Denzel decide di giocare con il fuoco e intervenire in prima persona. Devo essere sincera, il film parte bene, come uno di quegli action che ti fanno dire "oh, vediamo un po' che succede ora" e tiene abbastanza incollati. C'è anche il mitico Denzel, che a me piace sembra abbastanza. Però ecco, poi arriva la virata fantascientifica, che strizza l'occhio a concetti filosofici ed esistenziali e porta il tutto nella dimensione dell'ammmore impossibile e le aspettative iniziali vengono deluse. Nonostante la regia impeccabile di Scott, pace all'anima sua, che è sempre un maestro del ritmo.
L'intuizione del deja-vu promette, ma resta confinata a se stessa, a poco più che una definizione.
Insomma questo film non sarà certamente la torta di mele della vostra vita, ma magari una fetta di una torta un po' così che in una serata di relax può andare bene comunque.
Se il film non vi ispira film, soprattutto dopo cotal recensione, potete anche non guardarlo, la torta di mele invece... quella dovete farla. Magari canticchiando questo Deja vu, che è un po' più allegro.



sabato 1 dicembre 2012

Technicolor a tavola e nel guardaroba + goodbye a Passiflora

Buongiorno a tutti,
dopo una settimana di down a casa con l'influenza sono tornata. Vi segnalo l'ultimo articolo che ho scritto su Letteradonna nella rubrica Food & Glam. Questa settimana parliamo di.. colori! A tavola, per fare il pieno di vitamine con frutta e verdura (mi servirebbe!), e nel guardaroba: perché chi lo ha deciso che d'inverno dobbiamo vestirci solo di nero e grigio?

Ecco l'articolo Frutta e colori di stagione

Ed ecco un paio di immagini che troverete pubblicate nella gallery dell'articolo. Andate a vederle, ce n'è per tutti i gusti! Oltre al verde e all'arancione troverete i board dedicati al giallo, al rosso, al viola e al rosa. 
Magari vi serviranno come spunti per i regali natalizi (agli altri o soprattutto a voi stesse!): nelle dida della gallery trovate tutte le info sui prodotti.





Avrete forse notato che ora nel mio profilo appare un nuovo nome: il mio! Ebbene sì, dopo 3 anni di malcelato anonimato, ho deciso di dire addio a Passiflora. Questo nome che avevo pescato dalla botanica per mettere una barriera tra la mia vita vera e la rete, beh, aveva senso all'inizio, ma ora non più, tra gli sputtanamenti vari sui social network e incontri reali tra blogger ("Ciao, io sono Elisa". "Ciao, io XXX del blog XXX... e il tuo blog?" "Cooking Movies.. sul blog sono Passiflora" "Ah Passiflora! ma certo, ah sei tu.. ma che piacere!!" ecco, scene di questo tipo sono realmente accadute: forse è il caso di finirla). Quindi un po' a malincuore dico addio a Passiflora... d'ora in poi a commentare sui vostri blog sarà solo Elisa. :-)
A presto!

domenica 25 novembre 2012

Tagliatelle con zucchine, Ottavio e Lou Blau in cestino di Gran Kinara



Arrivo sul filo di lana per lasciarvi un'altra golosa ricetta con cui voglio partecipare al contest delle Fattorie Fiandino. Si tratta di una pasta avvolta da una crema di formaggi, ingentilita dalle zucchine e servita in un bel cestino croccante di Gran Kinara (per chi non lo conoscesse, un formaggio ottenuto da puro caglio vegetale, di consistenza simile al parmigiano).
Potete fare dei cestini della dimensione di un palmo e servire questa pasta come finger food, oppure preparare cestini più grandi e stupire i vostri ospiti servendoli come primo in grandi piatti bianchi, come un piatto gourmet di un grande chef.
Le dosi variano di conseguenza...
Questi che vedete in foto sono piccoli e contengono una forchettata di pasta (15-20 gr), con le seguenti dosi dovreste ottenere otto-dieci cestini.




Tagliatelle con zucchine, Ottavio e Lou Blau in cestino di Gran Kinara
160 grammi di tagliatelle secche, senza uova (io Del Verde)
2 zucchine
40 grammi di Ottavio, grattuggiato con la buccia
40 grammi di Lou Blau
Gran Kinara grattugiato (qb)
10 grammi di burro salato 
sale 
pepe

Tagliate le zucchine a dadini, saltatele in una padella con il burro salato, poco sale e pepe. Nel frattempo preparate i cestini: grattugiate abbondante Gran Kinara e mettete sul fuoco una padellina antiaderente del diametro di 18 centimetri. Cospargete il fondo di formaggio grattugiato e lasciatelo fondere: quando si sarà rappreso, togliete il cestino dal fuoco, aspettate un paio di minuti e poi con una pinza toglietelo dalla padella e adagiatelo su una tazza da té sovesciata, facendo aderire lungo i bordi per creare la forma a cestino: una volta freddo sarà solido. Ripetete l'operazione creando la quantità di cestini che vi servono.
Mettete sul fuoco abbondante acqua salata. Grattugiate grossolanamente l'aromatico formaggio alla birra Ottavio con la sua buccia e tagliate a pezzetti il Lou Blau, erborinato che darà alla pasta una nota decisa e intensa. Ponete il formaggio in un recipiente che appoggerete sulla pentola dell'acqua, andando a sciogliere il formaggio a bagnomaria, aggiungendo se necessario un paio di cucchiai di acqua. Quando il formaggio sarà sciolto e l'acqua bollente, buttate le tagliatelle. Scolatele al dente, passatele in padella con le zucchine aggiungendo un'altra noce di burro salato e poi versate il tutto nella terrina con il formaggio. Amalgamate bene e poi, aiutandovi con un mestolo, create delle forchettate arrotolate di pasta, che adagerete nei cestini  di Gran Kinara preparati in precedenza. Guarnite con qualche altro dadino di zucchina e una spolverata di pepe e servite subito.


Con questa ultima ricetta partecipo al Contest delle Fattorie Fiandino.



... buona notte :-)

mercoledì 21 novembre 2012

ChickenCrock a.k.a. pollo supercroccante alle patatine

Ho pensato e ripensato a un film da abbinare alla ricetta che vi propongo oggi, ma l'unica cosa che mi veniva in mente era questa.....


Lo so, lo so, questo è pesce, la ricetta è a base di pollo, non c'entrano nulla! Ma la copertura di patatine mi fa irrimediabilmente pensare allo spot di "Giulio!" Chi di voi se lo ricorda?
Io putroppo sono abbastanza vecchia per avere questa reminiscienza piuttosto vivida nella mia memoria!

Al di là dello spot super anni 80 dei Fish & Crock Findus, ho solo una parola per descrivere questo pollo: buonissimo! La ricetta è una creazione della mia collega Anna, che ringrazio per la condivisione. Vi consiglio di provarla non subito, immediatamente. Scoprirete un modo insolito e alternativo per mangiare il solito petto di pollo.



ChickenCrock aka Pollo alle patatine
Per 2 persone
300 grammi di petto di pollo
patatine (quelle del sacchetto, per intenderci)
1 uovo
senape
olio
latte
sale
farina 

Tagliare il petto pollo a tocchetti e metterlo a marinare in 2 cucchiai di senape, un po' d'olio evo e un goccio di latte per stemperare, per almeno un'ora. Sgocciolare il pollo e passarlo nella farina. Sbriciolare le patatine con le mani, in un piatto. In un piatto fondo sbattere l'uovo, insaporito con un cucchiaino di senape. Passare i tocchetti di pollo prima nell'uovo e poi nelle patatine, premendo bene in modo da farle aderire alla superficie. Adagiare i tocchetti di pollo su una teglia coperta di carta forno. Infornare in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 15 minuti. Salate il pollo, mescolate e impiattate. Ora potete fare crock! 
Anna suggerisce di intingere i pezzetti di pollo in una salsina sfiziosa fatta con senape e maionese e un goccio di miele (yum). Io ho accompagnato solo con un po' di senape e un letto di radicchio al forno. Da leccarsi le dita, garantisco!

giovedì 15 novembre 2012

Me & The Chocolate Factory: gita alla Perugina, tra Umpa Lumpa e.. Baci!

Per una golosa appassionata di dolci come me, una gita in una vera fabbrica di cioccolato con annessa lezione di pralineria non può che essere un sogno che diventa realtà. Un po' come Charlie che andava alla scoperte delle meraviglie di Willy Wonka, tra fiumi di cioccolata al latte, Umpa Lumpa dispettosi e ingredienti dal profumo inebriante, così io mi sono intrufolata nella Casa del cioccolato di Perugina.

Pubblicità di inizio secolo.. audace!

Qualche settimana fa, in occasione di Eurochocolate, io, il mio fidanzato e i nostri amici Camilla e Mario siamo andati in missione allo stabilimento più cioccolatoso d'Italia. Obiettivo: vincere un premio alla tombola dei Baci (e qui gli amici hanno trionfato), arraffare tanti cioccolatini e, soprattutto, imparare a farli. 
La gita è iniziata con un giro all'interno della fabbrica, dove abbiamo scoperto tutti i segreti sul cioccolatino più amato d'Italia, ovvero il Bacio (per lo meno, è il mio preferito!) e sulle vicende aziendali della Perugina. Nata come confetteria nel 1907, Perugina vira sul cioccolato nel 1915, per poi affermarsi con le tavolette, le caramelle e, nel 1922, il Bacio.

Come era il bacio nel 1922

Il Bacio quest'anno compie 90 anni: lo dobbiamo al genio di Luisa Spagnoli (sì, quella dei vestiti), compagna di uno dei fondatori della società, Francesco Buitoni (sì, quello della pasta), che voleva trovare un modo goloso per riutilizzare la granella di nocciole in eccesso. Si inventò quindi una pralina ripiena di gianduia e granella e una nocciola intera, in guscio di cioccolato fondente. La Spagnoli voleva chiamarli cazzotti, perché le ricordavano dei pugni chiusi. Fortunatamente Perugina optò per un nome un po' più... dolce! Le frasi d'amore all'inizio erano opera di Federico Seneca, in seguito si optò per citazioni d'amore dai classici di tutto il mondo.

Due attori nei panni di Spagnoli e Buitoni
mettono in scena la storia della Perugina


Baci e Nudi

I nudi Perugina

Dopo esserci tuffati nel passato, attraverso foto d'epoca e campagne pubblicitarie da un secolo a questa parte, e nel presente, sbirciando le stanze dove Baci & co vengono confezionati, abbiamo assaggiato le nuove praline di Perugina, i nudi: gusci di cioccolato "aperti", dai ripieni sfiziosi. E infine, è arrivato il momento di provare a prepararli noi stessi...





Qui lo fa lui.. ma l'abbiamo fatto anche noi!

Il maestro Alberto Farinelli ci ha guidato tra preparazione di ganache, temperaggio, creazione dei gusci, riempimento con il sac a poche, decorazione.. e ci siamo portati a casa i nostri bellissimi cioccolatini, fondenti con ripieno di ganache di cioccolato bianco all'arancia e alla meringa. A un certo punto ho dovuto smettere di fare le foto... Il temperaggio non perdona e chi ha provato a farlo sa di cosa sto parlando. Mi sentivo un po' come Augustus Gloop...



Chi è Augustus Gloop? Uno dei bambini ingordi entrati insieme a Charlie nella fabbrica di cioccolato di Willy Wonka! In particolare il tedeschino ciccione che finisce nel fiume di cioccolata cercando di bersi l'impossibile. Devo dire che questa scena è bellissima nella versione di Tim Burton, del 2005, che annovera Johnny Deep in una interpretazione un po' psycho di Willy Wonka.


Ma nel mio cuore rimarrà sempre la prima versione del film, quella del 1971 con Gene Wilder. Uno  Wonka molto più picchiatello in senso buono e solare, che aderisce di più all'idea che mi ero fatta leggendo il capolavoro di Roald Dahl, genio assoluto dei romanzi per ragazzi (se non lo conoscete, è tempo di recuperare La fabbrica di Cioccolato, Il grande ascensore di cristallo, Il Grande Gigante Gentile e -over the top- Le streghe... anche da adulti resterete estasiati!).



Alla fine comunque non ho fatto la fine di Augustus, anzi, ho ottenuto un bel diploma di "Artista del Gusto" conferito da Perugina! Adesso praline per tutti ...Come no! Per temperare il cioccolato ci vorrebbe un piano di marmo gigante, delle spatole professionali, una cucina abitabile... meglio continuare a sfornare torte! Però è stata un'esperienza divertentissima. Se vi capita di passare da Perugia, provate! Sul sito trovate tutte le informazioni per provare a calarvi nella parte dei maitre chocolatier!


venerdì 2 novembre 2012

Il tempo delle mele. In un risotto, per Sartoria del gusto

La ricetta che vi propongo oggi (un altro risotto.. mi sto fissando? In effetti li adoro) l'ho sperimentata diverse volte, l'ultima qualche settimana fa, durante una divertente serata per foodblogger e giornalisti organizzata da Sartoria del gusto  presso la scuola di cucina Des Mets & des Mots, a Milano. 
Dopo un aperitivo insieme, in cui abbiamo degustato alcuni prodotti in vendita sul portale enogastronomico (ottima la birra e il culatello), abbiamo cucinato ai fornelli della scuola e cenato con le nostre creazioni. Non vi sto a dire come assaggia qui e assaggia lì, alla fine ho mangiato come un maialino. E' stata proprio una serata piacevole, dove ho avuto modo di dare un volto a blogger che già conoscevo sulla rete e di rivederne altri con cui è già sbocciata un'amicizia!

La ricetta del risotto alle mele mi piace molto perché gli ingredienti creano un insieme armonioso di sapori, equilibrandosi a vicenda: la mela è dolce, fresca e leggermente asprigna, il riso mantecato è morbido e avvolgente e le noci, croccanti e decise, aggiungono personalità al tutto. Provatelo e poi mi saprete dire! Io ho preparato il risotto in una quantità per circa dieci persone: lo ammetto, mescolarlo è stato piuttosto faticoso. Ma in fondo è tutta salute, almeno si allenano un po' le braccia! Comunque, a voi lascio le dosi per quattro persone. Perdonate l'orrenda foto, ma l'ho fatta col telefono dopo essermi disidratata sul pentolozzo del riso ed è l'unica testimonianza che possiedo! L'immagine (e l'impiattaggio da denuncia, sempre opera mia ovviamente) non rendono giustizia al contenuto.



Risotto con mele e noci
Riso carnaroli 320 grammi
Mele Golden Delicious 1 grande (2 se piccole)
Vino bianco (preferibilmente Trentino) mezzo bicchiere
Noci 40 grammi
il succo di un limone
mezza cipolla 
olio evo qb
burro qb
Trentingrana (o Parmigiano reggiano)
prezzemolo fresco 
Per il brodo: 1 cipolla, 1 costa di sedano, 2 carote, due bacche di ginepro
sale e pepe

Preparare il brodo vegetale, tagliare le mele a dadini e coprirle con il succo di limone perché non anneriscano. Grattugiare un po' di Trentingrana o di parmigiano, tritare grossolanamente le noci e sminuzzare il prezzemolo: tenere tutto da parte. Soffriggere la cipolla tritata con un cucchiaio di olio evo, aggiungere il riso e tostare per un paio di minuti. Sfumare con il vino bianco e continuare la cottura del risotto, aggiungendo un mestolo di brodo di tanto in tanto. Dopo circa un quarto d'ora aggiungere le mele, ultimare la cottura per altri cinque minuti. Spegnere il fuoco, aggiungere le noci, mantecare con il formaggio e una noce di burro, aggiungere il pepe e il prezzemolo fresco. Impiattare ... e buon appetito!

Alcuni prodotti in vendita su www.sartoriadelgusto.net
Questo risotto è proprio di stagione, perché è da ottobre che si raccolgono le mele nuove. Che altro film potrei quindi abbinare se non  Il tempo delle mele? Ok, è ambientato a Parigi e di risotti non se ne vedono, ma la mela è tutta una metafora qui, quindi siamo autorizzati a usarla a nostro piacimento.
Prima di tutto, mettete a palla la canzone Reality di Richard Sanderson. Non si può parlare del film senza pensare alla scena della festa in cui la giovane Sophie Marceau si perde nell'atmosfera romantica di un lento, grazie al walkman furbamente fornitole dal fidanzatino.




La boum (La festa), questo il titolo originale del film francese, usciva nel 1980 e raccontava i dilemmi amorosi dei liceali parigini, diventando subito un cult per gli adolescenti. Il film dipingeva una società sicuramente avanti rispetto a quella italiana: ragazze quindicenni che parlavano già apertamente di pillola anticoncezionale e matrimoni dei genitori dissacrati da reciproci tradimenti. Rimane un manifesto degli anni 80, fotografati ai loro albori, quando le spalline delle giacche non erano ancora troppo gonfie e i capelli non erano poi tanto cotonati. Da rivedere, per sentirsi ancora una volta ragazzini.

mercoledì 31 ottobre 2012

Dita di strega per Halloween

Stanotte si festeggia Halloween, la notte degli spiriti! Siete pronti? Io andrò a una festa, non so bene vestita da che perché non ho fatto in tempo ad andare alla ricerca di un costume.. mal che vada farò la strega, mi verrà comunque bene... In fondo il cinema non è pieno di streghe deliziose?

Maga Magò (la più matta e simpatica)



La regina di Biancaneve nella sua versione a cartoni...


...e in quelle in carne e ossa, di Julia Roberts e Charlize Theron





La Bellucci, strega ne i Fratelli Grimm..


le sorelle bellissime di Amori e Incantesimi...



.. o il trio irresistibile di Hotus Pocus



Per calarmi adeguatamente nella parte, ho preparato delle simpatiche dita di strega. Sono facili facili, impressionanti ma deliziose (biscotti di pastafrolla, in fondo!) ...vi lascio la ricetta.

Si comincia!
Dita di strega 
280 gr di farina
100 gr di burro
100 gr di zucchero a velo
1 uovo
1 cucchiaino di lievito
1 bustina di vanillina

Per guarnire
Mandorle spellate
Marmellata (io: Fiordifrutta Rigoni di Asiago alla Rosa canina)

In una ciotola miscelare la farina, il lievito, lo zucchero a velo e la vanillina. Aggiungere il burro freddo tagliato a pezzetti e un uovo. Lavorare l'impasto fino a ottenere una consistenza liscia e compatta. Avvolgere nella pellicola trasparente e lasciare riposare per mezz'ora.
Una volta che l'impasto sarà pronto, dividerlo in tanti pezzetti da 25 grammi circa. Creare dei bastoncini, creare il segno delle nocche con un coltello, facendo due trattini in alto e due in basso. Con un pennello cospargere la punta e il fondo del dito (se volete anche un po' il centro) di marmellata. Posizionate la mandorla spellata in fondo al bastoncino, con la punta rivolta all'esterno.
Cuocete in forno per circa 15 minuti a 180 gradi. Con queste dosi avrete circa una ventina di dita.




Ramen, che passione: dove mangiarlo a Milano e i film tributo

Il ramen shoyu di Ivan Orkin, sua specialità Il ramen è una delle mode del momento, almeno a Milano . Dopo aver mangiato per anni il su...