mercoledì 25 agosto 2010

PS I love you: stucchevole come la baklava


Dopo aver casualmente assistito in tv al trailer del film Giustizia Privata, mi sono ricordata di che uomo affascinante sia Gerald Butler, l'attore scozzese che avevo già ammirato (con bava alla bocca) in 300. Girovagando su Youtube ho scoperto che il ragazzo, oltre a un'innegabile prestanza fisica, è anche dotato di modi decisamente accattivanti e senso dell'umorismo: basti vedere alcune ospitate tv come quelle al David Letterman Show, dove fa ridere con racconti della sua infanzia in Canada e disavventure sui set cinematografici. 
Per questo semplice quanto basso motivo ho dato una controllatina a Imdb e ho deciso di guardare P.S. I love you: una commediola sentimentale che lo vede protagonista insieme a Hilary Swank. Se dovessi usare una metafora per il film, direi probabilmente che si tratta di una baklava. Un dolce che più dolce non si può, persino  stucchevole.
Gli amanti di questo dolce di origine greca (molto diffuso anche in Turchia e negli stati arabi e del mediterraneo) non se ne abbiano a male se dico con convinzione che la baklava "is not my cup of tea!": mandorle, noci, burro, zucchero, miele... tutte cose ottime, ma che mescolate assieme mi danno un senso di pesantezza già al secondo boccone. 
La commedia è così: inizia con dialoghi che vogliono dipingere la quotidianità della coppia e invece risultano artificiali e subdolamente costruiti per spezzarti il cuore quando, 5 minuti dopo, il bel Gerald esce di scena causa morte prematura per un tumore al cervello. 
Il film è tratto da un libro di Cecelia Haern, ormai scrittrice affermata, che ambienta la storia nella natia Irlanda. La pellicola made in Usa, per non rinunciare alla bellezza delle scogliere e dei paesaggi di Galway, ha trovato un escamotage: Gerry era un figone irlandese e aveva conosciuto Hilary mentre lei era in viaggio con la scuola. Colpo di fulmine: tanto era bastato perchè lui si innamorasse al punto da emigrare in America.
La vedova visiterà la verde Irlanda secondo il volere del defunto marito, che continua a parlarle tramite una serie di epistole scritte per lei prima della scomparsa. Non entro nei dettagli della corrispondenza postuma, che sono poi l'idea centrale del film, sappiate solo che si tratta di un concentrato di cliché concepiti per toccare le corde del pianto a dirotto. 
Hilary Swank, tanto caruccia, non rende proprio. La commedia romantica, evidentemente, non la fa risaltare quanto una bella sudatona sul ring. Niente a che vedere insomma con il brio di Kate Hudson o la sexy goffaggine di Sandra Bullock.
Per fortuna la tapina amava tanto il marito e per tutto il film ha le visioni: così noi possiamo goderci qualche assaggio di Gerald.

PS: per chi volesse cimentarsi nella baklava, vi rimando alla ricetta di Cavoletto di Bruxelles. Ma comprate la pasta filo, in casa non si può fare! 
foto dal web

#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...