Crostata frangipane alle mele. Il Profumo.


Frangipane è il nome di una crema alle mandorle favolosa, che vi stordirà con il suo intenso profumo e la sua sorprendente e aromatica dolcezza. 
Il nome deriva dall'ideatore, che di cognome faceva Frangipani. Le ipotesi su chi fosse questo Frangipani, però, sono molteplici: potrebbe trattarsi di un pasticcere del XVI secolo, o di un conte che regalò la ricetta della crema a Caterina de Medici in occasione del suo matrimonio con il principe francese; o ancora un botanico, o un suo pronipote che ideò un aroma a base di mandorle per coprire l'odore dei pellami di guanti e scarpe; o il Signore di Marino, la cui vedova soleva regalare dolci alle mandorle a San Francesco d'Assisi, in segno di amicizia.
Di certo c'è che la frangipane è una crema niente male, molto usata in Francia (è nel ripieno della Galette de Rois, il loro dolce tradizionale dell'Epifania) e che ne esistono versioni leggermente differenti: con o senza farina o fecola, con differenti proporzioni, con solo burro, con burro e latte... Avevo in mente di preparare una crostata e per confrontare la ricetta di Montersino che avevo (un po' pesantuccia) ho scovato un certo numero di varianti su siti di cucina e altri blog. 
Alla fine ho fatto la frolla con la ricetta di Montersino e la frangipane con le dosi di Giallozafferano (non propriamente leggera, ma meno abbondante). All'interno: le mele, che, devo dire, ci stanno divinamente. Che dite, vi lascio la ricetta?

Crostata frangipane alle mele

Per la pasta frolla
200 gr di farina
120 gr di burro
2 tuorli d'uovo
80 gr di zucchero a velo
1 pizzico di sale
1 grattugiata di scorza di limone


Per la crema frangipane
120 grammi di burro
120 gr di zucchero a velo
150 gr di farina di mandorle
2 uova

Mele
400 gr di mele Golden (al netto di buccia e torsoli, sono circa 3 grandi, ma potete abbondare e arrivare a 500 gr)
1 pezzetto di burro 
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di calvados (io rum)


Preparare la frolla, disponendo a fontana la farina e lo zucchero e al centro il burro freddo a pezzetti e i tuorli, il pizzico di sale e la scorza di limone. Lavorate gli ingredienti fino ad amalgamarli perfettamente, formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela a riposare nel frigo. Intanto, preparate il composto frangipane. Montare il burro e lo zucchero e aggiungere le uova una alla volta. Unire la farina di mandorle e amalgamare. A questo punto la crema andrebbe cotta sul fuoco, ma in questo caso è sufficiente la successiva cottura nel forno. Tenete da parte la crema e preparate le mele. Tagliate a dadini due terzi delle mele e saltatele in padella con un pezzetto di burro e lo zucchero, sfumate con un po' di calvados (io ho usato il rum) e spegnete la fiamma. Tagliate a fettine sottili la mela rimasta, copritela con succo di limone e conservatela.
Stendete la frolla, rivestite una tortiera imburrata e bucherellate il fondo con una forchetta. Nella ricetta di Montersino le mele andavano sul fondo e poi ricoperte dal frangipane (perché lui prevedeva uno strato di crema pasticciera SOPRA la frangipane e poi frutta fresca e gelatina.. davvero troppo per me!!), io invece le ho mescolate nella crema e poi ho versato il composto sulla frolla, ho livellato e ho ricoperto con le fettine di mela rimaste, disponendole a raggiera. Cuocete in forno a livello due a 180 gradi per circa 45 minuti. 
A questo punto potete lasciarvi inebriare dal profumo mandorlato della crema frangipane, mescolato al quello rassicurante delle mele e del burro.
Credo che il profumo sfacciato, intenso, aristocratico, dolce con retrogusto amarognolo che si sprigiona dalle mandorle sia davvero un capolavoro della natura... nelle mie preferenze se la gioca con bergamotto, gelsomino, cannella.. ma è impossibile sceglierne solo uno.
Chissà cosa direbbe al riguardo Jean Baptiste Grenouille, "naso" dal talento senza precedenti, ossessionato dalla ricerca del profumo perfetto al punto da trasformarsi in assassino. Grenouille è il protagonista del film "Il Profumo", tratto dal romanzo omonimo di Patrick Suskind.


Nel film Ben Whishaw intrerpreta Jean Baptiste, un orfano sfortunato ma dotato di incredibile determinazione e resistenza  alla fatica, che riuscirà quindi a diventare adulto nelle condizioni avverse della Parigi di fine 700, tripudio di colori e soprattutto di odori inconcepibili e intollerabili per una città occidentale moderna. Jean Baptiste, che inspiegabilmente è privo di odore, proprio per questo è morbosamente attratto da puzze e profumi. A Parigi, nella bottega del profumiere Baldini, e poi a Grasse (patria francese del profumo), Jean Baptiste potrà sviluppare il suo olfatto straordinario apprendendo i segreti fondamentali delle essenze e dell'arte di mescolarle. Ma la sua ossessione per la scoperta dell'odore sublime, incarnato dalla pelle candida di giovani innocenti, lo porterà a oltrepassare il limite.




Il regista, Tom Tywer, ci suggerisce odori e profumi con sequenze frammentate e veloci e inquadrature ravvicinate: la sfida più grande, suggerire percezioni di un senso utilizzandone un altro, è riuscita. Per il resto, il film soffre di alcuni momenti lenti, ma nel complesso seguiamo l'avventura di Jean Baptiste con curiosità e sentimenti contrastanti per questo personaggio che da un lato detestiamo, dall'altro vorremmo salvare. Finale "universale" a sorpresa. Da vedere ( non senza una fetta di profumata crostata frangipane)!



Post più popolari