La Doppia Ora e il pasticcio ferrarese. Ovvero niente è come sembra

foto dal web
A guardarlo sembra una torta. La superficie dorata della pasta che profuma di dolce non lascia dubbi. Poi lo tagli e scopri che nasconde un ripieno di pasta, precisamente maccheroncini pasticciati con besciamella e ragù di carni, funghi e tartufo. Fuori dolce, dentro salato, si tratta del pasticcio ferrarese, una ricetta che risale alle corti estensi. Un sapore che appare inedito grazie all'originalità degli abbinamenti: lo stesso accade con l'opera prima di Giuseppe CapotondiLa doppia ora. Il film, con Ksenia Rappoport e Filippo Timi, lascia piacevolmente disorientati: mantiene alta la tensione, gioca bene con i particolari (uno su tutti la doppia ora che dà il titolo alla pellicola, ovvero il momento in cui sull'orologio l'ora coincide con i minuti), snoda una trama che poi viene sorprendentemente capovolta e rifinita da nuove rivelazioni. Qualcosa di diverso dai soliti film italiani: qui dominano intreccio e intensità delle emozioni, con ammiccamenti al mondo degli spiriti e alla tradizione del giallo.

Riporto il link alla ricetta del pasticcio ferrarese sul sito Cookaround. Eccola  



Post più popolari