domenica 20 novembre 2011

Crostata frangipane alle mele. Il Profumo.


Frangipane è il nome di una crema alle mandorle favolosa, che vi stordirà con il suo intenso profumo e la sua sorprendente e aromatica dolcezza. 
Il nome deriva dall'ideatore, che di cognome faceva Frangipani. Le ipotesi su chi fosse questo Frangipani, però, sono molteplici: potrebbe trattarsi di un pasticcere del XVI secolo, o di un conte che regalò la ricetta della crema a Caterina de Medici in occasione del suo matrimonio con il principe francese; o ancora un botanico, o un suo pronipote che ideò un aroma a base di mandorle per coprire l'odore dei pellami di guanti e scarpe; o il Signore di Marino, la cui vedova soleva regalare dolci alle mandorle a San Francesco d'Assisi, in segno di amicizia.
Di certo c'è che la frangipane è una crema niente male, molto usata in Francia (è nel ripieno della Galette de Rois, il loro dolce tradizionale dell'Epifania) e che ne esistono versioni leggermente differenti: con o senza farina o fecola, con differenti proporzioni, con solo burro, con burro e latte... Avevo in mente di preparare una crostata e per confrontare la ricetta di Montersino che avevo (un po' pesantuccia) ho scovato un certo numero di varianti su siti di cucina e altri blog. 
Alla fine ho fatto la frolla con la ricetta di Montersino e la frangipane con le dosi di Giallozafferano (non propriamente leggera, ma meno abbondante). All'interno: le mele, che, devo dire, ci stanno divinamente. Che dite, vi lascio la ricetta?

Crostata frangipane alle mele

Per la pasta frolla
200 gr di farina
120 gr di burro
2 tuorli d'uovo
80 gr di zucchero a velo
1 pizzico di sale
1 grattugiata di scorza di limone

Per la crema frangipane
120 grammi di burro
120 gr di zucchero a velo
150 gr di farina di mandorle
2 uova

Mele
400 gr di mele Golden (al netto di buccia e torsoli, sono circa 3 grandi, ma potete abbondare e arrivare a 500 gr)
1 pezzetto di burro 
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di calvados (io rum)


Preparare la frolla, disponendo a fontana la farina e lo zucchero e al centro il burro freddo a pezzetti e i tuorli, il pizzico di sale e la scorza di limone. Lavorate gli ingredienti fino ad amalgamarli perfettamente, formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela a riposare nel frigo. Intanto, preparate il composto frangipane. Montare il burro e lo zucchero e aggiungere le uova una alla volta. Unire la farina di mandorle e amalgamare. A questo punto la crema andrebbe cotta sul fuoco, ma in questo caso è sufficiente la successiva cottura nel forno. Tenete da parte la crema e preparate le mele. Tagliate a dadini due terzi delle mele e saltatele in padella con un pezzetto di burro e lo zucchero, sfumate con un po' di calvados (io ho usato il rum) e spegnete la fiamma. Tagliate a fettine sottili la mela rimasta, copritela con succo di limone e conservatela.
Stendete la frolla, rivestite una tortiera imburrata e bucherellate il fondo con una forchetta. Nella ricetta di Montersino le mele andavano sul fondo e poi ricoperte dal frangipane (perché lui prevedeva uno strato di crema pasticciera SOPRA la frangipane e poi frutta fresca e gelatina.. davvero troppo per me!!), io invece le ho mescolate nella crema e poi ho versato il composto sulla frolla, ho livellato e ho ricoperto con le fettine di mela rimaste, disponendole a raggiera. Cuocete in forno a livello due a 180 gradi per circa 45 minuti. 
A questo punto potete lasciarvi inebriare dal profumo mandorlato della crema frangipane, mescolato al quello rassicurante delle mele e del burro.
Credo che il profumo sfacciato, intenso, aristocratico, dolce con retrogusto amarognolo che si sprigiona dalle mandorle sia davvero un capolavoro della natura... nelle mie preferenze se la gioca con bergamotto, gelsomino, cannella.. ma è impossibile sceglierne solo uno.
Chissà cosa direbbe al riguardo Jean Baptiste Grenouille, "naso" dal talento senza precedenti, ossessionato dalla ricerca del profumo perfetto al punto da trasformarsi in assassino. Grenouille è il protagonista del film "Il Profumo", tratto dal romanzo omonimo di Patrick Suskind.


Nel film Ben Whishaw intrerpreta Jean Baptiste, un orfano sfortunato ma dotato di incredibile determinazione e resistenza  alla fatica, che riuscirà quindi a diventare adulto nelle condizioni avverse della Parigi di fine 700, tripudio di colori e soprattutto di odori inconcepibili e intollerabili per una città occidentale moderna. Jean Baptiste, che inspiegabilmente è privo di odore, proprio per questo è morbosamente attratto dai profumi, ma anche dalle puzze. A Parigi, nella bottega del profumiere Baldini, e poi a Grasse (patria francese del profumo), Jean Baptiste potrà sviluppare il suo olfatto straordinario apprendendo i segreti fondamentali delle essenze e dell'arte di mescolarle. Ma la sua ossessione per la scoperta dell'odore sublime, incarnato dalla pelle candida di giovani innocenti, lo porterà a oltrepassare il limite.


Il regista, Tom Tywer, ci suggerisce odori e profumi con sequenze frammentate e veloci e inquadrature ravvicinate: la sfida più grande, suggerire percezioni di un senso utilizzandone un altro, è riuscita. Per il resto, il film soffre di alcuni momenti lenti, ma nel complesso seguiamo l'avventura di Jean Baptiste con curiosità e sentimenti contrastanti per questo personaggio che da un lato detestiamo, dall'altro vorremmo salvare. Finale "universale" a sorpresa. Da vedere ( non senza una fetta di profumata crostata frangipane)!


Vi lascio con il trailer

32 commenti:

  1. irresistibile questa crostata!!!
    immagino il profumo irresistibile per casa...
    i dolci con le mele a casa mia vanno a ruba quindi mi annoto la ricetta nel mio blocchetto "ricette da provare" ^__^

    RispondiElimina
  2. il mio mito la crema frangipane! E de "Il profumo" c'è anche il film?? Vedi cosa non si scopre...ho amato il libro....vediamo...di solito, se amo il libro, detesto il film relativo, ma non riesco mai a impedirmi di vederlo a prescindere....proviamo anche questo! :)))

    RispondiElimina
  3. adoro il libro...il film non e' riuscito un gran che.La tua crostata frangipane e' bellissima!!!

    RispondiElimina
  4. ma in quuesto dolce c'è un mix di ingredienti irresistibile: la crosata, le mele e le mandorle mi fanno impazzire!!! ;)

    RispondiElimina
  5. bellissima la tua crostata molto invitante ti seguiro buona domenica

    RispondiElimina
  6. Ho letto il libro in un fiato, è scritto divinamente e la trama ti trascina. Il film non l'ho ancora guardato, ma potrebbe essere uno dei prossimi ;)
    La frangipane è qualcosa di terribile! Crea dipendenza! :)

    RispondiElimina
  7. Che crostata mitica.Peccato mi manchi la farina di mandorle altrimenti la rifacevo subito.
    Un abbraccio e buona Domenica.

    RispondiElimina
  8. un'isolita e gustosissima torta con le mele!!!gnam gnam

    RispondiElimina
  9. Deliziosa questa crostata!! Un'irresistibile tentazione!!
    Ciao e buona domenica!

    RispondiElimina
  10. Conosco qualcuno che ha fatto il bis di questa meraviglia profumata....il film è molto bello, ma il libro è qualcosa di inimitabile!bacissimi

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia questo dolce, lo adoro, bravissima Passiflora!!!!!

    RispondiElimina
  12. Ho visto il film e mi ha affascinato... Il tuo dolce e' strepitoso:-)

    RispondiElimina
  13. deve essere una crostata profumatissima!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao cara! Interessante la storia sull'origine del nome frangipane...mi sono sempre ripromessa di farla quella crema...ma ad oggi non l'ho ancora preparata! Mi piace l'abbinamento con le mele! Ottima e profumata! Bello anche il film! Avevo letto prima il libro, poi ho visto il film e devo dire che non ha deluso le mie aspettative. Un bacio cara a presto!

    RispondiElimina
  15. Ciao cara,che sorpresa,sarebbe bello incontrarci la prossima volta che torni.Se hai il profilo su facebook personale ci potremmo contattare li.
    Un bacio e buona serata.

    RispondiElimina
  16. che crostata meravigliosa, tutto l'insieme è originale e molto invitante.
    non ho visto il film, il libro l'ho letto molti anni fa e avevo trovato la storia molto particolare.

    RispondiElimina
  17. ohhhhhhhhhhhhhhhhh io ADOROOOOOOOOOOOOOOO le torte con il frangipane!!!!!! splendida!!!! baci

    RispondiElimina
  18. La frangipane è una delle creme che più mi piacciono...e sopratutto nelle tart di frutta come questa ci sta da dio! Bellissima ricetta! :-)

    RispondiElimina
  19. Non ho mai fatto la crema Frangipane, mi hai fatto venire voglia di provarla! baci e complimenti per questo splendido dolce! ciao

    RispondiElimina
  20. Ciao, son passata fugacemente per dirti che c'é una cosa simpatica che ti potrebbe interessare nel mio blog, se hai tempo. Ritornerò per commentare il tuo posto che voglio leggere con calma. Ciao a presto

    RispondiElimina
  21. Ti dirò... ho letto il libro e visto il film. E, tutto sommato, per quanto sia ammaliata da tutto ciò che ruota intorno al mondo dei profumi (molti mangiano con gli occhi, io mangio con il naso...) preferisco una fetta di torta profumata di mandorle e un film sensorialmente meno brutale...

    RispondiElimina
  22. ci credi che l'ho fatta settimana scorsa?Identica...siamo proprio in sintonia...

    RispondiElimina
  23. una crostata divina, da provare presto!!!! domenica la farò cantare.... :)))

    RispondiElimina
  24. conosco benissimo il profumo e la bontà della crema frangipane è la mia preferita :-)

    RispondiElimina
  25. Bravissima, la frangipane si usa proprio per la Galette des Rois! :) Io ne vado pazza e ogni anno non posso farmela mancare :)

    RispondiElimina
  26. Che visione cara Elisa, la frangipane con le mele non l'ho mai provata, ma solo l'idea mi fa venire l'acquolina, immagino il profumo meraviglioso!!!! Assolutamente da fare!....
    Un bacione e a presto
    Smackkkkk

    RispondiElimina
  27. che meraviglia di crostata, è buonissima!
    il film l'ho visto e non mi è piaciuto molto.
    bacioni

    RispondiElimina
  28. credo che, tra tutti i dolci, quelli con le mele siano i miei preferiti!

    RispondiElimina
  29. la frangipane è buonissima e con le mele ci sta proprio bene!
    quel film non l'ho mai visto perché mi fa troppa impressione :-(
    ciao!

    RispondiElimina
  30. Davvero invitante questa torta di mele...il frangipane la rende irresistibile!

    RispondiElimina
  31. Sono d'accordo con te:la frangipane è un delirio di bontà e meraviglia, specialmente per chi come me ama le mandorle visceralmente. Usata sui dolci di frutta poì è paradisiaca. Conosco bene il libro, che ho molto amato ed il film, che non mi è dispiaciuto, in particolare la fotografia, bellissima, e la ricostruzione storica. Ma il libro tocca vette altissime che il film purtroppo, come spesso succede, non riesce. Ti abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  32. La frangipane alle mele l'ho fatta una sola volta ed ero rimasta incantata, visto che adoro i dolci alle mele e alle mandorle...ma, haimé persi la ricetta! ed oggi ecco qua, ritrovata quasi uguale a quella! Me la sono subito segnata da provare al più presto. Ciao!

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

Blueberry Scones per Buffy, l'Ammazzavampiri

Blueberry Scones Il meteo lo diceva, che sarebbero tornati i 35 gradi, e nei prossimi giorni si arriverà di nuovo a picchi di 40. Allora...