giovedì 25 agosto 2011

Ciambella morbida con yogurt e fichi, percorrendo la Basilicata coast to coast


Oggi parliamo di fichi: e quindi di Sud, di caldo, di cieli tersi, ciucci e mulattiere, di campi di grano gialli come il sole e di antichi borghi. Il paesaggio ideale per ospitare la succulenta dolcezza di questi frutti d'agosto. Perchè è ad agosto che maturano queste incredibili bontà, morbide e zuccherine, che si sciolgono in bocca e trovano mille impieghi in cucina, nei dolci o nelle ricette salate.
About Food ha deciso di darci il bentornato con un contest e io, nel mio piccolo, partecipo all'accoglienza dei frutti di fine estate con una  ciambella. Ciambella senza buco, perché il termine indica più che altro una torta semplice, di quelle che vanno bene per farci colazione, inzuppate nel caffelatte o accompagnate da un bicchiere di succo di frutta, e al tempo stesso soffici, consistenti... insomma, buone!


Ciambella morbida con yogurt e fichi

400 gr di farina 00
200 gr di zucchero
3 uova
125 gr di yogurt bianco cremoso
100 gr di ricotta
olio di semi di girasole e latte, misurati nel vasetto dello yogurt
1 bustina di lievito per dolci
2 bustine di vanillina
4 fichi 

Lavate e pelate 4 fichi (5-6 se piccolini) e tagliateli a rondelle. Rompete le uova, conservate gli albumi e lavorate i tuorli con lo zucchero. Aggiungete lo yogurt, la ricottina e l'olio (un bicchierino scarso, misurato usando il vasetto vuoto dello yogurt). A parte setacciate la farina con il lievito e la vanillina. Aggiungetela pian piano al composto, mescolando con una frusta per incorporare bene senza formare grumi. Se il composto diventa duro aggiungete un po' di latte, io ho usato la quantità del vasetto da yogurt, sufficiente a rendere di nuovo cremoso il tutto. Montate a neve gli albumi e incorporateli al composto mescolando dal basso verso l'alto. Oliate una teglia, versate il composto e cospargetelo di fettine di fico. Spolverizzate con un po' di zucchero. Infornate a 200 gradi per i primi 20 minuti, poi abbassate a 180 gradi per altri 20 (ma regolatevi in base al forno, fate la prova stecchino). Et voilà!


E se i fichi sono il frutto dell'estate che sta finendo, non posso che proporvi un film carino che è ambientato proprio in estate e nel Sud Italia, dove maturano i fichi migliori: Basilicata Coast to Coast.



Il film, di e con Rocco Papaleo, racconta l'impresa di un improbabile gruppo di amici con la passione per la musica che decidono di attraversare a piedi la regione, dalla costa tirrenica allo Ionio (accompagnati da un carretto trainato da un asinello) per partecipare a un concorso per band emergenti. A seguire la loro impresa, un'annoiata giornalista che scrive per un giornale parrocchiale (Giovanna Mezzogiorno), che si lascerà lentamente conquistare dalla follia dei protagonisti. Imprevisti divertenti e situazioni surreali (come un gruppo di esaltati con il vezzo di vestire i panni dei briganti ottocenteschi) condiranno la loro avventura, un viaggio fisico che diventa simbolo dei propri sogni e degli obiettivi di una vita. Splendidi paesaggi e colonna sonora accattivante sullo sfondo.



#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...