lunedì 10 gennaio 2011

The Road e un minitiramisu light per coccolarsi



In alcune occasioni un film serve per distrarti, farti ridere o sognare. Ma poi ci sono pellicole che ti toccano più profondamente e ti fanno riflettere. E' stato il caso di The Road, tratto dall'omonimo romanzo di Cormac McCarthy, che purtroppo non ho ancora letto ma che conto di leggere quanto prima. 
Ci troviamo in uno scenario post apocalittico, in un futuro vicino in cui, in seguito a una catastrofe globale non precisata, il mondo come lo conosciamo non esiste più. La natura è morta, gli animali sono estinti, gli alberi cadono, i fiumi hanno l'acqua verde radioattivo, unica nota di colore in un paesaggio di nebbia e terriccio bruciato. Un uomo e suo figlio si muovono sulla strada, on the road, appunto:  vanno verso sud, cercando di restare in vita, camminando verso la speranza di un futuro. Non hanno cibo, devono lottare ogni giorno contro la fame, il freddo, i briganti che si sono dati al cannibalismo vista la scarsità di alimenti. Il film tiene in tensione dall'inizio alla fine: la paura, il dolore e l'angoscia che domina le vite di quelle due persone ti pervade e trovi difficile pensare a un motivo perché loro debbano resistere, lottare per andare avanti. Ma come ha detto Viggo Mortensen (ottimo interprete) in un'intervista, "quando tutto quello che c'è intorno ti porta ad avere paura e a perdere la speranza, e sarebbe facile diventare cattivo, crudele, senza pietà, quando nonostante tutto scegli ancora di essere compassionevole e amorevole, questo è qualcosa di meraviglioso, di bellissimo, è il senso di tutto".  Perché quello che conta, nonostante le difficoltà, è essere vivi, ora, nel momento presente e apprezzarlo, condividendo la propria esistenza con chi amiamo e ci ama. Guardate The Road e coglierete tutto questo. E poi, siccome vi sentirete provati, turbati e svuotati, concedetevi un cibo coccola, qualcosa che vi piace tanto. Oppure lasciatevi ispirare da questo mini-tiramisu light che ho preparato stasera, riciclando un po' di cosine che avevo in dispensa. Vi va di provarlo? Ecco la ricetta.



Mini-tiramisù light al profumo di banane e cacao 
(x 2 persone)
Per la crema
1 vasetto di yogurt intero alla banana (sostituibile con quello bianco, alla vaniglia o al gusto che preferite!)
1 cucchiaio di fecola di patate
1/2 bicchiere di latte
1 cucchiaino di rum
1 cucchiaio di zucchero
1 uovo
gocce di cioccolato
per la base
Avanzi di panettone e/o savoiardi
1 bicchiere di latte
caffè in polvere
cacao amaro
1 cucchiaino di zucchero

Se avete intenzione di seguire queste dosi per due vi consiglio di usare come contenitori due ciotoline o bicchierini (se sono piccoli ne potrebbero uscire anche tre), altrimenti moltiplicate le dosi e riempite una piccola pirofila. 
Separate il tuorlo dall'albume, che monterete a neve. Mettete un cucchiaio di fecola sciolto in mezzo bicchiere di latte a scaldare a bagnomaria, a fiamma dolce. Aggiungete lo yogurt, il tuorlo d'uovo, un cucchiaio di zucchero, un cucchiaino di rum e infine l'albume montato a neve, mescolate per un paio di minuti e spegnete il fuoco: la vostra crema è pronta. Sciogliete un cucchiaino di caffè solubile e uno di cacao amaro in un bicchiere di latte tiepido, aggiungete un cucchiaino di zucchero
Prendete gli avanzi di panettone o di pandoro oppure i classici savoiardi che si usano per il tiramisu e bagnate leggermente le fette o i biscotti nel latte. Create un primo strato, coprite con la crema, fate un secondo strato di panettone, coprite di nuovo e decorate con un po' di gocce di cioccolato fondente. Mettete in frigo per un paio d'ore ed ecco, il vostro comfort-dessert è pronto!

20 commenti:

  1. non l'ho ancora visto questo film, ma dopo questa tua recensione conto di vederlo il prima possibile! buono anche il tiramisù! :)

    RispondiElimina
  2. E' molto intenso quindi ti consiglio di non guardarlo da sola :) Ma ti piacerà, ne sono certa!

    RispondiElimina
  3. il film è troppo per me, ma il tiramisù è da provare di certo! Con o senza film, il tiramisù, anche light, è sempre i tiramisù!

    RispondiElimina
  4. sono d'accordo con Gianni, anche se geniale non è proprio la parola che avrei scelto... magari mitica..
    comunque, ottimo tutto, il tiramisù light (che dopo tutti i dolci delle feste ci vuole) e la recensione del film che cercherò di vedere con il bicchiere di tiramisù in mano!
    p.s.: ho scritto cosa vuol dire umarels, se hai voglia/tempo di leggere...

    RispondiElimina
  5. Grazie per la bella recensione, che mi ha davvero invogliato a vedere il film, e per l'altrettanto allettante ricetta scacciapensieri da gustare dopo!

    RispondiElimina
  6. Splendido questo tiramisù light, molto coccoloso! Baci cara. . .

    RispondiElimina
  7. ma è splendido questo blog! sono felice che hai commentato e ho potuto conoscerti! ti metto subito tra i miei preferiti ... io amo mangiare, leggere e vedere film ;-)

    RispondiElimina
  8. Sorvolando che poco tempo fa ho fatto indigestione di banane, questo tiramisù light non deve essere niente male ;)

    RispondiElimina
  9. le mitiche coppette yogurt e panettone, le hai fatte alla fine ;-)

    RispondiElimina
  10. @ gianni: addirittura! grazie!

    @ strawberry blonde: non è proprio la stessa cosa, ma non è male!

    @sdauramoderna, ho letto, e ha commentato anche il mio fidanzato... che è romagnolo!

    @ grazie a te onde!

    @ simo sono contenta che ti piaccia la mia idea... aspetto allora tuoi commenti e suggerimenti!

    @sunflower la scelta della banana potrà sembrare frutto di ricerche negli accostamenti dei sapori.. invece è solo che avevo lo yogurt di quel gusto :) sostituibile con quello che preferisci, of course

    @nena: eh già! mi hai ispirato bene... eppure lo yogurt ho dovuto "appesantirlo" un pochino! ci aggiorniamo anche per la fiera dell'arte.

    buon pomeriggio a tutti voi

    RispondiElimina
  11. E' un film che mi ha fatto riflettere molto e poichè mi ha anche angosciato e non poco, credo che, anche se molto invitante, il tiramisù light non mi basti! :-)

    P.S. le tue recensioni sono sempre perfette.

    RispondiElimina
  12. Bella ricetta di tiramisù, con lo yogurt che sostituisce il mascarpone.Approvo e ti faccio i miei complimenti!!!
    I tarallini che hai fatto sotto, sono di un buonooooo.Anch'io li ho postati con il nome di treccine, perchè ho fatto queste forme, ma gli ingredienti sono gli stessi.
    Ti mando un bacione
    A presto,Raffa

    RispondiElimina
  13. @ roby e loris, forse sì, per questo film è meglio un tiramisù old style.. o un barattolo di Nutella??

    @raffaella, grazie e apresto!

    @ speedy 70, mi ero persa il tuo commento, grazie anche a te e alla prossima

    RispondiElimina
  14. accipicchia Elisa, ho visto il commento ma non sapevo fosse del tuo fidanzato... che onore!!
    allora lo aspetto anche in altri post...
    un bacino a tutti e due!!

    RispondiElimina
  15. proverò presto entrambi, film e dolcetto! Sembra molto, molto sfizioso. Ciao

    RispondiElimina
  16. Grazie per essere passata da e venendo qui cosa trovo??
    Un blog veramente singolare, originale e simpaticissimo che coniuga cinema e cucina..
    vivace ed interessante con ricette veramnente proprio niente male
    Compliments

    RispondiElimina
  17. Inanzitutto grazie di essere passata a trovarmi.. e complimenti poi per questo mini tiramisu'.. l'idea dello yogurt mi piace!

    RispondiElimina
  18. ciao sono antonella e ti ringrazio per la visita.
    adoro il tuo blog non solo per le ricette ,ma perche' mi piace il cinema e leggere libri.
    purtroppo ho poco tempo per tutto.
    ti metto tra i blog che seguo nei miei blog
    grazie

    RispondiElimina
  19. ho appena finito di fare un tiramisù aromatizzato...e quì ne trovo uno light...bene bene...approfitterò della tua ricetta...così non mi sento troppo in colpa se mi lascio prendere dalla golosità.

    RispondiElimina

Sei passato di qui? Fammelo sapere, lascia un commento :-)

L'inverno è arrivato: come prepararsi e dove vedere l'ottava stagione di Game Of Thrones!

L'ottava stagione di Game of Thrones è finalmente qui! L'attesa è alle stelle  e l'hype a mille: stasera in America, stanot...