Un treccione dorato per Rapunzel



Avete dei bambini? Ecco un film perfetto da gustare insieme, con cui vi divertirete quanto loro se non di più. Non avete bambini? Guardatevelo lo stesso! Sto parlando dell'ultima fatica della Walt Disney, Rapunzel, o Tangled nella versione originale. Si tratta di una rivisitazione avventurosa e divertente dell'omonima fiaba tedesca che aveva per protagonista una damina dai lunghi capelli rinchiusa da sempre in una torre. 
Solo la Disney poteva trasformare questa premessa che sa di muffa in un cartone movimentato con un'eroina al tempo stesso bella, goffa e simpatica e un protagonista maschile che per una volta non è un loffo principe senza macchia, ma uno spiritoso ladro gentiluomo. Molto interessante anche la cattiva di turno, Madre Gothel, che si finge buona esercitando su Rapunzel le arti della manipolazione psicologica. 
Mitico il cavallo-poliziotto Maximus, nemico di Flynn, il ladro, e deciso a catturarlo a ogni costo, e il camaleontino amico di Rapunzel. Un cartone davvero spassoso e con il classico lieto fine che accontenta proprio tutti.


I veri protagonisti della storia, però, sono i chilometrici e magici capelli dorati di Rapunzel, che la nostra amica utilizza come strumento per fare ogni cosa e come arma contro i malintenzionati. Quando finalmente riuscirà a fuggire dalla Torre, con l'aiuto di Flynn e Maximus, Rapunzel arriverà in città e dovrà intrecciare i suoi capelli per riuscire a muoversi per le strade. E allora quale miglior ricetta posso proporvi se non un treccione di pan brioche, dorato e morbido come la treccia della nostra eroina??? 



Treccione di Pan brioche
500 gr di miscela per pan brioche del Molino Spadoni
1 cubetto di lievito di birra (o lievito secco presente nella confezione, io avevo il panetto da finire!)
1 cucchiaino di miele
200 ml di acqua tiepida
1 uovo per spennellare

Sciogliete il cubetto di lievito in un po' d'acqua con un cucchiaino di miele in una grande terrina. Aggiungete la farina e il resto dell'acqua, mescolate con un cucchiaio di legno e poi con le mani per circa 10 minuti, creando una palla. Coprite e mettete a lievitare in forno spento portato alla temperatura di circa 35-40 gradi per un'ora. Dopo questo periodo di prima lievitazione, rilavorate l'impasto per un'altra decina di minuti, sbattendolo spesso sulla spianatoia. Rimettete a lievitare per altre due ore mezza. Quando la pasta sarà pronta, dividetela in tre panetti uguali, stirateli creando tre cilindri della stessa lunghezza e fate una treccia che disporrete su una teglia, sopra un foglio di carta da forno. Spennellate la superficie con dell'uovo sbattuto. Cuocete a 180 gradi nella parte bassa del forno per 25 minuti. Verrà bellissimo, croccantino fuori e soffice dentro, leggermente dolciastro ma non troppo.
Avvertenza: crea dipendenza! Lo potete mangiare a colazione o a merenda, con un velo di marmellata, o con il salato. Ottimo con un formaggio spalmabile e del salmone affumicato o prosciutto cotto. :-)


Altra avvertenza, stavolta sul film: se non lo guardate insieme a piccoli ometti che non sanno l'inglese, guardatevelo in lingua originale. Si capisce molto bene, le parole sono ben scandite e non c'è paragone. Nella versione originale le voci sono di Mandy Moore (attrice e cantante) e Zachari Levi (Chuck), in Italia ci hanno pensato Laura Chiatti e Giampaolo Morelli (Coliandro), e si sa, negli adattamenti ci si perde sempre.



Post più popolari