sabato 22 maggio 2010

La Doppia Ora e il pasticcio ferrarese. Ovvero niente è come sembra

foto dal web
A guardarlo sembra una torta. La superficie dorata della pasta che profuma di dolce non lascia dubbi. Poi lo tagli e scopri che nasconde un ripieno di pasta, precisamente maccheroncini pasticciati con besciamella e ragù di carni, funghi e tartufo. Fuori dolce, dentro salato, si tratta del pasticcio ferrarese, una ricetta che risale alle corti estensi. Un sapore che appare inedito grazie all'originalità degli abbinamenti: lo stesso accade con l'opera prima di Giuseppe CapotondiLa doppia ora. Il film, con Ksenia Rappoport e Filippo Timi, lascia piacevolmente disorientati: mantiene alta la tensione, gioca bene con i particolari (uno su tutti la doppia ora che dà il titolo alla pellicola, ovvero il momento in cui sull'orologio l'ora coincide con i minuti), snoda una trama che poi viene sorprendentemente capovolta e rifinita da nuove rivelazioni. Qualcosa di diverso dai soliti film italiani: qui dominano intreccio e intensità delle emozioni, con ammiccamenti al mondo degli spiriti e alla tradizione del giallo.

Riporto il link alla ricetta del pasticcio ferrarese sul sito Cookaround. Eccola  



Season finale per Fringe: da gustare con la torta di ricotta

Giovedì 20 maggio in America hanno trasmesso la seconda parte di Over There, puntata numero 22 della seconda stagione di Fringe. Se siete tra gli aficionados della creatura di J.J.Abrams, prima di cliccare sul tasto play vi consiglio di mettervi comodi nell'angolo preferito del divano con gli appropriati mezzi di sostentamento a portata di mano, in modo da godervi a pieno questa season finale ricca di emozioni.
Una fetta di torta potrebbe fare al caso vostro. Vi lascio quindi la ricetta di questa alla ricotta, abbastanza leggera e dal sapore delicato, e anche molto veloce da preparare. In onore alla simpatica Astrid, che quando è nervosa si dedica alla cucina e in questo episodio, durante l'assenza dei nostri, sfornerà dolci per un esercito.

TORTA ALLA RICOTTA E LIMONE
12 cucchiai di farina
12 cucchiai di zucchero
1 confezione di ricotta da 250 gr
1 limone
50 gr di burro
3 uova
mezza busta di lievito vanigliato

Mescolare le uova sbattute con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata e il lievito. Aggiungere la ricotta, il succo di un limone, la scorza grattuggiata del limone (bio, se no ci intossichiamo), e il burro fuso. Amalgare bene e versare in uno stampo imburrato. Cuocere in forno a 180 gradi per 45 minuti circa.


martedì 18 maggio 2010

La pasta al pesto come i classici dell'estate

Anche se quest'anno la stagione calda fa fatica ad ingranare, siamo alle porte dell'estate. La stagione dei capelli lasciati asciugare al vento, delle ciabattine infradito e delle sere luminose con le finestre aperte. Sembra ancora tutto molto distante, ma a breve l'estate ci colpirà in pieno volto e sarà tutto come sempre. La gente  che invade le strade e lespiagge e le programmazioni televisive che chiudono la serranda e vanno in vacanza. Allora prenderà il via la saga dei film fatti mille volte, dalla Principessa Sissi a Ghost, da Top Gun Dirty Dancing. E, diciamo la verità, un po' ci piacciono queste replicozze. Nelle sere più pigre, immobilizzati dall'afa, ci abbandoniamo davanti alla tele, assaporando un ghiacciolo, e ci rivediamo con gusto un film di cui sappiamo a memoria le battute.
E' un po' come con la pasta: cerchiamo di non mangiarla tutti i giorni, di alternarla al pollo grigliato con bietoline e insalata o magari al piacere salutare ed esotico del sushi, ma in fondo rimane la nostra preferita. Come ci soddisfa lei, pochi piatti sanno fare. Allo stesso modo ogni tanto ci piace sentire che "nessuno può mettere Baby in un angolo", non importa se i maestri del cinema sono altri: una scorpacciata di romanticismo, avventura e magia è quello che ci vuole in quel momento. 
Così torniamo al nostro piattone di pastasciutta. Bandita dalle diete, adorata dalle masse, pratica, buona e per nulla ripetitiva. Recentemente ho preparato la pasta alla maniera ligure, con pesto e verdure, e ci siamo leccati i baffi. Eccovi la ricetta.

foto da web
PESTO
50 gr di basilico
4 cucchiaio di parmigiano reggiano
2-3 cucchiai di pecorino romano
50 gr di pinoli
olio quanto basta
1 spicchio d'aglio (potete anche non metterlo)
Tritare i pinoli, aggiungere il formaggio grattuggiato e le foglioline di basilico ed eventualmente l'aglio e frullate tutto per qualche secondo con il robot, oppure armatevi di pazienza e iniziate a pestare nel mortaio. In entrambi i casi, si aggiunge l'olio a filo fino a creare una purea densa e cremosa. Io non ho messo sale perché il pecorino romano è molto saporito, doveste farlo solo con il grana aggiungete un pizzico.
A parte lessate 1 patata e 200 gr di fagiolini.
Preparare la verdura tagliata a pezzetti in una terrina, condirla con il pesto. Lessate 200 gr di spaghetti e una volta cotti mescolateli nel condimento. Semplice, buona, dritta al punto. W il pesto!

#EatingOut 3: il gusto dell'Hamerica's a Milano

Torna la rubrica pensata per darvi qualche ispirazione nei giorni in cui decidete di mangiare fuori. Oggi restiamo a Milano e parliamo di...